lunedì 10 agosto 2020
Violenza domestica in Costa d'Avorio: un caso che non è un'eccezione
di Brice Ulrich Afferi
Spopola sui social il video di una donna che cade da un balcone sfuggendo al marito che la picchiava. Il 70% delle donne subisce violenza e la polizia si è organizzata per combatterla

La scena è quasi simile a un film “western”, ma sono immagini difficilmente sostenibili con le quali gli utenti di Internet hanno dovuto confrontarsi negli ultimi giorni. In effetti, un video trasmesso sui social network nella notte da venerdì 17 a sabato 18 aprile 2020 intorno alle 22:00, mostra la caduta di una giovane donna da un condominio dopo una lite con il coniuge, nella città di Yopougon, situata a sud della Costa d'Avorio.

Nel detto video, si vede la giovane donna appesa alla mano di un uomo, che in realtà è suo marito. Secondo testimoni oculari, l'uomo aveva ripetutamente picchiato sua moglie. Spaventata, lei decide di fuggire dalla casa dal balcone al secondo piano del condominio.

Sfortunatamente, perde il controllo. In un ultimo gesto, suo marito riesce ad afferrarle il braccio. Ma la donna rifiuta di risalire, e cade dal secondo piano del condominio per sbattere contro una piccola recinzione dell'appartamento al piano terra.

È stata aiutata dai vicini, che hanno immediatamente allertato la polizia. L'uomo in questione è un giovane banchiere ivoriano di 34 anni, ha dichiarato la polizia ivoriana sul suo facebook account .

Secondo i vicini della coppia nel video, il banchiere in questione è abituato alla violenza fisica contro il coniuge.

 

L'istituto di polizia ivoriana ha colto l'occasione per ricordare alla popolazione che questi "atti illegali" sono punibili dal diritto penale e ha invitato coloro che sono testimoni di violenza di questo genere a denunciarli. Ha anche ricordato che ha servizi specializzati per la prevenzione, la repressione e perl'assistenza psicologica delle vittime di violenza basata sul genere.

Da qualche tempo, in particolare con l'introduzione di un coprifuoco in Costa d'Avorio e il graduale confinamento delle popolazioni al fine di combattere il Covid-19, assistiamo ad un'esplosione delle violenze domestiche.

Nella stessa notte da venerdì a sabato, a Vavoua, nel centro-ovest della Costa d’avorio, la polizia ivoriana ha dichiarato di aver assistito una donna picchiata dal marito durante il coprifuoco. Gli agenti di polizia locale, che si sono recati sul luogo, hanno arrestato il marito della donna abusata.

 

Emerge da un sondaggio - condotto in due comuni della città di Abidjan nel novembre 2019 dall'Organizzazione dei cittadini per la promozione e la difesa dei diritti dei bambini, delle donne e delle minoranze (CPDEFM, una ONG nazionale) - che oltre il 70% delle donne subisce violenza coniugale o violenza tra partner sessuali.

Oltre all'allarmante tasso di violenza domestica, le indagini hanno rivelato non meno di 25 casi di femminicidio che hanno avuto luogo tra gennaio e ottobre 2019.

24 aprile 2020
AREA-
Kinshasa, Congo. Ecco come gli abitanti trascurano la pandemia
di Sophie MUJINGA CIOLA
La vita della popolazione congolese di Kinshasa in questo periodo di crisi sanitaria. Tra dubbi e lassismo
3 giu 2020
Gli attacchi di  Boko Haram e la reazione dell'esercito. Non c'è pace per il Ciad
di Tikabi YADASSI
Dopo gli ultimi gravissimi attentati - l'ultimo ha causato 92 morti - il presidente e l'esercito del Ciad hanno lanciato una controffesiva. E la condizione della popolazione resta difficile.
22 apr 2020
Cile. Daniela Carrasco e i cittadini non meritano fake news
di Andrea Santoni
Occorre far chiarezza sulle proteste in Cile, c'è bisogno di verità in un mare di chiacchiere
26 nov 2019
Ancora un terremoto, questa volta nel Lazio. Quando faremo prevenzione?
di Marta Immarrata
La scossa a Colonna non ha fatto grandi danni, ma ci ricorda che si può fare molto per prevenire eventi più tragici
24 giu 2019
Parco della Madonnetta: c'era una volta uno dei Punti Verde Qualità di Roma
di Andrea Santoni
A quindici anni dalla fondazione del parco la situazione è preoccupante, ma c’è qualcuno che lotta ancora contro il silenzio inoperoso delle giunte comunali
16 giu 2019
i