sabato 25 maggio 2024
Venezia80: vivere il festival  
di Flaminia Marchese
Il racconto dell’esperienza degli studenti che quest’anno sono potuti essere presenti alla 80esima edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia
23 settembre 2023

Sabrina, Stefano, Flaminia, Susanna, Giuditta, Walter, Andrea, Elisa e Matilde: 9 studenti della Facoltà di Scienze della Comunicazione sociale accompagnati dal professore di storia del cinema hanno partecipato alla Mostra del Cinema di Venezia con entusiasmo, curiosità e passione. Quest’ultima generata dalle giornate, intense e stancanti, ma affascinanti e stimolanti. Per alcuni è stata la seconda volta, per altri la prima esperienza. Frutto delle giornate veneziane sono state le recensioni dei film visti pubblicati dal sito web Young4Young.com. Un laboratorio che riunisce i saperi e le esperienze acquisite nei corsi dedicati al cinema e al giornalismo. Ecco cosa è emerso dall’esperienza degli “studenti veneziani”, cosa è stato il loro “vivere il festival del Cinema” in loco.

 

Assistere di persona al festival è sicuramente un‘esperienza unica: ogni giorno ci si alza al mattino incuriositi di ciò che si andrà a guardare, con la consapevolezza che si avrà l’occasione di vedere in anteprima internazionale grandi capolavori cinematografici, possibili vincitori del Leone d’oro della Mostra.

 

Il Festival è in grado di regalare emozioni uniche e diverse ogni giorno, dallo stupore alla delusione: ogni pellicola ha la possibilità di arricchirti culturalmente e personalmente, lasciandoti sempre qualcosa di nuovo.

Interessanti non solo i film in concorso ma anche le proiezioni appartenenti alle altre categorie presenti, come Venezia Classics o Orizzonti/Orizzonti Extra.

Nella prima sezione si possono trovare grandi classici del cinema restaurati o documentari che approfondiscono la vita e la psicologia di personaggi di grande fame internazionale: un esempio è stato il film/documentario sulla vita di Bill Douglas e in particolare del suo rapporto con il suo miglior amico Peter Jewell.

La seconda categoria propone invece nuove tendenze espressive ed estetiche del cinema mondiale attraverso film che osano e sperimentano un po’ di più.

 

Parte integrante dell’esperienza della Mostra è stata la possibilità di discutere con gli altri ragazzi dei film appena visti, creando in questo modo un ambiente fertile di confronto formativo per noi studenti: il dibattito critico è stato essenziale, poiché ha contribuito a tirar fuori significati nuovi nelle pellicole.

 

Molti hanno inoltre apprezzato il fatto di guardare i film all’interno di sale cinematografiche, riassaporando quelle emozioni che si provano solamente guardandoli in questi ambienti specifici, sensazioni che sempre più si stanno perdendo a causa del successo e della comodità delle grandi piattaforme streaming.

 

Insomma, entrare nella Biennale ti da la possibilità di immergerti in un piccolo mondo magico fatto di arte e cultura nel quale puoi incontrare personaggi di fama internazionale o solamente assaporare un po’ di quello che ha da offrire. 

23 settembre 2023
AREA-
«Un bambino che non ha conosciuto Sirio sarà più povero»
di Paolo Rosi
Il libro "Ognuno ride come vuole" di Valentina Perniciaro è un affondo emozionante nella vita di suo figlio Sirio, un bambino tetraplegico di 10 anni, e della sua famiglia che sfida gli stereotipi, ispirando un mondo più accogliente e solidale
28 nov 2023
Venezia80 si conferma ancora una volta per la qualità
di Matilde Gizzi e Stefano Sica
Il premio più ambito a “Poor Things” di Yorgos Lanthimos. “Io Capitano” unico film italiano tra le opere in concorso a essere premiato per la miglior regia e per il miglior attore emergente
12 set 2023
“Kobieta Z”: quando il corpo fa a pugni con il proprio io
di Stefano Sica
Dopo il “Confine verde”, un altro film polacco a Venezia: “Kobieta Z” racconta i primi cinquant’anni di vita di una donna trans, che si intreccia con la trasformazione sociale della Polonia, dagli anni '80 fino ai giorni nostri
12 set 2023
“Holly”, la ragazza angelo
di Flaminia Marchese
Fien Troch racconta la storia di un'innocua adolescente dotata di poteri soprannaturali, che vive all'interno di una società mitomane che crede ad ogni cosa per andare avanti
11 set 2023
“Io Capitano”, Leone d'Argento all’Odissea contemporanea
di Matilde Laura Gizzi
Miglior regia a Matteo Garrone con “Io Capitano”, un “controcampo” di ciò che vivono i migranti per giungere in Europa dal loro punto di vista. Seydou Sarr, protagonista esordiente, è il vincitore del Premio Marcello Mastroianni
11 set 2023