sabato 15 dicembre 2018
Nel corridoio della morte, a 100 anni
di Evodio Joao
Nigeria: è il condannato a morte più anziano del mondo, Celestine Egbunche, di salute precaria, ancora in attesa dell'esecuzione. Lo assiste il figlio, anche lui in carcere

Celestine Egbunche, età cento anni compiuti ad agosto scorso, da quattro anni attende a Enug Maximum Prison, in Nigeria, il giorno della sua esecuzione dopo che è stato condannato a morte per omidicio avenuto nel 2000, durante un conflitto a fuoco nello Stato di Imo. Con la salute precaria e senza capacità di capire cosa gli succede intorno, Egbunche si fa aiutare sempre dal figlio, Paul, anche lui condannato alla stessa pena del padre.

“Sono io che mi prendo cura di lui; quando non ci sono, gli altri mi aiutano a lavarlo e vestirlo. A volte lui mi chiede chi sono le persone che se trovano qui”, afferma Paul che spera tornare a casa insieme con suo padre.

Tuttavia una organizzazione non governativa di nome Global Society for Anti-corruption ha chiesto l'indulto per Egbunuche per ragioni di età e di salute. Secondo Franklin Ezeona, presidente del GSAC, l’ultima inchiesta della organizzazione ha indicato che le condizioni di salute del centenaro che soffre per anni di diabete potrà fargli perdere la vista. L’organizzazione è in attessa di rispota da parta del Governatore Federale Rochas Okorocha.

Mentre nel mondo il numero di stati che applicano la pena di morte tende a calare. Secondo il rapporto del Segretario general dell’Onu Antonio Guterres, circa 170 stati hanno abolito o messo la moratoria. Nel 2016 Madagascar e Gambia, afferma Guterres, hanno fatto passi significativi per l'abbolizione definitiva della pena di morte, in Nigeria c’è un anziano ultracentenario che non sa... quale sarà il suo futuro.

21 novembre 2018
AREA-
La fragilità è la parte più vera di noi. Ce lo insegna Leopardi
di Chiara Monaldo
Essere fragili è un'arte, sostiene Alessandro D'Avenia in un suo noto libro. Tanto più in un mondo dove vince chi è più forte, dove sin da piccoli ci insegnano a difenderci dagli altri, e a volte anche da noi stessi.
29 nov 2018
Si moltiplicano le iniziative di solidarietà nei confronti di Padre Maccalli, rapito in Niger
di Brice Ulrich Afferi
Sono passati due mesi dal giorno del rapimento e non ci sono notizie né richieste di riscatto.
17 nov 2018
Leah Sharibu: her Christian faith in the face of death
di Juventus Mairiga
A Nigerian schoolgirl is being held by the Islamic terrorist group Boko Haram because she refused to renounce her faith.
5 nov 2018
Costa D'Avorio. La Corte Penale Internazionale assolverà l'ex presidente Gbagbo?
di Donald Hyacinthe Oualy
Incarcerato dopo i controversi risultati delle elezioni del 2010, si è sempre detto innocente. La Corte Penale Internazionale si gioca la credibilità
1 nov 2018
Crise au Cameroun: l'opposition poussèe à la rèvolte sociale
di Dieudonne Baleba Baleba
La Court Constitutionnelle a donné son verdict en faveur de Paul Biya, une victoire à deux sons de cloches qui sépare les populations
30 ott 2018