giovedì 21 febbraio 2019
Come conciliare le esigenze del turismo e quelle dell'ambiente? Il caso Seychelles
di Marta Immarrata
Il mondo è pieno di bellezze naturali da scoprire e ammirare, ma il turismo può rovinarle. Per questo occorre tutelarle.

L'Italia è ricca di un grande patrimonio culturale e paesaggistico, che noi dovremmo conservare e custodire con amore, anche se spesso non succede così. Il nostro Paese vanta tra l'altro un patrimonio immenso di vegetazione, che con la nostra azione quotidiana compromettiamo senza rendercene conto.

Siamo un Paese che richiama turisti da ogni parte del mondo, basti pensare alle colline e alle valli toscane (Pienza), patrimonio dell'UNESCO. Stando alle recenti statistiche  dell'Istat, nel 2017 i turistisono cresciuti e hanno raggiunto percentuali ben più alte dello scorso 2016, con una grande affluenza di stranieri, sopratutto provenienti dalla Germania, che vengono a visitare in ogni stagione dell'anno il nostro Paese.

 

Sono dati certamente da andarne fieri, ma il turismo nel mondo rischia di provocare danni all'ambiente, e va regolamentato. Prendiamo come riferimento per esempio  le isole dell'oceano indiano, come le Seychelles, che sono considerate ad oggi un "arcipelago-eden", perché in questa giovane Repubblica, oltre ad esserci una delle spiagge più belle al mondo, boschi e montagne sono un patrimonio naturale e nessuno può tagliare un solo albero, e l'83 per cento del territorio nazionale è protetto.

Dall'altra parte, il turismo organizzato offre grandi comodità, con trasporti pubblici e privati efficenti. Lo scopodelle Seycelles sarebbe di non intaccare le risorse naturali, ma allo stesso tempo incentivare i visitatori attraverso strutture adeguate.

 

Facendo appello a ciò, proteggere il nostro patrimonio valorizzandolo, imporre delle leggi pù severe che salvaguardino il  patrimonio naturale che spesso lasciamo abbandonato a se stesso, dovrebbe essere un dovere. Il turismo sicuramente migliorebbe ulteriomente  e attrarrebbe un maggior numero di visitatori.

 

29 novembre 2018
AREA-
Perù: fiumi inquinati e piombo nel sangue degli indigeni
di Roberto Carrasco Rojas
Uno studio rivela che sono quasi 400 le comunità che vivono superando i limite permesso di piombo nel sangue. E le istituzioni non reagiscono
22 gen 2019
La biodiversità fra paure e speranze
di Koffi Xolali Dadale
L’Indice del Pianeta Vivente mostra che in 40 anni il pianeta ha perso il 60% delle popolazioni di vertebrati. Nonostante ciò sono stati raggiunti alcuni importanti traguardi
13 gen 2019
Tutela del Pianeta: ultima chiamata?
di Roberto Carrasco Rojas
Ridurre le emissioni è un processo lento; nell'Accordo di Parigi i paesi hanno concordato di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi; eppure ci sono accordi per bloccare il documento finale della Cop 24 in corso in Polonia
11 dic 2018
Agricoltura sociale. Una risposta concreta all'emergenza NEET
di Maria Grazia Tripi
Agricoltura e terzo settore stanno diventando un binomio in costante sviluppo sia in termini economici che di inclusione. La cooperativa Kairos realizza progetti a favore di giovani e minori in situazioni di disagio
19 nov 2018
Dal 22 al 25 Aprile sbarca a Roma la quattro giorni mondiale per la Terra
di Francesco Mafera
Apre il Villaggio per la Terra, 4 giorni dedicati alla Tutela del Pianeta e alla Solidarietà. L’evento si svolge presso il Galoppatoio di Villa Borghese. L’ingresso è gratuito
23 apr 2016
i