venerdì 30 luglio 2021
Quattro schiaffi per un respiro
di Leonardo PRIOLO
Silvia racconta la storia di una nascita contro ogni aspettativa, quella di suo figlio, e di come un controllo, che stava per risparmiarsi, abbia salvato la sua vita
21 aprile 2021

«Stavo guardando un film, ma poi i dolori si fanno più forti», racconta Silvia, 52 anni, quando il 7 aprile del 1994 le cambia la vita, e non solo la sua.
Erano giorni particolari, i dolori alla pancia della gravidanza all'ottavo mese non mancavano mai e quella mattina, dopo una passeggiata al parco, torna a casa e sceglie di distendersi un po' sul divano.
Non passa però molto che avverte la necessità di chiamare la sua dottoressa per informarla che quelli che dovevano essere dolori sporadici stavano diventando sempre più fitti.


«La dottoressa mi aveva detto di vederci alle 16.00 del pomeriggio, ma io ero davvero stanca e le ho detto che se fosse stato un falso allarme si sarebbe risolto da sé, altrimenti sarei andata direttamente in ospedale».
La voce della dottoressa però, che era sempre dolce e materna, racconta la donna, quella volta si fa più dura, e insiste perché Silvia vada da lei per un controllo.
Il pomeriggio si reca col marito allo studio e si prepara per uno dei soliti controlli che prevedeva il monitoraggio del battito cardiaco.
La dottoressa però, sentiva un colpetto al cuore ogni dieci secondi, e invece di ipotizzare che fosse perché il bambino si trovava in qualche posizione strana come era già successo, quella volta il suo volto diventava più teso e guardava spesso la sua assistente.


«Silvia, qualcosa non va, c'è un problema, non si sente il battito», mi dice la dottoressa, «ma io pensavo fosse un problema del macchinario e credevo dovessimo cambiare solamente stanza, invece poi guarda mio marito e come se fosse un automa, gli dice che doveva fare esattamente come le diceva lei.»
Il marito di Silvia allora, come indicatogli, scende al parcheggio, prende la macchina e aspetta Silvia che scende, «la dottoressa ci disse che saremmo dovuti andare al Fatebene Fratelli, e di pregare la Madonna perché solo là, benché fosse lontano, avrebbero potuto fare qualcosa. Nel frattempo anche lei avrebbe pregato per noi».

Silvia e il marito allora partono e caricano completamente il clacson per tutto il tragitto, lei viene caricata su una carrozzina e arrivano all'ospedale al cui ingresso si trovava una statua della Madonna, «Tutto d'un tratto mi sentivo tranquilla, come se anche lei ci stesse aspettando». Le viene fatto il cesareo d'urgenza e partorisce.
«Appena uscito il bambino era blu, aveva il doppio dei giri di cordone, così il medico inizia a scuoterlo e a schiaffeggiarlo, e solo al quarto schiaffo inizia a piangere.. mi dicono che molto probabilmente il mancato circolo di ossigeno avrebbe recato gravi danni cerebrali, e che se anche fosse sopravvissuto, sarebbe stato cerebroleso.»

 

Erano state lunghissime ore per Silvia, nelle quali oltretutto non aveva ancora avuto in braccio suo figlio e di lui non sapeva nulla.
«Solo la mattina dopo, entrando, il medico mi dice "Auguri Silvia, so che si chiama Daniele, un nome azzeccato per un bambino che ha combattuto e che risponde bene alle cure"; così bene che due giorni fa abbiamo festeggiato il suo 27° compleanno.»
Daniele ad oggi non ha riportato nessun danno, fa sport, studia, è in salute, e grazie ad un controllo che stava per essere evitato e che invece è stato preso seriamente.

21 aprile 2021
AREA-
Le famiglie monoparentali e quelle senzatetto sono sempre più numerose nel mondo
di Marc-Auguste Kambiré
Nel mondo, l’84% delle famiglie monoparentali sono gestite da donne che soffrono per una protezione sociale molto bassa. La maggior parte di queste famiglie sono senza casa
15 mag 2021
Un triste
di Andrea Santoni
Il 3 maggio è stata la 28esima giornata mondiale della libertà di stampa e oltre a osservare il 41° posto mondiale dell'Italia, ultimo in Europa, nella classifica per la libertà di informazione, non sfugge il numero di giornalisti minacciati o uccisi in UE
11 mag 2021
Emanuele, che è nato per la seconda volta nel reparto di terapia intensiva pediatrica
di Benedetta MARINO
La malattia non guarda l'età di chi colpisce. A soli sei mesi di vita, Emanuele ha lottato contro la meningite e ha vinto
19 apr 2021
«Non voglio morire, voglio vedere mio padre». Certi dolori non passano mai
di Cesar Augusto CORRALES MARTINEZ
Franco era piccolo durante la guerra e non si è mai ripreso dal trauma di essere stato allontanato dal padre. Nonostante l'amore della moglie
16 apr 2021
No-Tav: dalla lotta contro il tunnel un'esperienza che ti cambia la vita
di Chiara Rainaldi
«Ognuno in sé ha la propria causa e il proprio fuoco che arde per essa. Quando tante singole fiamme si incontrano e decidono di unirsi, l'ardore non può spegnersi»
15 apr 2021