lunedì 19 agosto 2019
L'arte è di chi la produce
di Evodio Joao
Macron restituisce alcune opere al Benin e la decisione sorprende e fa discutere. Ci si domanda: c'è da attendersi altri "ravvedimenti" artistici? E se poi non funziona?

Il presidente della Francia, Emmanuel Macron, ha deciso di restituire 26 opere d'arte al Benin. Lo ha annunciato il 23 novembre dopo aver ricevuto il rapporto di Benedicte Savoystorica dell'arte francese, e di Felwine Sarrscrittore ed economista senegalese, che raccomanda la restituizione dei tesori africani ai loro paesi di origine. 

Il presidente francese ha detto che le 26 opere d'arte che si trovano nel Museo Quai Branly, a Parigi, saranno restituite "senza indugio". Il Benin aveva ufficialmente chiesto anni fa alla Francia le statue dei Palazzi di Abomey prese dall'esercito francese come bottino di guerra durante il conflitto coloniale nel 1892.

Durante un incontro con gli studenti in Burkina Faso nel 2017, Macron aveva già riconosciuto gli effetti della colonizzazione europea e detto: "non posso accettare che gran parte del patrimonio culturale di molti paesi africani debba essere in Francia. L'eredità dell'Africa deve essere messa in mostra a Parigi, ma anche a Dakar, Lagos, Cotonou", e per i prossimi cinque anni ritiene che "la restituizione temporanea o definitiva del patrimonio culturale africano all'Africa" sia tra le sue priorità.

Secondo il rapporto dei accademici Savoy e Sarr, la Francia ha almeno 90.000 oggetti dall'Africa sub-sahariana nelle sue collezioni nazionali, di cui 70.000 sono nel Museo Quai Branly. Il rapporto ha anche rivelato che centinaia di migliaia di altri oggetti africani si trovano in Belgio, Regno Unito, Austria e Germania.
 
Reagendo alla decisione di Macron, Ousmane Aledji, direttore del centro culturale in Benin, ha manifestato la sua felicità nel vedere "una nuova forma di scambio culturale" dei paesi africani con la Francia. La stessa reazione è venuta da Abdou Latif Coulibaly, ministro della cultura del Senegal, che ha detto che era "logico che gli africani dovessero riprendere le loro opere. Queste opere sono state prese in condizioni che se anche forse erano legittime all'epoca, oggino non lo sono più".

Cosa ci aspetta ancora da questa decisione di Macron?

Da ricordare che la decisione del presidente francese lascia l'opinione pubblica mondiale divisa. Mentre da una parte si ritiene giusto restituire all'Africa quello che è dell'Africa, ma non si deve ingnorare il fatto che molti musei africani mancano delle risorse per proteggere e curare arte e artefatti che sono di grande valore per l'umanità. In Francia le opere sono al sicuro, curate e prontamente disponibili al pubblico. Sarà co' anche nei paesi di origine?

E se la cosa funzionerà, sarà lo stesso destino per altri pezzi, ad esempio rinascimentali italiani, che si trovano nei musei americani? Verrano restituiti alle chiese italiane? O i dipinti religiosi di El Greco alle chiese spagnole? Il Mantello di Powhatan, ora in Inghilterra, tornerà in Virginia? Difficile aspettarselo anche se la decisione di Macron potrebbe creare un precedente per un generale revisione dei sistemi di proprietà e gestione del patrimonio artistico. Aspettiamo per vedere!

15 dicembre 2018
AREA-
Don Edmond Dembélé: un costruttore di pace in Mali
di Brice Ulrich Afferi
È stato decorato Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica del Mali, per il ruolo che ha avuto nel creare dialogo in momenti di grande crisi. Studia all'Università Pontificia Salesiana
23 giu 2019
di Aldo Lopez Portillo
Ma forse il vero miracolo è quello che è successo dopo che è sopravvissuto all'aggressione: il dialogo con i giovani componenti della banda
3 giu 2019
Ho ottant'anni e da piccola ho imparato tre cose
di Augustine Lourdu Sami
La storia di Caterina Valente, che da bambina ha dovuto lasciare la sua casa per colpa della guerra e non ha mai dimenticato quell'esperienza.
1 giu 2019
Perché le ultime elezioni sono state vinte dai partiti di destra? Ce lo dicono gli elettori di Sabaudia
di Dario Jean
Reportage da una giornata di elezioni sotto la pioggia: si vota contro questa Europa che ha lasciato sola l'Italia sul problema dei migranti.
31 mag 2019
Agricoltura sociale, una nuova prospettiva educativa
di Maria Grazia Tripi
L'agricoltura sociale oggi è una possibilità concreta di sviluppo e di integrazione sociale.Vi raccontiamo una giornata vissuta insieme ad operatori ed utenti.
29 mag 2019
i