venerdì 30 luglio 2021
Ambiente: le iniziative non bastano, serve una maggiore coscienza diffusa
di Marta Immarrata
Dati sempre più dati allarmanti attestano che la situazione sta degenerando sempre più. È fondamentale una maggiore sensibilizzazione dei giovani
21 giugno 2019

Adesso sono i giovani che mettono in cantiere molte iniziative: stiamo parlando delle generazioni X, quelli nati dopo il 2000. Sono loro i veri promotori di iniziative e prese di posizione a favore di un cambiamento forte e deciso sui temi riguardanti la crisi sull'impatto ambientale.

Eppure, stimolare una maggiore sensibilizzazione a partire dalle scuole, sarebbe fondamentale per far crescere i giovani con una maggiore consapevolezza sul tema: inserire nelle scuole questo tema, parlare e confrontarsi è un ottimo punto di inizio per porre le basi di un futuro migliore.

Purtroppo, a testimoniare che la situazione sta peggiorando, ci sono molti dati. Ad esempio, quelli che ci dicono che anche la vegetazione, e non solo la fauna, è a rischio istinzione. Lo dimostra uno studio pubblicato su una rivista specializzata Nature Ecology and Evolution,realizzata dai giardini botanici reali di Kew (Londra) e dall'Università di Stoccolma, secondo il quale si sono estinte oltre 571 specie di piante. Questi dati, pur allarmanti, sono probabilmente sottostimati da parte dei ricercatori e non rendono bene la grande portata di questa minaccia, che colpisce adesso anche la vegezione, ma non solo.

Lo scorso maggio un rapporto dell'Ipbes (agenzia dell'Onu sulla biodivesità) attestava che sono in  circa un milione (una su otto) le specie animali e vegetali, che rischiano l'estinzione in tempi molto brevi.

Dati allarmanti che fanno riflettere, su come l'uomo stia distruggedo il pianeta e come il problema non può essere affrontato solo attraverso iniziative, anche se alcune di quelle che sono state prese in questi anni, sono fonamentali. Il problema è che a volte rimangono solo delle chimere, a partire dal Protocollo di Kyoto, sottoscritto nel 1997 e formulato per ridurre le emissioni di gas inquinanti nell'atmosfera, e dall'Atto Unico Europeo (1987), che tratta un capitolo specifico sull'ambiente. Ciò nonostante, è da qui che si comincia ad avere una maggiore consapevolezza del problema.

Sarebbe stato necessario, già a partire dagli anni 70, un un cambio di mentalità, da acquisire e da diffondere attraverso l'educazione e l'informazione ambientale, affichè ci fosse una presa di coscienza anche a livello internazionale. Si era iniziato con la creazione dell UNEP, un organismo dell'Onu che aveva proprio il compito di sensibilizzare l'opinione pubblica per una maggiore coscienza ambientale.

L'impegno delle isitituzioni e le varie iniziative, avrebbero maggiore efficacia se unite a un cambio di mentalità e a una presa di coscienza.

 

21 giugno 2019
AREA-
Zero emissioni di CO₂: obiettivo raggiungibile
di Paolo Rosi
L’Agenzia Internazionale dell’Energia ha elaborato un percorso strategico per ridurre le emissioni a zero e limitare il riscaldamento globale a 1,5°C, non oltre il 2050
12 giu 2021
Se le api sparissero dalla faccia della terra...
di Sara Michielin
Api: una specie fondamentale per l’ecosistema, ma a rischio. Ecco perché urge sensibilizzare l'opinione pubblica sull'importanza della salvaguardia di questi insetti
8 giu 2021
Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è davvero green?
di Paolo Rosi
Legambiente propone delle modifiche. Greenpeace e Fridays for Future protestano. Il Wwf chiede una revisione. Il bilancio del lato “ecosostenibile” del Pnrr
25 mag 2021
#RespiroNeiParchi: la Giornata europea dei Parchi 2021 all'insegna della biodiversità
di Andrea Santoni
A 112 anni dalla nascita del primo parco nazionale d'Europa, si celebra quest'anno un'edizione particolare della Giornata europea nei Parchi. Focus centrale sulla biodiversità e le pratiche funzionali allo sviluppo sostenibile
24 mag 2021
Fronteggiare la malnutrizione con l’Intelligenza artificiale: una soluzione in Africa
di Jesus Padilla Iniguez
L’ Artificial Intelligence (Ai) offre la possibilità di combattere i problemi di nutrizione e di fame nei Paesi africani.
23 mag 2021