venerdì 5 giugno 2020
A Venezia il film "Roma" di Cuaròn: un ritratto drammatico che apre alla speranza
di Jacopo Balliana e Lia Maria Palmieri
Ambientato a Città del Mesico, è un film (auto)biografico in bianco e nero, ispirato al regista dalle donne più importanti della sua infanzia
Alfonso Cuarón torna alla Mostra del Cinema di Venezia con "Roma" (2018), film (auto)biografico in bianco e nero, ispirato al regista dalle donne più importanti della sua infanzia.
Il film ritrae il panorama degli anni ‘70 nel quartiere Roma di Città del Messico attraverso le vicende di una domestica, Cleo, la quale si trova a far fronte alle problematiche che la vita le pone davanti, riuscendo ad affrontarle con la forza delle relazioni delle persone a lei vicine. È un flusso continuo di eventi che sconvolgono la protagonista e le persone accanto a lei durante duri anni di conflitti sociali e politici.
 
L’uso del bianco e nero ci proietta nel flash-back del regista, una desaturazione dolce, non contrastata né aggressiva, ed è a partire da questa inusuale scelta fotografica che è rispecchiato l’andamento degli eventi: le ombre delle cadute e le luci delle risalite. Lo scorrere del tempo, delle relazioni e della vita sono al centro della volontà del regista, il quale racconta i suoi ricordi di bambino e le donne che lo hanno cresciuto.
Le tecniche predilette sono quella della carrellata e della panoramica, che rendono perfettamente il flusso continuo della storia, tanto da suscitare la sensazione di un unico piano sequenza che trascende spazio e tempo.
L’acqua, elemento cosante nel film, è similitudine perfetta per la rappresentazione del movimento continuo; è un personaggio benevolo, usato per bere, per lavare il pavimento, per spegnere gli incendi, ma che rivela anche la sua aggressività e potenza tentando di inghiottire tutto ciò che ha attorno.
 
Grande protagonista del film è il suono, lo spettatore è completamente immerso all’interno dell’ambiente acustico: rumori, voci, dialoghi, natura, tutto rigorosamente missato in audio posizionale, la camera sono i nostri occhi e gli speaker della sala le nostre orecchie.
Tutte queste specificità tecniche, unite ad una trama importante, danno vita all'ottima opera di Cuarón: un ritratto drammatico che lascia aperto alla speranza della risalita.
 
____________________________
 
ROMA

Regista: Alfonso Cuarón
Sceneggiatura: Alfonso Cuarón
Fotografia: Alfonso Cuarón
Montaggio: Alfonso Cuarón – Adam Gough
Suono: Sergio Diaz – Skip Lievsay – Craig Henighan – José Antonio Garcia
Effetti visivi: Alejandro Vàzquez
Interpreti: Marina de Tavira – Yalitza Aparicio – Daniela Demesa
Paese: Messico
1 settembre 2018
AREA-
I social network possono diventare ragnatele digitali? Riflessione su giovani, comunicazione e Chiesa
di Jesus PADILLA INIGUEZ
La comunicazione digitale si può trasformare in una trappola. Ma ci sono molte esperienze, anche in ambito ecclesiale, che dimostrano che possono essere usati in modo positivo
4 giu 2020
La radio non si ferma e “sconfigge” il covid-19
di Emilia Rosaria Uccello
L'incremento radiofonico durante il Covid-19: i ragazzi hanno riscoperto questo mezzo di comunicazione.
4 giu 2020
Vanno bene le tecnologie, ma dobbiamo imparare ad affrontare il mondo di persona
di Lorenzo Cianflone Mottola
I giovani d'oggi si rapportano tra loro e con i più grandi in maniera diversa rispetto al passato. Ma ciò che vediamo sui social è vero? Intervista con la scrittrice Chiara Maggi
26 mag 2020
La musica, per vivere meglio
di Celine Louisette RAHANTASOA
Per conoscerci meglio, per comunicare, per trovare dei punti di riferimento e dei valori… la musica è uno strumento potente per crescere e per comunicare. Intervista con Riccardo Capobianco
20 mag 2020
Dalla scuola di Atene alla scuola a distanza
di Riccardo Capobianco
Dall'inizio dell'emergenza la didattica non avviene più in aula, ma direttamente nelle nostre case. Cosa cambia a livello relazionale e didattico? Intervista a una giovane professoressa.
19 mag 2020
i