sabato 25 maggio 2024
COLD WAR: una storia d'amore durante la Guerra Fredda
di Jacopo Balliana
Il pluripremiato film di Pawlikowski, Miglior Regia a Cannes e 5 statuette agli EFA Awards, si presenta come un film (quasi) perfetto.
6 gennaio 2019

Il cinema ritrova il bianco e nero. Dopo Roma di A. Cuaron, è la volta di Cold War di Pawel Pawlikowski, una storia d’amore struggente nel periodo della Guerra Fredda: che torna al “vecchio” modo di fare film. Per la trama prendiamo gli ingredienti di La La Land (che di fatto sono gli stessi di molte altre sceneggiature): un compositore sopraffino, una ragazza di campagna in cerca di successo, l’amore tra i due, la musica tra jazz e popolare, e li rimescoliamo all’interno della Storia, in quella glaciale spaccatura dell’Europa in due metà ben distinte (va detto, per un racconto completamente diverso dall’apprezzabile film di Chazelle).

 

La storia di Wiktor (Tomasz Kot) e Zula (Joanna Kulig, straordinaria) è la storia di due amanti veri (ispirati ai genitori del regista), che per 15 anni, tra la Polonia, la Francia e la Jugoslavia, si avvicinano e si allontanano a ripetizione, in una danza di sguardi, parole e note che ci mostrano cosa sia l’amore, quello vero. Quell’essere disposti a tutto pur di tornare dalla propria amata, il rischiare la vita, la dignità, la propria integrità per tenere unito quel legame che è più forte di qualsiasi altra cosa. I personaggi, infatti, giocano con la propria integrità, a volte addirittura la sconvolgono, per trovare se stessi e trovare l’altro. Ciò è possibile grazie alla superba recitazione degli attori, che rende bene la profondità psicologica dei due protagonisti.

Per inserirci in questa travolgente storia, al regista bastano 86 minuti di vera arte: inquadrature composte perfettamente e movimenti di macchina usati con giusta parsimonia, montaggio straordinario che dà il ritmo giusto a ogni sequenza, fotografia veramente bella, recitazione emozionante, dialoghi realistici, storia struggente; non a caso il film ha vinto la miglior regia a Cannes e agli EFA Awards ha ottenute 5 statuette per: regia, montaggio, sceneggiatura, attrice e miglior film. Ma non è il tempo che è necessario al regista per raccontare in profondità ogni aspetto della trama, alcune vicende sono lasciate “sospese”, ma mai in maniera superficiale o criptica: tutto ciò che dobbiamo sapere e che vogliamo sapere ci è dato dal racconto.

 

Un insieme di elementi che catturano l’attenzione fino alla fine del film, per una messinscena che si avvicina alla perfezione, e se Roma sperava di avere vita facile agli Oscar (per la sezione “miglior film straniero”), il film di Pawlikowski ha grandi carte da giocare, per una sfida tutta in bianco e nero.

6 gennaio 2019
AREA-
«Un bambino che non ha conosciuto Sirio sarà più povero»
di Paolo Rosi
Il libro "Ognuno ride come vuole" di Valentina Perniciaro è un affondo emozionante nella vita di suo figlio Sirio, un bambino tetraplegico di 10 anni, e della sua famiglia che sfida gli stereotipi, ispirando un mondo più accogliente e solidale
28 nov 2023
Venezia80: vivere il festival  
di Flaminia Marchese
Il racconto dell’esperienza degli studenti che quest’anno sono potuti essere presenti alla 80esima edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia
23 set 2023
Venezia80 si conferma ancora una volta per la qualità
di Matilde Gizzi e Stefano Sica
Il premio più ambito a “Poor Things” di Yorgos Lanthimos. “Io Capitano” unico film italiano tra le opere in concorso a essere premiato per la miglior regia e per il miglior attore emergente
12 set 2023
“Kobieta Z”: quando il corpo fa a pugni con il proprio io
di Stefano Sica
Dopo il “Confine verde”, un altro film polacco a Venezia: “Kobieta Z” racconta i primi cinquant’anni di vita di una donna trans, che si intreccia con la trasformazione sociale della Polonia, dagli anni '80 fino ai giorni nostri
12 set 2023
“Holly”, la ragazza angelo
di Flaminia Marchese
Fien Troch racconta la storia di un'innocua adolescente dotata di poteri soprannaturali, che vive all'interno di una società mitomane che crede ad ogni cosa per andare avanti
11 set 2023