sabato 15 dicembre 2018
Assolta Asia Bibi, ma resta fra l'incudine e il martello
di Donald Hyacinthe Oualy
Dopo l'assoluzione della giustizia pakistana, Asia e la sua famiglia sono alla ricerca di un Paese dove vivere, perché la sua vita è minacciata. Ma per paura dei fondamentalisti anche uscire è un problema .

Il 1 novembre, contro tutte le attese e malgrado la pressione dei fondamentalisti islamici, Asia Bibi, accusata per blasfemia viene dichiarata innocente dal tribunale pakistano. La storia di questa donna di 47 anni inizia otto anni fa quando, durante una discussione sul lavoro con un gruppo di donne, venne accusata di avere insultato il profeta Maometto. Queste donne rimproverarono Asia di aver toccato un recipiente sacro, pur essendo cristiana.

La risposta di Asia a questa accusa fu che lei non era sicura che il profeta Maometto avrebbe avuto la stessa reazione e che sarebbe stato d'accordo con loro. Le hanno chiesto di convertirsi alla fede musulmana, ma lei si è rifiutata. La donna, madre di cinque bambini, viene dennunciata e condannata nel 2010.

 

Asia ha sempre negato queste accuse, e non ha mai rinunciato alla sua fede. La sua storia ha piano piano coinvolto il mondo intero, che ha chiesto più volte la sua liberazione, perchè nessuno puo' essere messo in carcere per le sue convizioni religiose.

Comunque nel suo paese, in Pakistan, il caso ha diviso la popolazione. Alcuni rifiutano la condanna di una persona per blasfemia echiedono la revisione di questa legge, che a volte serve ad alcuni per vendicarsi.

 

Dopo otto anni di carcere, Asia è assolta. Ma la sua tragedia continua. Infatti, l'annuncio della sua liberazione ha creato grandi turbamenti perché nei giorni seguenti, i sostenitori del partito politico radicale Tehreek-e-Pakistan Labbaik (Tlp) sono scesi in strada in diverse zone del Pakistan per protestare contro la decisione giudiziaria gridando: ''Morte ai giudici! morte a Asia!''. Di fatto, le è impedito di uscire dal Paese. Gli islamisti radicali pachistani hanno bloccato la partenza di Bibi, chiedendo che venga revocata la sua assoluzione. 

 

In questi giorni girano sul web false notizie, che annunciano che Asia ha lasciato il suo paese e delle foto  con il papa; il ministro dell'Informazione, Fawad Chaudhry, ha criticato queste fake news che, secondo lui, alimentano le minacce di morte per Asia e per alcune autorità pakistane. Alla fine, però, il ministro assicura che la cristiana assolta è in un posto sicuro, che quasi nessuno conosce!

Asia, alla fine, pur assolta, rimane fra l'incudine e il martelo. In questi ultimi gioni sua figlia, facendo una video, ha raccontato come stia ancora aspettando l'incontro con la mamma.

   

16 novembre 2018
AREA-
Centrafrica: a giudizio l'ex capo della milizia Anti -balaka
di Donald Hyacinthe Oualy
Sabato 17 novembre la CPI (Corte Penale Internazionale), ha "accolto" un nuovo ospite: il centrafricano Alfred Yekatom ex capo della milizia Anti-Balaka, imputato dei peggiori crimini contro l'umanità
4 dic 2018
Boko haram: a jihadist mystery in Nigeria
di Juventus Mairiga
Understanding one of the most violent terrorist groups in West Africa
12 nov 2018
di Koffi Xolali Dadale
Dopo la morte della ragazza drogata e stuprata, il quartiere romano si è ritrovato per esprimere solidarietà a difesa delle vittime. Desirée è diventata simbolo di protesta contro la violenza sulle donne.
2 nov 2018
Libertà di informazione. La classifica di Reporter Senza Frontiere è attendibile?
di Alessio Tiglio
L'Italia si trova solo al 52° posto. Ma i criteri adottati dalla ONG sono discutibili
10 mag 2017
Il gioco della Balena Blu, che spinge i ragazzi a farsi del male
di Donald Hyacinthe Oualy
Apparso su un social media russo, pare abbia indotto diversi ragazzi al suicidio. Si lasciano coinvolgere i più fragili
13 apr 2017