domenica 23 gennaio 2022
Informazione e disastri ambientali. Nasce la Carta di Olbia
di Ermanno Giuca
La dichiarazione pubblicata dai giornalisti cattolici propone ai cronisti un'informazione responsabile e approfondita durante i disastri ambientali. Denunciando le amministrazioni poco trasparenti e promuovendo modelli virtuosi di sostenibilità
29 ottobre 2015
«La professione giornalistica potrà avere un futuro solo attraverso la riscoperta della sua utilità sociale. La tutela dell'ambiente è un tema privilegiato in questo percorso». Responsabilità dell’informazione durante alluvioni e disastri. Parte da questi presupposti la dichiarazione di Olbia, una carta deontologica elaborata dai giornalisti dell’Unione Cattolica Stampa Italiana. Il documento ha voluto far sintesi del convegno “Informazione e tutela dell’ambiente” svoltosi nel capoluogo gallurese alla luce dei temi rilanciati dalla Laudato Si’ di Papa Francesco.

«La professione giornalistica - si legge nel documento - è in evidente crisi ma conserva un ruolo insostituibile a favore della coesione sociale, della legittimazione della politica in contrasto con la regressione populista, della possibilità concreta di reinventare le ragioni di fondo della pace e del vivere civile, anche di fronte a fenomeni epocali come il riscaldamento globale e le migrazioni. Appare evidente che pace, giustizia e salvaguardia del creato sono tre questioni del tutto connesse, e che la questione ambientale presenta un punto di rottura».
I giornalisti devono svolgere un ruolo importante nella risoluzione di questi problemi. «Il diritto alla terra e alla sua salvaguardia sono beni indisponibili. La corruzione e l’egoismo individualistico ne ostacolano il rispetto. Gli amministratori pubblici, gli imprenditori, chiunque abbia poteri rilevanti è chiamato a operare in modo trasparente e responsabile. I singoli cittadini devono maturare la consapevolezza che ogni nostra azione ambientale avrà conseguenze sul futuro dei nostri figli».

Compito dei cronisti non è rincorrere lo scoop dettato dall’editore ma costruire un rapporto di fiducia con i lettori/spettatori, denunciando i soprusi e mostrando i comportamenti virtuosi. «Noi giornalisti proviamo dunque a fare un esame di coscienza. Sappiamo svolgere il nostro ruolo di “cani da guardia” nella società civile? Ci limitiamo a rincorrere la cronaca, o facciamo un giornalismo di inchiesta, di investigazione, sui fenomeni che riguardano la vita di tutti? Di fronte ai fiumi che non si puliscono, ai ponti mal costruiti, alle costruzioni erette dove non dovrebbero esserci, raccontiamo o stiamo zitti? O piuttosto siamo portati a scaricare le responsabilità delle carenze informative sui nostri editori? Siamo convincenti nel mostrare modelli virtuosi di comportamenti pubblici e privati, o piuttosto consideriamo ogni doverosa attenzione educativa come estranea alla nostra missione professionale?»

Un’informazione corretta e a servizio della comunità richiede studio e approfondimento sul campo. «Per diffondere la nuova cultura ecologica i giornalisti devono approfondire le proprie competenze con un approccio interdisciplinare, e promuovere alleanze responsabili con chi analizza fenomeni complessi e fornisce interpretazioni e previsioni. In realtà, la professione giornalistica potrà avere un futuro solo attraverso la riscoperta della sua utilità sociale. I giornalisti devono maturare questa consapevolezza, impegnarsi a fondo reinventando il proprio ruolo al servizio delle comunità»

Da Olbia, simbolo di una feroce devastazione ambientale (nel 2013 il ciclone Cleopatra e più recentemente il ciclone Mediterraneo), i giornalisti cattolici propongono un nuovo modello di informazione responsabile. «La riflessione di Papa Francesco coinvolge tutti noi in questi doveri» ha affermato Andrea Melodia, presidente nazionale dell’Ucsi. «Reinventare il lavoro giornalistico come servizio della comunità vuol dire anche cambiare il modo in cui raccontiamo gli effetti delle alluvioni e i disastri ambientali preferendo la responsabilità alla spettacolarizzazione. Con un ascolto attento a chi analizza fenomeni complessi e fornisce interpretazioni e previsioni».




29 ottobre 2015
AREA-
Progetti per città sostenibili: innovazioni di bio-edilizia dal New Mexico all'Italia
di Matilde Di Veroli e Giulia Morelli
Costruire abitazioni con materiali di scarto o materiali edili naturali? Ora è possibile e a impatto zero, come le iniziative di Michael Reynolds e della Ricehouse che puntano a cambiare il mondo
19 gen 2022
Cambiare le regole del gioco: Federica Gasbarro e i giovani nella lotta al cambiamento climatico
di Rimon Basumatary e Benedetta Marino
La crisi climatica è una minaccia per il nostro pianeta e non abbiamo più la possibilità di temporeggiare. La giovane attivista romana, ospite all'Università Pontificia Salesiana di Roma ci propone alternative ecologicamente sostenibili
17 gen 2022
Cop26, passi in avanti o solo “bla bla bla”?
di Paolo Rosi
Le reazioni delle associazioni ambientaliste alla Conferenza dell’Onu sui cambiamenti climatici si dividono tra critiche e speranze ottimiste
2 dic 2021
L'Università Salesiana dà inizio al suo progetto green e dice “sì” alla Laudato Si’
di Alessandra Verna
Ha avviato ufficialmente un piano di efficientamento energetico dell’intero campus e aderisce alla Piattaforma di Iniziative Laudato Si’ per la promozione dei valori dell’ecologia integrale
25 nov 2021
Il Pianeta che speriamo. <br>Se le buone pratiche fanno la differenza
di Paolo Rosi
Dalle modifiche alla costituzione al condominio autosufficiente dal punto di vista energetico. Cittadini e governanti devono mettersi in gioco con scelte coraggiose
7 nov 2021