giovedì 15 aprile 2021
Se i giovani non votano è (anche) colpa del mercato?
di Giorgio Marota
Secondo il rapporto IPSOS-TWIG il 35% dei millennials non si è recato alle urne. Sette punti percentuali in più rispetto al resto della popolazione. Le cause e qualche spunto di riflessione
10 marzo 2018

«Il 70% dei giovani al primo voto potrebbe non entrare in una cabina elettorale e infischiarsene di esprimere la propria scelta». Scriveva così il quotidiano La Stampa il 2 gennaio, lanciando l’allarme astensionismo tra i più giovani a due mesi dalle elezioni. Sono state fatte tante analisi dopo il voto del 4 marzo: il trionfo del Movimento 5 Stelle (primo partito al 32,9 % con picchi del 60% in alcuni Paesi del Sud Italia), gli oltre 4 milioni di voti in più che la Lega di Salvini ha conquistato rispetto alle elezioni del 2013 (salendo al 17,4%), il crollo dei partiti tradizionali come il PD – che è passato in 4 anni dal 40% delle europee al 18,8% delle politiche – e Forza Italia, al 14% (per entrambi minimo storico) sono tutte chiavi di lettura e strade percorribili per una profonda e attenta osservazione di come è cambiato l’elettorato italiano.


Ma i giovani come hanno votato? Secondo il rapporto IPSOS – TWIG tra gli elettori al primo voto è prevalso il Movimento 5 stelle, seguito ex aequo o quasi da PD e Lega. Le stesse cifre, decimo in più o in meno, delle percentuali che rappresentano l’intera popolazione. Ciò che è cambiato - e su cui vale la pena porre l’accento per una riflessione - è il numero degli astenuti tra chi per la prima volta si recava alle urne: il 35%. Non è certo il 70% delle previsioni, ma è un dato molto alto in considerazione al 29,6% su scala nazionale. Soprattutto per come questo numero si è modulato a seconda delle fasce d’età: 29,9% dai 19 ai 34 anni, 27,8% tra i 35 e i 49 anni e 27,6% tra i 50 e i 64 anni. Si procede a scalare, finché più o meno non arriva la pensione. Poi ecco una nuova impennata al 34%. Un elastico quindi, che si traduce così: come elettori nasciamo delusi, smettiamo di esserlo e iniziamo a crederci sempre di più con il passare degli anni finché, oltre ai capelli bianchi arriva pure la rassegnazione e torniamo a non sentire più la necessità di recarci alle urne.


Secondo un articolo dell’Economist pubblicato a febbraio e tradotto in lingua italiana da Internazionale, i millennials sono più istruiti delle generazioni precedenti, sono interessati ai grandi temi più di quanto si pensi, più inclini ad andare a una manifestazione, meno appassionati di droghe e alcol rispetto ai giovani del passato. Eppure hanno perso molte delle abitudini che portavano i loro genitori a votare. Questa la lettura di Rob Ford della Manchester University: «I millennials non considerano il voto come un dovere e, di conseguenza, non si sentono moralmente obbligati a votare. Al contrario, ritengono che i politici abbiano il dovere di corteggiarli. Non vedono i partiti come movimenti degni di fiducia, ma come marchi e brand da scegliere o ignorare, da acquistare e confrontare». È dunque la logica del mercato, a cui la nostra società è ormai assuefatta e a cui la politica si è adeguata con le sue logiche spettacolari, la prima causa dell’attuale disinteresse nei confronti della cosa pubblica? Il mondo della comunicazione e dei media dovrebbe farsi anche questa domanda.

10 marzo 2018
AREA-
di Andrea Santoni
Il segretario generale della Fondazione De Agostini, Marcella Drago, racconta a Young4Young il progetto "Compiti@casa": realizzato in collaborazione con l’Università di Torino e rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado con difficoltà di apprendimento
14 apr 2021
Emergenza fame: per Fao e Wfp è urgente un'azione umanitaria
di Jesus Padilla Iniguez
Il rapporto “Hunger Hotspots” segnala l’allarme congiunto della Fao e del Programma alimentare mondiale (Nobel per la pace 2020). Occorre intensificare gli aiuti ai congolesi residenti in zone di crisi
14 apr 2021
Il ruolo delle religiose nella Chiesa sta cambiando. Ma c'è ancora molta strada da fare
di Akouvi Ahoefa Agassa
Devono contare di più, ad esempio nella formazione dei sacerdoti. Ma i cambiamenti chiedono tempi lunghi. Intervista a Suor Sandra Del Bel Belluz,
8 apr 2021
Cambiamenti climatici: la lezione viene dal Sahel
di Gianluigi Marsibilio
Le trasformazioni del clima possono essere analizzate anche partendo da zone specifiche del pianeta: la professoressa Alessandra Giannini (Ecole Normale Supérieure e Columbia University) ci spiega che studiarle aiuta a capire il Sahel e, soprattutto, l'idea e la pratica della sostenibilità.
7 apr 2021
Riccardo, che una sera si è girato, mi ha guardato e ha detto: papà mio!
di Akouvi Ahoefa Agassa
Nell’impossibilità di avere un figlio, Annalisa e Jgor ricorrono all’adozione. Da un dono nasce la felicità
7 apr 2021