venerdì 7 ottobre 2022
Rosi
La pace in Ucraina evocata dalle piazze
di Paolo Rosi
Il popolo dei pacifisti si è riunito al centro di Roma per chiedere l’interruzione del conflitto in Ucraina. E nasce una rete di solidarietà anche oltre i nostri confini
26 febbraio 2022

Sui social e sui media alcuni si chiedono dove siano finiti i pacifisti. “Nelle piazze” risponderebbero loro. In tanti paesi infatti le persone stanno manifestando per chiedere la pace in Ucraina. A Roma, i manifestanti si sono riuniti in piazza Santi Apostoli, sabato 26 febbraio.

Sul palco della manifestazione lo slogan, tra i colori della bandiera della pace, sintetizza: «Contro la guerra per un’Europa di pace». Tanti i cartelli e gli striscioni che chiedono a Putin e alla Russia lo “stop” di questo sanguinoso conflitto. Durante la mattinata è intervenuto il segretario generale della Cgil Maurizio Landini, che ha sottolineato l’importanza di scendere in piazza: «Non possiamo accettare che la guerra torni a essere uno strumento di regolazione tra gli stati. Le persone non vogliono accettare che questa sia la logica».

Landini ha tenuto vivo il senso di coesione con i manifestanti nelle altre città: «Dobbiamo abbracciare chi nel mondo sta manifestando, a partire da chi viene arrestato in Russia» e ha aggiunto: «Finché non ci sarà il ritiro delle truppe non possiamo abbassare la guardia. Non basta essere solo pacifisti; bisogna essere contro la guerra». Qualche parola è stata spesa in ricordo di Gino Strada, il quale sottolineava come la guerra fosse lo strumento più disumano. «La guerra la pagano i popoli» ha chiosato il segretario della Cgil, «una guerra pensata da chi è contro l’autonomia dei popoli». L’invito finale è a non smettere di far sentire la propria voce perché «il rischio di una guerra nucleare è concreto» e in particolare «perché vogliamo affermare un altro modello sociale».

I manifestanti a piazza Santi Apostoli a Roma

È una presa di posizione netta quella dei manifestanti. Tuttavia sui media e i social - nonostante la tragicità di un momento come quello che sta affrontando l’Ucraina e il continente europeo - alcuni si lanciano nell’ironizzare sull’incisività di chi promuove il disarmo, un tentativo di creare una polemica fuori luogo in un clima già teso. L’abitudine di non considerare minimamente i pacifisti e le loro richieste in tempo di pace si trasforma, in tempo di guerra, in un rimprovero per un mancato apporto concreto alla risoluzione del conflitto, come se essi fossero chiamati a questo o il conflitto fosse un loro personale fallimento piuttosto che della politica internazionale.

Tuttavia chi sceglie di schierarsi dalla parte del pacifismo o, in ogni caso, contro la guerra e ogni forma di militarismo, sta dimostrando anche in questi giorni di potersi svincolare da queste polemiche e provare a incidere con la propria presenza e la propria voce. Per primi, i cittadini russi che stanno manifestando a San Pietroburgo e mettono in conto il forte rischio di essere arrestati e rinunciare alla propria libertà per avere espresso dissenso contro le autorità. In molte città europee i manifestanti continueranno a opporsi all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

Manifestanti ucraine chiedono con cartelli la fine della guerra in Ucraina

La manifestazione romana, convocata dalla Rete Italiana Pace e Disarmo, è stata promossa da 40 organizzazioni e ha visto l’adesione di 102 movimenti e di una decina di partiti. Numerose e diverse le organizzazioni presenti, come si può vedere dalle bandiere e dagli striscioni: Cgil, Cisl, Uil, Emergency, Libera e tanti altri. Ma la presenza più significativa è stata certamente quella della comunità ucraina, commossa e unita nel chiedere  la pace per i propri connazionali.

26 febbraio 2022
AREA-
Salute. L'importanza di non sottovalutare i sintomi
di Camilla Argentin
La miocardite fulminante è una delle malattie più pericolose e spesso si presenta con i sintomi di una semplice influenza. Intervista con Stefano, che si è salvato a fatica
24 mag 2022
Dopo dieci anni cosa rimane della tragedia della Costa Concordia?
di Camilla Argentin
La nave da crociera il 13 gennaio 2012 si è scontrata contro un gruppo di scogli, causando 32 morti e numerosi feriti. Ripercorriamo la tragedia con la testimonianza di una naufraga.
12 mag 2022
Lo Sri Lanka sull’orlo della crisi: che cosa sta accadendo?
di Francesca Piovan
Lacrima d’Oriente, così è chiamato lo Sri Lanka: un’isola dell’Oceano Indiano, al di sotto dell’India. L'informazione non sta raccontando quello che sta accadendo da molto tempo in questo piccolo paese, vicino al collasso economico e politico
10 mag 2022
Razzismo in Italia: negli ultimi diciotto anni 7.426 episodi di discriminazione
di Lorenzo De Murtas e Giorgia Nuzzo
Nel nostro paese continuano ad aumentare i casi di xenofobia e di conseguenza i gruppi minoritari non si sentono del tutto tutelati
3 feb 2022
Quando aiutare può far male...
di Federica Mattei
A volte, aiutare chi si trova in difficoltà può far male, perché si crea dipendenza. È uno dei motivi che rendono più difficile l'impegno dei caregiver
16 gen 2022