giovedì 24 giugno 2021
Come conciliare le esigenze del turismo e quelle dell'ambiente? Il caso Seychelles
di Marta Immarrata
Il mondo è pieno di bellezze naturali da scoprire e ammirare, ma il turismo può rovinarle. Per questo occorre tutelarle.
29 novembre 2018

L'Italia è ricca di un grande patrimonio culturale e paesaggistico, che noi dovremmo conservare e custodire con amore, anche se spesso non succede così. Il nostro Paese vanta tra l'altro un patrimonio immenso di vegetazione, che con la nostra azione quotidiana compromettiamo senza rendercene conto.

Siamo un Paese che richiama turisti da ogni parte del mondo, basti pensare alle colline e alle valli toscane (Pienza), patrimonio dell'UNESCO. Stando alle recenti statistiche  dell'Istat, nel 2017 i turistisono cresciuti e hanno raggiunto percentuali ben più alte dello scorso 2016, con una grande affluenza di stranieri, sopratutto provenienti dalla Germania, che vengono a visitare in ogni stagione dell'anno il nostro Paese.

 

Sono dati certamente da andarne fieri, ma il turismo nel mondo rischia di provocare danni all'ambiente, e va regolamentato. Prendiamo come riferimento per esempio  le isole dell'oceano indiano, come le Seychelles, che sono considerate ad oggi un "arcipelago-eden", perché in questa giovane Repubblica, oltre ad esserci una delle spiagge più belle al mondo, boschi e montagne sono un patrimonio naturale e nessuno può tagliare un solo albero, e l'83 per cento del territorio nazionale è protetto.

Dall'altra parte, il turismo organizzato offre grandi comodità, con trasporti pubblici e privati efficenti. Lo scopodelle Seycelles sarebbe di non intaccare le risorse naturali, ma allo stesso tempo incentivare i visitatori attraverso strutture adeguate.

 

Facendo appello a ciò, proteggere il nostro patrimonio valorizzandolo, imporre delle leggi pù severe che salvaguardino il  patrimonio naturale che spesso lasciamo abbandonato a se stesso, dovrebbe essere un dovere. Il turismo sicuramente migliorebbe ulteriomente  e attrarrebbe un maggior numero di visitatori.

 

29 novembre 2018
AREA-
Zero emissioni di CO₂: obiettivo raggiungibile
di Paolo Rosi
L’Agenzia Internazionale dell’Energia ha elaborato un percorso strategico per ridurre le emissioni a zero e limitare il riscaldamento globale a 1,5°C, non oltre il 2050
12 giu 2021
Se le api sparissero dalla faccia della terra...
di Sara Michielin
Api: una specie fondamentale per l’ecosistema, ma a rischio. Ecco perché urge sensibilizzare l'opinione pubblica sull'importanza della salvaguardia di questi insetti
8 giu 2021
Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è davvero green?
di Paolo Rosi
Legambiente propone delle modifiche. Greenpeace e Fridays for Future protestano. Il Wwf chiede una revisione. Il bilancio del lato “ecosostenibile” del Pnrr
25 mag 2021
#RespiroNeiParchi: la Giornata europea dei Parchi 2021 all'insegna della biodiversità
di Andrea Santoni
A 112 anni dalla nascita del primo parco nazionale d'Europa, si celebra quest'anno un'edizione particolare della Giornata europea nei Parchi. Focus centrale sulla biodiversità e le pratiche funzionali allo sviluppo sostenibile
24 mag 2021
Fronteggiare la malnutrizione con l’Intelligenza artificiale: una soluzione in Africa
di Jesus Padilla Iniguez
L’ Artificial Intelligence (Ai) offre la possibilità di combattere i problemi di nutrizione e di fame nei Paesi africani.
23 mag 2021