giovedì 9 luglio 2020
Nel corridoio della morte, a 100 anni
di Evodio Joao
Nigeria: è il condannato a morte più anziano del mondo, Celestine Egbunche, di salute precaria, ancora in attesa dell'esecuzione. Lo assiste il figlio, anche lui in carcere

Celestine Egbunche, età cento anni compiuti ad agosto scorso, da quattro anni attende a Enug Maximum Prison, in Nigeria, il giorno della sua esecuzione dopo che è stato condannato a morte per omidicio avenuto nel 2000, durante un conflitto a fuoco nello Stato di Imo. Con la salute precaria e senza capacità di capire cosa gli succede intorno, Egbunche si fa aiutare sempre dal figlio, Paul, anche lui condannato alla stessa pena del padre.

“Sono io che mi prendo cura di lui; quando non ci sono, gli altri mi aiutano a lavarlo e vestirlo. A volte lui mi chiede chi sono le persone che se trovano qui”, afferma Paul che spera tornare a casa insieme con suo padre.

Tuttavia una organizzazione non governativa di nome Global Society for Anti-corruption ha chiesto l'indulto per Egbunuche per ragioni di età e di salute. Secondo Franklin Ezeona, presidente del GSAC, l’ultima inchiesta della organizzazione ha indicato che le condizioni di salute del centenaro che soffre per anni di diabete potrà fargli perdere la vista. L’organizzazione è in attessa di rispota da parta del Governatore Federale Rochas Okorocha.

Mentre nel mondo il numero di stati che applicano la pena di morte tende a calare. Secondo il rapporto del Segretario general dell’Onu Antonio Guterres, circa 170 stati hanno abolito o messo la moratoria. Nel 2016 Madagascar e Gambia, afferma Guterres, hanno fatto passi significativi per l'abbolizione definitiva della pena di morte, in Nigeria c’è un anziano ultracentenario che non sa... quale sarà il suo futuro.

21 novembre 2018
AREA-
Kinshasa, Congo. Ecco come gli abitanti trascurano la pandemia
di Sophie MUJINGA CIOLA
La vita della popolazione congolese di Kinshasa in questo periodo di crisi sanitaria. Tra dubbi e lassismo
3 giu 2020
Violenza domestica in Costa d'Avorio: un caso che non è un'eccezione
di Brice Ulrich Afferi
Spopola sui social il video di una donna che cade da un balcone sfuggendo al marito che la picchiava. Il 70% delle donne subisce violenza e la polizia si è organizzata per combatterla
24 apr 2020
Gli attacchi di  Boko Haram e la reazione dell'esercito. Non c'è pace per il Ciad
di Tikabi YADASSI
Dopo gli ultimi gravissimi attentati - l'ultimo ha causato 92 morti - il presidente e l'esercito del Ciad hanno lanciato una controffesiva. E la condizione della popolazione resta difficile.
22 apr 2020
Cile. Daniela Carrasco e i cittadini non meritano fake news
di Andrea Santoni
Occorre far chiarezza sulle proteste in Cile, c'è bisogno di verità in un mare di chiacchiere
26 nov 2019
Ancora un terremoto, questa volta nel Lazio. Quando faremo prevenzione?
di Marta Immarrata
La scossa a Colonna non ha fatto grandi danni, ma ci ricorda che si può fare molto per prevenire eventi più tragici
24 giu 2019
i