mercoledì 26 gennaio 2022
Vengono dalle montagne dell'Honduras i caffé biologici più buoni
di Luis Estevez Estevez
Viaggio sulla Montagna di Merendòn, per scoprire le coltivazioni superpremiate
11 giugno 2019

San Pedro Sula, Honduras. Sulla montagna di Merendón, situata nella parte alta della città di San Pedro Sula, a  1.400 metri sopra il livello del mare, vivono Luciano Bonilla (secondo posto) e José Ángel Ramos (terzo posto), due dei migliori produttori di caffè biologico in Honduras, tra i 27 migliori caffè del mondo. La classifica è stata fatta tramite l'esportatore di caffè Mercon Honduras, che ha inviato i campioni di caffè a Illy a Trieste, in Italia, che ha selezionato il miglior caffè dell'Honduras e di altri otto paesi del mondo. Come premio, per aver raggiunto il secondo e il terzo posto, hanno ricevuto un trofeo assegnato dagli Enesto Illy Awards a New York.

Nel nostro reportage vi raccontiamo della visita alla montagna di Merendon per conoscere il caffè biologico e i suoi produttori.

 

Abbamo iniziato il viaggio, per salire sulla montagna di Merendón, da una strada non asfaltata, circondata da molti alberi e con una macchina 4x4 andiamo a incontrare don Luciano Bonilla e don José Ramos e le loro piantagioni del famoso caffè biologico. Il percorso della strada ispira molta tranquillità, perché entra in contatto con la natura, con piccole città di persone laboriose e amichevoli e con molte coltivazione di tutti i tipi di agricoltura, fiori e molti altri prodotti, che questo settore di Merendón offre agli abitanti di San Pedro Sula.

Dopo 40 minuti di strada, abbiamo ragiunto la parte più alta della montagna, a circa 1.500 metri sul livello del mare, e abbiamo iniziato a scendere per raggiungere la casa di Don Luciano e Don José Ramos. Per produrre il caffè biologico bisogna avere un'altezza sopra i 1.100 metri e in un ambiente privo di inquinamento industriale. Il caffè biologico è prodotto senza l'aiuto di sostanze chimiche artificiali, come alcuni additivi, pesticidi ed erbicidi. Viene seminato all'ombra di un altro tipo di albero di maggiore altezza, che fornisce umidità, cosa questa che aiuta la produzione di un caffè di alta qualità, e si cerca migliorare il terreno, usando tecniche che lo rendono più fertile.

 

Finalmente siamo arrivati a casa di Don Luciano Bonilla, che ci ha accolto con grande gioia insieme a sua moglie Rubenia e suo figlio Franklin, che lo aiuta nella produzione del caffè. La prima cosa che ci ha offerto è stata una tazza del famoso caffè biologico. Quando abbiamo iniziato a berlo, abbiamo davvero capito che il suo sapore è incomparabile e ha un tocco speciale, che non può essere descritto: deve assaggiato per capire cosa sia veramente.

Subito Don Luciano ci ha mostrato il suo trofeo e ci ha invitato a visitare la sua piantagione di caffè biologico. 

«Questa è la piantagione di caffè con cui ho prodotto caffè biologico e che mi ha fatto vincere il premio come secondo miglior produttore in Honduras e uno dei migliori produttori di caffè del mondo. Sono molto felice di aver conseguito questo premio, che mi spinge a continuare a migliorare la mia produzione», ci ha raccontato don Luciano.

 

Non siamo riusciti a visitare la piantagione di caffè di Don José, ma ha tenuto a dirci: «vincere il terzo posto come miglior produttore di caffè biologico in Honduras, per me è stato solo l'inizio: continuerò a migliorare la mia produzione e a raggiungere nuovi livelli di qualità. Vi invito a bere caffè biologico perché è puro e non nuoce alla tua salute»

 

 Nella foto in alto: Don Luciano Bonilla, sua moglie Rubenia e suo figlio Franklin

 

11 giugno 2019
AREA-
Nuovi poveri: per quest’anno si prometteva un Natale migliore
di Agostinho Augusto e Chiara Rainaldi
Non sembra essere migliorata la situazione in cui ormai si trovano i nuovi poveri dall'avvento della pandemia e, nonostante gli sforzi dell'ultimo anno, questo Natale 2021 non è stato diverso dal precedente
23 gen 2022
Progetti per città sostenibili: innovazioni di bio-edilizia dal New Mexico all'Italia
di Matilde Di Veroli e Giulia Morelli
Costruire abitazioni con materiali di scarto o materiali edili naturali? Ora è possibile e a impatto zero, come le iniziative di Michael Reynolds e della Ricehouse che puntano a cambiare il mondo
19 gen 2022
Cambiare le regole del gioco: Federica Gasbarro e i giovani nella lotta al cambiamento climatico
di Rimon Basumatary e Benedetta Marino
La crisi climatica è una minaccia per il nostro pianeta e non abbiamo più la possibilità di temporeggiare. La giovane attivista romana, ospite all'Università Pontificia Salesiana di Roma ci propone alternative ecologicamente sostenibili
17 gen 2022
Cop26, passi in avanti o solo “bla bla bla”?
di Paolo Rosi
Le reazioni delle associazioni ambientaliste alla Conferenza dell’Onu sui cambiamenti climatici si dividono tra critiche e speranze ottimiste
2 dic 2021
L'Università Salesiana dà inizio al suo progetto green e dice “sì” alla Laudato Si’
di Alessandra Verna
Ha avviato ufficialmente un piano di efficientamento energetico dell’intero campus e aderisce alla Piattaforma di Iniziative Laudato Si’ per la promozione dei valori dell’ecologia integrale
25 nov 2021