domenica 18 novembre 2018
"Ciao Desirée": San Lorenzo manifesta contro violenza e odio
di Koffi Xolali Dadale
Dopo la morte della ragazza drogata e stuprata, il quartiere romano si è ritrovato per esprimere solidarietà a difesa delle vittime. Desirée è diventata simbolo di protesta contro la violenza sulle donne.

La manifestazione a Roma contro il clima di odio e di violenza dopo la tragica e dolorosa morte di Desirée, si è aperta con un minuto di silenzio e applauso in ricordo della sedicenne. Nella piazza dell’immacolata, sabato 27 ottobre scorso, l'ANPI (l'Associazione nazionale dei Partigiani d'Italia) di Roma, insieme con altre associazione e movimenti di San Lorenzo (il quartiere romano dove è avvenuto il delitto), alla Cgil, agli studenti del quartiere hanno organizzato una manifestazione che ha visto una forte partecipazione. Lo scopo è stato quello di mostrare la solidarietà di tutte le persone del quartiere alla famiglia in lutto, di denunciare la violenza sulle donne, condannare quelli che distribuiscono la droga e infine impedire strumentalizzazioni razziste di questa tragedia per puri interessi politici.

 

Nel pomeriggio del sabato sono stati in tanti, che si sono dichiarati antifascisti e antirazzisti, a scendere sulla piazza con i cartelli per difendere le cause in cui credono. «Abbiamo preso questa piazza, assieme al movimento femminista e alle associazioni del quartiere di San Lorenzo, perché non tolleriamo più strumentalizzazioni di chi reagisce ai delitti, come quello della giovane Desirèe, solo quando l’aggressore è straniero». Ce lo dice il presidente di ANPI di Roma, Fabrizio De Sanctis. Sui cartelli, fatti spesso a mano, spontanei, ma molto indicativi, si è potuto leggere frasi che fanno rifletere. Una di Noi; Se toccano una Toccano Tutte; Si all’educazione sessuale e non all’educazione sessista; Basta Violenza Maschile sulle donne; Non una di Meno; Maschilismo, Razzismo, omofobia NO; e l’ultima che riteniamo tra le più provocatorie è: La Violenza la fanno gli uomini, con sottotitolo la violenza non ha passaporto che fa riferimento chiaro a ciò che ha detto Tina Costa, una dei responsabili dei Partigiani nel suo intervento: "c'è solo una razza, quella umana. Restiamo uniti contro ogni fascismo, anche di governo"

 

Nei diversi interventi, sia di anziani che di giovani, i responsabili e i meccanismi che facilitano la diffusione della droga sono stati condannati con forza; esempio di quella che ci dice Stefano, un giovane rapresentante "Nessuno si permetta più di accomunare gli spazi occupati di San Lorenzo con lo spaccio di eroina". Nei cartelli che mandavano messaggi, però, sembrava mancare anche questo atto d'accusa forte contro droga e spacciatori.

 

2 novembre 2018
AREA-
Assolta Asia Bibi, ma resta fra l'incudine e il martello
di Donald Hyacinthe Oualy
Dopo l'assoluzione della giustizia pakistana, Asia e la sua famiglia sono alla ricerca di un Paese dove vivere, perché la sua vita è minacciata. Ma per paura dei fondamentalisti anche uscire è un problema .
16 nov 2018
Boko haram: a jihadist mystery in Nigeria
di Juventus Mairiga
Understanding one of the most violent terrorist groups in West Africa
12 nov 2018
Libertà di informazione. La classifica di Reporter Senza Frontiere è attendibile?
di Alessio Tiglio
L'Italia si trova solo al 52° posto. Ma i criteri adottati dalla ONG sono discutibili
10 mag 2017
Il gioco della Balena Blu, che spinge i ragazzi a farsi del male
di Donald Hyacinthe Oualy
Apparso su un social media russo, pare abbia indotto diversi ragazzi al suicidio. Si lasciano coinvolgere i più fragili
13 apr 2017
Referendum. La par condicio negata ai fuori sede
di Ermanno Giuca
Per votare al referendum 250.000 giovani cittadini dovranno rientrare nella propria città di residenza. Perché il voto a distanza non è ancora in vigore in Italia? La sfida della campagna #iovotofuorisede
18 nov 2016