sabato 20 aprile 2019
Le favole del calcio e quell'artista rimasto bambino
di Giorgio Marota
Nell'ultima giornata di campionato Totti ha dato l'addio alla Roma tra lacrime e passione, mentre il Crotone si è salvato contro ogni pronostico e dopo una rimonta senza precedenti

Mi piace immaginare Francesco Totti come un bambino in cortile che fa finta di non sentire la mamma che lo chiama e continua a giocare fino a tardi. In questo personale fermo-immagine c’è la storia di un campione che ha vissuto il suo “distacco” in un pomeriggio di fine Primavera fatto di cori, colori e lacrime. Quel giro di campo, l’abbraccio della Curva Sud, la lettera ai tifosi: è stato tutto molto emozionante, piaccia o meno il calcio, piaccia o meno la Roma. Totti ha dato la sensazione che quel campo verde e quel pallone significano troppo per lasciarli così, quando ancora hai l’entusiasmo di un ragazzino nonostante i 41 anni. “Ora è finita veramente – ha detto – Mi levo la maglia per l’ultima volta e per l’ultima volta scenderò quelle scale, entrando in quello spogliatoio. Anche se non sono pronto a dire basta e forse non lo sarò mai”.

Qualcuno l’ha svegliato da un sogno che durava 25 lunghi anni, un amore a tinte giallorosse che ha caratterizzato tutta la sua vita. Totti è la Roma, la Roma è Totti: per un quarto di secolo il capitano ha legato il suo nome in maniera indissolubile a quello della società che l’ha scoperto e poi lanciato e che lui ha amato e sempre difeso. Non ce ne vogliano grandi campioni come Del Piero, Maldini e Zanetti, ma una festa come quella che la Roma e i romanisti hanno organizzato per Totti non si è mai vista nel calcio nostrano. Forse perché Francesco è stato più di un capitano, più di un goleador, più di un simbolo. È stato un figlio di Roma. Ha avuto tantissimi avversari, eppure nessuno l’ha mai odiato. Francesco ha disegnato calcio, ha reso semplici delle giocate pazzesche, ha fatto coi piedi quello che un grande pittore fa con le mani: arte. Ha espresso i suoi sentimenti attraverso il pallone, rimanendo sempre una persona umile e alla mano mentre il mondo gli diceva che era l’ottavo re di Roma.

Il suo numero, il 10, voleva dire genio, classe, passione, istinto, rosicata, simpatia, ironia, appartenenza. In una parola: romanità. Francesco Totti è il grande rimpianto di tanti, perché solo e soltanto i romanisti hanno avuto Francesco Totti. Ricordatecelo quando, da tifosi di qualsiasi squadra, ci attaccheremo al primo idolo di passaggio. In un calcio che corre e divora tutti, in una società che non pensa altro che a consumare, Totti è rimasto immutabile ai segni del tempo, con i suoi vizi e le tue virtù, con i suoi significati e la sua storia. Insieme a lui, e sembra un beffardo gioco del destino, anche Spalletti ha lasciato la Roma. Un tecnico amato e odiato, in grado però di stabilire il record di punti (87) e di gol (90) nella storia del club, il tutto impreziosito dal secondo posto. Se ne è andato con più insulti che applausi, soprattutto per una gestione di Totti che ha fatto storcere il naso a molti, a dimostrazione di quanto la piazza romana sia assurda ed eccessiva, nelle gioie come nelle problematiche.

Per quanto riguarda il campo c’è un’altra bella favola che va raccontata. Il Crotone si è salvato battendo 3-1 la Lazio e completando una rimonta fatta di 20 punti nelle ultime 9 partite, ma forse sarebbe più giusto dire che ad essere salva è la credibilità del calcio italiano. Non ce ne voglia l’Empoli, ma per decenni abbiamo visto squadre “scansarsi” quando le partite contavano solo per gli avversari e domenica il Palermo, già retrocesso, ha battuto i toscani condannandoli alla B. Non è solo questione di campo (e fino a qui qualcuno potrebbe dire: e la Lazio allora?), perché perdendo, il Palermo, avrebbe potuto guadagnare più soldi dal “paracadute”, quella strana regola che prevede un lauto compenso a chi lascia la Serie A: oltre ai 25 milioni già previsti, la società siciliana ne avrebbe intascati 15 in caso di mancata promozione dalla B alla A nella prossima stagione, ma con l’Empoli di mezzo (che da più di 3 anni stava in A) la torta è spartita a metà (25 e 25) già da ora e non ci sono altri bonus per il futuro. Continuiamo a credere che questa sia una norma contorta e assurda, perché al di là della solidarietà va contro ogni logica sportiva-meritocratica.

30 maggio 2017
AREA-
Un treno chiamato immaginazione: alzate la testa
di Andrea Santoni
Vivere oltre il sentito dire, spingersi verso altre infinite realtà della società. La missione di qualsiasi giovane che vuole tornare a tenere alta la testa su un mondo colmo di occasioni
8 apr 2019
Il Romulea Autistic Football Club: la squadra che vince anche quando non arriva prima
di Riccardo De Vito
Ci giocano persone con sindrome di Asperger. È un'esperienza che crea inclusione e fiducia in se stessi
8 apr 2019
L'insegnante più bravo del mondo è un frate francescano, in una zona povera del Kenya
di Brice Ulrich Afferi
Peter Tabichi ha vinto domenica scorsa il premio Global Teacher Prize della Varkey Foundation, che gli è stato consegnato a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti
26 mar 2019
di Gabriella Imperatore
A un mese dalla Giornata Mondiale della Gioventù, il ricordo resta vivo e ha ancora molto da insegnare
3 mar 2019
Young people are not only the future, they are the people of the present
di Céline Louisette Rahantasoa
Interview with Sr. Lolia Annie on the World Youth Day event in Panama City in January 18-27th
25 feb 2019
i