martedì 22 ottobre 2019
Ambiente: le iniziative non bastano, serve una maggiore coscienza diffusa
di Marta Immarrata
Dati sempre più dati allarmanti attestano che la situazione sta degenerando sempre più. È fondamentale una maggiore sensibilizzazione dei giovani

Adesso sono i giovani che mettono in cantiere molte iniziative: stiamo parlando delle generazioni X, quelli nati dopo il 2000. Sono loro i veri promotori di iniziative e prese di posizione a favore di un cambiamento forte e deciso sui temi riguardanti la crisi sull'impatto ambientale.

Eppure, stimolare una maggiore sensibilizzazione a partire dalle scuole, sarebbe fondamentale per far crescere i giovani con una maggiore consapevolezza sul tema: inserire nelle scuole questo tema, parlare e confrontarsi è un ottimo punto di inizio per porre le basi di un futuro migliore.

Purtroppo, a testimoniare che la situazione sta peggiorando, ci sono molti dati. Ad esempio, quelli che ci dicono che anche la vegetazione, e non solo la fauna, è a rischio istinzione. Lo dimostra uno studio pubblicato su una rivista specializzata Nature Ecology and Evolution,realizzata dai giardini botanici reali di Kew (Londra) e dall'Università di Stoccolma, secondo il quale si sono estinte oltre 571 specie di piante. Questi dati, pur allarmanti, sono probabilmente sottostimati da parte dei ricercatori e non rendono bene la grande portata di questa minaccia, che colpisce adesso anche la vegezione, ma non solo.

Lo scorso maggio un rapporto dell'Ipbes (agenzia dell'Onu sulla biodivesità) attestava che sono in  circa un milione (una su otto) le specie animali e vegetali, che rischiano l'estinzione in tempi molto brevi.

Dati allarmanti che fanno riflettere, su come l'uomo stia distruggedo il pianeta e come il problema non può essere affrontato solo attraverso iniziative, anche se alcune di quelle che sono state prese in questi anni, sono fonamentali. Il problema è che a volte rimangono solo delle chimere, a partire dal Protocollo di Kyoto, sottoscritto nel 1997 e formulato per ridurre le emissioni di gas inquinanti nell'atmosfera, e dall'Atto Unico Europeo (1987), che tratta un capitolo specifico sull'ambiente. Ciò nonostante, è da qui che si comincia ad avere una maggiore consapevolezza del problema.

Sarebbe stato necessario, già a partire dagli anni 70, un un cambio di mentalità, da acquisire e da diffondere attraverso l'educazione e l'informazione ambientale, affichè ci fosse una presa di coscienza anche a livello internazionale. Si era iniziato con la creazione dell UNEP, un organismo dell'Onu che aveva proprio il compito di sensibilizzare l'opinione pubblica per una maggiore coscienza ambientale.

L'impegno delle isitituzioni e le varie iniziative, avrebbero maggiore efficacia se unite a un cambio di mentalità e a una presa di coscienza.

 

21 giugno 2019
AREA-
Amazzonia: la Chiesa non può tacere
di Ermanno Giuca
La regione panamazzonica è una risorsa per tutto il pianeta e va preservata dallo sfruttamento di risorse e popoli perpetuato dai Governi locali Intervista con Mons. Néstor Vidal Montesdeoca Becerra
8 ott 2019
Vengono dalle montagne dell'Honduras i caffé biologici più buoni
di Luis Estevez Estevez
Viaggio sulla Montagna di Merendòn, per scoprire le coltivazioni superpremiate
11 giu 2019
Perù: fiumi inquinati e piombo nel sangue degli indigeni
di Roberto Carrasco Rojas
Uno studio rivela che sono quasi 400 le comunità che vivono superando i limite permesso di piombo nel sangue. E le istituzioni non reagiscono
22 gen 2019
La biodiversità fra paure e speranze
di Koffi Xolali Dadale
L’Indice del Pianeta Vivente mostra che in 40 anni il pianeta ha perso il 60% delle popolazioni di vertebrati. Nonostante ciò sono stati raggiunti alcuni importanti traguardi
13 gen 2019
Tutela del Pianeta: ultima chiamata?
di Roberto Carrasco Rojas
Ridurre le emissioni è un processo lento; nell'Accordo di Parigi i paesi hanno concordato di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi; eppure ci sono accordi per bloccare il documento finale della Cop 24 in corso in Polonia
11 dic 2018
i