sabato 23 gennaio 2021
A Venezia il film "Roma" di Cuaròn: un ritratto drammatico che apre alla speranza
di Jacopo Balliana e Lia Maria Palmieri
Ambientato a Città del Mesico, è un film (auto)biografico in bianco e nero, ispirato al regista dalle donne più importanti della sua infanzia
Alfonso Cuarón torna alla Mostra del Cinema di Venezia con "Roma" (2018), film (auto)biografico in bianco e nero, ispirato al regista dalle donne più importanti della sua infanzia.
Il film ritrae il panorama degli anni ‘70 nel quartiere Roma di Città del Messico attraverso le vicende di una domestica, Cleo, la quale si trova a far fronte alle problematiche che la vita le pone davanti, riuscendo ad affrontarle con la forza delle relazioni delle persone a lei vicine. È un flusso continuo di eventi che sconvolgono la protagonista e le persone accanto a lei durante duri anni di conflitti sociali e politici.
 
L’uso del bianco e nero ci proietta nel flash-back del regista, una desaturazione dolce, non contrastata né aggressiva, ed è a partire da questa inusuale scelta fotografica che è rispecchiato l’andamento degli eventi: le ombre delle cadute e le luci delle risalite. Lo scorrere del tempo, delle relazioni e della vita sono al centro della volontà del regista, il quale racconta i suoi ricordi di bambino e le donne che lo hanno cresciuto.
Le tecniche predilette sono quella della carrellata e della panoramica, che rendono perfettamente il flusso continuo della storia, tanto da suscitare la sensazione di un unico piano sequenza che trascende spazio e tempo.
L’acqua, elemento cosante nel film, è similitudine perfetta per la rappresentazione del movimento continuo; è un personaggio benevolo, usato per bere, per lavare il pavimento, per spegnere gli incendi, ma che rivela anche la sua aggressività e potenza tentando di inghiottire tutto ciò che ha attorno.
 
Grande protagonista del film è il suono, lo spettatore è completamente immerso all’interno dell’ambiente acustico: rumori, voci, dialoghi, natura, tutto rigorosamente missato in audio posizionale, la camera sono i nostri occhi e gli speaker della sala le nostre orecchie.
Tutte queste specificità tecniche, unite ad una trama importante, danno vita all'ottima opera di Cuarón: un ritratto drammatico che lascia aperto alla speranza della risalita.
 
____________________________
 
ROMA

Regista: Alfonso Cuarón
Sceneggiatura: Alfonso Cuarón
Fotografia: Alfonso Cuarón
Montaggio: Alfonso Cuarón – Adam Gough
Suono: Sergio Diaz – Skip Lievsay – Craig Henighan – José Antonio Garcia
Effetti visivi: Alejandro Vàzquez
Interpreti: Marina de Tavira – Yalitza Aparicio – Daniela Demesa
Paese: Messico
1 settembre 2018
AREA-
El Diez: esaltazione e caduta di Diego Armando Maradona
di Simone Valdarchi
Dalla baraccopoli di Villa Fiorito alla tossicodipendenza, passando per il tetto del mondo: racconto breve e senza troppe pretese del più umano tra gli dei.
13 gen 2021
The social dilemma
di Maria Grazia Tripi
"The social dilemma" (sulla piattaforma Netflix) potrebbe essere il documentario desiderato da tutti i genitori per convincere i figli a staccarsi dal cellulare. Le questioni aperte, però, sono molto più vaste.
23 ott 2020
La
di Brice Ulrich Afferi
Si chiama FOMO la paura di essere tagliati fuori. È uno dei modi attraverso la dipendenza dai social network colpisce soprattutto i giovani
8 giu 2020
Chi sono io? Me lo dice instagram
di Anatolii MAKARA
L'utilizzo dei social network è parte fondamentale nella costruzione dell'identità dei giovani. Ecco i pro e i contro
7 giu 2020
Finsta: l'account falso ma reale. Che ci difende meno di quello che pensiamo
di Celine Rajendran Thimena
I giovani creano account falsi su Instagram per esprimersi liberamente, senza preoccupazioni. Ma ci sono comunque almeno due rischi
6 giu 2020
i