domenica 4 dicembre 2022
Come conciliare le esigenze del turismo e quelle dell'ambiente? Il caso Seychelles
di Marta Immarrata
Il mondo è pieno di bellezze naturali da scoprire e ammirare, ma il turismo può rovinarle. Per questo occorre tutelarle.
29 novembre 2018

L'Italia è ricca di un grande patrimonio culturale e paesaggistico, che noi dovremmo conservare e custodire con amore, anche se spesso non succede così. Il nostro Paese vanta tra l'altro un patrimonio immenso di vegetazione, che con la nostra azione quotidiana compromettiamo senza rendercene conto.

Siamo un Paese che richiama turisti da ogni parte del mondo, basti pensare alle colline e alle valli toscane (Pienza), patrimonio dell'UNESCO. Stando alle recenti statistiche  dell'Istat, nel 2017 i turistisono cresciuti e hanno raggiunto percentuali ben più alte dello scorso 2016, con una grande affluenza di stranieri, sopratutto provenienti dalla Germania, che vengono a visitare in ogni stagione dell'anno il nostro Paese.

 

Sono dati certamente da andarne fieri, ma il turismo nel mondo rischia di provocare danni all'ambiente, e va regolamentato. Prendiamo come riferimento per esempio  le isole dell'oceano indiano, come le Seychelles, che sono considerate ad oggi un "arcipelago-eden", perché in questa giovane Repubblica, oltre ad esserci una delle spiagge più belle al mondo, boschi e montagne sono un patrimonio naturale e nessuno può tagliare un solo albero, e l'83 per cento del territorio nazionale è protetto.

Dall'altra parte, il turismo organizzato offre grandi comodità, con trasporti pubblici e privati efficenti. Lo scopodelle Seycelles sarebbe di non intaccare le risorse naturali, ma allo stesso tempo incentivare i visitatori attraverso strutture adeguate.

 

Facendo appello a ciò, proteggere il nostro patrimonio valorizzandolo, imporre delle leggi pù severe che salvaguardino il  patrimonio naturale che spesso lasciamo abbandonato a se stesso, dovrebbe essere un dovere. Il turismo sicuramente migliorebbe ulteriomente  e attrarrebbe un maggior numero di visitatori.

 

29 novembre 2018
AREA-
Dal clima al capitalismo. Cosa chiedono i Fridays for Future in Italia e nel mondo
di Harsha Kumara Chaminde Bandara THENNAKOON MUDIYANSELAG
I giovani di tutto il mondo hanno marciato per il loro futuro, comprese 70 città italiane. Ecco i loro slogan e le loro promesse
29 mar 2022
Inquinamento industriale: cosa le multinazionali stanno (forse) facendo
di Daniele Paoloni
Nell’ultimo decennio le emissioni atmosferiche generate dal settore industriale sono fortemente diminuite grazie a nuove rigorose normative, miglioramenti dell’efficienza energetica e nuove tecnologie produttive. Molte società stanno rapidamente diventando “green”, ma si tratta solamente di una facciata oppure vogliono veramente cambiare le cose?
25 mar 2022
Roma Food Policy: verso un piano del cibo
di Nadiia Frol e Leonardo Priolo
La città agricola più grande d'Italia è indietro nella costruzione di una Food Policy rispetto alle altre. Importanti passi avanti però sono stati fatti
14 feb 2022
Rosalba Giugni: «Preservare il mare è più importante che preservare la terra»
di Daniel Lucarelli e Maria Laura Treglia
Ogni anno vengono scaricate nei nostri mari tonnellate di plastiche che finiscono per alterare gli ecosistemi marini. Tuttavia, secondo la presidente di Marevivo Rosalba Giugni, le cause dell'inquinamento sono molteplici, e se queste non verranno affrontate in fretta porteranno a conseguenze potenzialmente disastrose
26 gen 2022
Nuovi poveri: per quest’anno si prometteva un Natale migliore
di Agostinho Augusto e Chiara Rainaldi
Non sembra essere migliorata la situazione in cui ormai si trovano i nuovi poveri dall'avvento della pandemia e, nonostante gli sforzi dell'ultimo anno, questo Natale 2021 non è stato diverso dal precedente
23 gen 2022