giovedì 7 luglio 2022
Pronti, partita, via... con l'ambiente
di Chiara Ferrarelli
Nasce EcoGame Naturae, l'ambizioso gioco in scatola - con un futuro anche in Rete - che unisce la passione del tempo trascorso in buona compagnia e l'educazione ambientale
26 ottobre 2013

Massimiliano Desideri, presidente dell'Associazione Ecoriflesso, da anni impegnato nelle classi elementari e medie con un progetto dal significativo nome “A scuola con l'Ecologo”, sceglie di mettere a disposizione la propria esperienza nel campo dell'educazione e dell'ecologia, per un nuovo progetto. Nasce così EcoGame Naturae, un nuovissimo gioco in scatola, a breve in commercio, e che ha l'ambizione di riscoprire il valore del gioco di gruppo. Abbiamo incontrato Massimiliano per saperne di più sul suo progetto.

Ciao Massimiliano, il tuo progetto rientra nel mondo dei giochi in scatola. Da dove nasce il tuo interesse per questo ambito?
«Il gioco prende vita da un interesse per l'ecologia ma soprattutto dal voler diffondere alle nuove generazioni una consapevolezza “indolore” sui reali problemi che dovranno affrontare nel prossimo futuro. Il gioco quindi è ispirato dalla voglia/necessità di modellare l'ecosistema terrestre per poterlo rendere un gioco.»

Quali sono stati i giochi in scatola che tu, nella tua infanzia o giovinezza, prediligevi? «Diversi, ma sicuramente il più giocato è stato Risiko. Parlare solo dei giochi in scatola però mi sembra un po' restrittivo, perché si tratta sempre di modelli della realtà, come lo sono tutti i giochi in quanto strumento principe per ogni forma di apprendimento. In generale posso dire che il mio genere preferito è sempre stato quello dei giochi di strategia, dalla dama alle simulazioni cartacee o via computer.»

Nell'epoca dei giochi digitali, quali prospettive prevedi per Ecogame Naturae?
«Molto buone, perché sono convinto che sia necessario stare insieme fisicamente, per evitare una sorta di autismo e incapacità di comunicare causata dal troppo uso dei giochi individuali, un'esigenza che si fa sempre più viva anche fra i giovani, ma non solo. Inoltre è in programma lo sviluppo in Internet del progetto EcoGame Naturae, anzi già ci stiamo lavorando, il quale permetterà un incremento del numero dei giocatori, probabilmente anche facilitando l'aggregazione in gruppi, come in effetti già in uso con il progetto creato per l'Associazione Ecoriflesso.»
 
Dopo Ecogame Naturae, ci sono altri progetti in cantiere?
«Vorrei innanzitutto dire che EcoGame richiede ancora molto lavoro al suo interno. È una piattaforma di edutainement e di facilitazione per le persone nel rapporto col proprio territorio in quanto consentirà, attraverso l'inserimento di informazioni condivise e specifiche delle zone di appartenenza, una maggiore consapevolezza di dove si vive e di quali risorse il proprio quartiere o luogo dispone.»

Comunque oltre a questi, che già non sono da poco, hai altri progetti?
«Si diversi! Da tempo ho preparato un'analisi su un gioco per Internet molto sofisticato e che già di per sé è stato un lavoro difficile, perché prevede una grande capacità di elaborazione ed un lungo tempo di sviluppo, ma avrà moltissimi aspetti interessanti. Non per ultimo è la preparazione di un progetto europeo proprio per cercare risorse utili ai vari sviluppi elencati, ma soprattutto per facilitare la diffusione nelle scuole di questi metodi educativi estremamente efficaci.»

Che tipo di feed-back ti aspetti da chi acquisterà il gioco?
«Spero che, oltre a giocare, trovino il tempo di dare suggerimenti, intervenire nella costruzione di contenuti e degli altri progetti, ma soprattutto che si divertano molto a raccontarlo!»


Per chi fosse interessato al gioco può seguire EcoGame Naturae e saperne di più, oppure raggiungere il suo team, che il 5 Novembre sarà a disposizione per una sessione gratuita del gioco presso la libreria Mangiaparole di Roma. Cos'altro aggiungere? Pronti, partita, via!

 

26 ottobre 2013
AREA-
Dal clima al capitalismo. Cosa chiedono i Fridays for Future in Italia e nel mondo
di Harsha Kumara Chaminde Bandara THENNAKOON MUDIYANSELAG
I giovani di tutto il mondo hanno marciato per il loro futuro, comprese 70 città italiane. Ecco i loro slogan e le loro promesse
29 mar 2022
Inquinamento industriale: cosa le multinazionali stanno (forse) facendo
di Daniele Paoloni
Nell’ultimo decennio le emissioni atmosferiche generate dal settore industriale sono fortemente diminuite grazie a nuove rigorose normative, miglioramenti dell’efficienza energetica e nuove tecnologie produttive. Molte società stanno rapidamente diventando “green”, ma si tratta solamente di una facciata oppure vogliono veramente cambiare le cose?
25 mar 2022
Roma Food Policy: verso un piano del cibo
di Nadiia Frol e Leonardo Priolo
La città agricola più grande d'Italia è indietro nella costruzione di una Food Policy rispetto alle altre. Importanti passi avanti però sono stati fatti
14 feb 2022
Rosalba Giugni: «Preservare il mare è più importante che preservare la terra»
di Daniel Lucarelli e Maria Laura Treglia
Ogni anno vengono scaricate nei nostri mari tonnellate di plastiche che finiscono per alterare gli ecosistemi marini. Tuttavia, secondo la presidente di Marevivo Rosalba Giugni, le cause dell'inquinamento sono molteplici, e se queste non verranno affrontate in fretta porteranno a conseguenze potenzialmente disastrose
26 gen 2022
Nuovi poveri: per quest’anno si prometteva un Natale migliore
di Agostinho Augusto e Chiara Rainaldi
Non sembra essere migliorata la situazione in cui ormai si trovano i nuovi poveri dall'avvento della pandemia e, nonostante gli sforzi dell'ultimo anno, questo Natale 2021 non è stato diverso dal precedente
23 gen 2022