sabato 15 dicembre 2018
Informazione e disastri ambientali. Nasce la Carta di Olbia
di Ermanno Giuca
La dichiarazione pubblicata dai giornalisti cattolici propone ai cronisti un'informazione responsabile e approfondita durante i disastri ambientali. Denunciando le amministrazioni poco trasparenti e promuovendo modelli virtuosi di sostenibilità
«La professione giornalistica potrà avere un futuro solo attraverso la riscoperta della sua utilità sociale. La tutela dell'ambiente è un tema privilegiato in questo percorso». Responsabilità dell’informazione durante alluvioni e disastri. Parte da questi presupposti la dichiarazione di Olbia, una carta deontologica elaborata dai giornalisti dell’Unione Cattolica Stampa Italiana. Il documento ha voluto far sintesi del convegno “Informazione e tutela dell’ambiente” svoltosi nel capoluogo gallurese alla luce dei temi rilanciati dalla Laudato Si’ di Papa Francesco.

«La professione giornalistica - si legge nel documento - è in evidente crisi ma conserva un ruolo insostituibile a favore della coesione sociale, della legittimazione della politica in contrasto con la regressione populista, della possibilità concreta di reinventare le ragioni di fondo della pace e del vivere civile, anche di fronte a fenomeni epocali come il riscaldamento globale e le migrazioni. Appare evidente che pace, giustizia e salvaguardia del creato sono tre questioni del tutto connesse, e che la questione ambientale presenta un punto di rottura».
I giornalisti devono svolgere un ruolo importante nella risoluzione di questi problemi. «Il diritto alla terra e alla sua salvaguardia sono beni indisponibili. La corruzione e l’egoismo individualistico ne ostacolano il rispetto. Gli amministratori pubblici, gli imprenditori, chiunque abbia poteri rilevanti è chiamato a operare in modo trasparente e responsabile. I singoli cittadini devono maturare la consapevolezza che ogni nostra azione ambientale avrà conseguenze sul futuro dei nostri figli».

Compito dei cronisti non è rincorrere lo scoop dettato dall’editore ma costruire un rapporto di fiducia con i lettori/spettatori, denunciando i soprusi e mostrando i comportamenti virtuosi. «Noi giornalisti proviamo dunque a fare un esame di coscienza. Sappiamo svolgere il nostro ruolo di “cani da guardia” nella società civile? Ci limitiamo a rincorrere la cronaca, o facciamo un giornalismo di inchiesta, di investigazione, sui fenomeni che riguardano la vita di tutti? Di fronte ai fiumi che non si puliscono, ai ponti mal costruiti, alle costruzioni erette dove non dovrebbero esserci, raccontiamo o stiamo zitti? O piuttosto siamo portati a scaricare le responsabilità delle carenze informative sui nostri editori? Siamo convincenti nel mostrare modelli virtuosi di comportamenti pubblici e privati, o piuttosto consideriamo ogni doverosa attenzione educativa come estranea alla nostra missione professionale?»

Un’informazione corretta e a servizio della comunità richiede studio e approfondimento sul campo. «Per diffondere la nuova cultura ecologica i giornalisti devono approfondire le proprie competenze con un approccio interdisciplinare, e promuovere alleanze responsabili con chi analizza fenomeni complessi e fornisce interpretazioni e previsioni. In realtà, la professione giornalistica potrà avere un futuro solo attraverso la riscoperta della sua utilità sociale. I giornalisti devono maturare questa consapevolezza, impegnarsi a fondo reinventando il proprio ruolo al servizio delle comunità»

Da Olbia, simbolo di una feroce devastazione ambientale (nel 2013 il ciclone Cleopatra e più recentemente il ciclone Mediterraneo), i giornalisti cattolici propongono un nuovo modello di informazione responsabile. «La riflessione di Papa Francesco coinvolge tutti noi in questi doveri» ha affermato Andrea Melodia, presidente nazionale dell’Ucsi. «Reinventare il lavoro giornalistico come servizio della comunità vuol dire anche cambiare il modo in cui raccontiamo gli effetti delle alluvioni e i disastri ambientali preferendo la responsabilità alla spettacolarizzazione. Con un ascolto attento a chi analizza fenomeni complessi e fornisce interpretazioni e previsioni».




29 ottobre 2015
AREA-
Tutela del Pianeta: ultima chiamata?
di Roberto Carrasco Rojas
Ridurre le emissioni è un processo lento; nell'Accordo di Parigi i paesi hanno concordato di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi; eppure ci sono accordi per bloccare il documento finale della Cop 24 in corso in Polonia
11 dic 2018
Come conciliare le esigenze del turismo e quelle dell'ambiente? Il caso Seychelles
di Marta Immarrata
Il mondo è pieno di bellezze naturali da scoprire e ammirare, ma il turismo può rovinarle. Per questo occorre tutelarle.
29 nov 2018
Agricoltura sociale. Una risposta concreta all'emergenza NEET
di Maria Grazia Tripi
Agricoltura e terzo settore stanno diventando un binomio in costante sviluppo sia in termini economici che di inclusione. La cooperativa Kairos realizza progetti a favore di giovani e minori in situazioni di disagio
19 nov 2018
Dal 22 al 25 Aprile sbarca a Roma la quattro giorni mondiale per la Terra
di Francesco Mafera
Apre il Villaggio per la Terra, 4 giorni dedicati alla Tutela del Pianeta e alla Solidarietà. L’evento si svolge presso il Galoppatoio di Villa Borghese. L’ingresso è gratuito
23 apr 2016
Referendum sulle trivelle: la vera scelta è quella culturale
di Giorgio Marota
Che cosa andremo a votare il 17 aprile? Confronto tra le ragioni del sì e quelle del no, per cominciare a discuterne. Mentre gli italiani sembrano molto confusi.
26 mar 2016