martedì 16 luglio 2019
Venezia. The Ballad of Buster Scruggs, il western che profuma d'Italia
di Jacopo Balliana
Quello dei fratelli Cohen è un film a episodi, che ha per filo conduttore il tema della morte, ma non perde il tono ironico

Se ci fosse ancora qualcuno che ritiene che il western all’italiana non abbia avuto influenze a Hollywood, The Ballad of Buster Scruggs è la perfetta smentita. La pellicola presentata a Venezia dai fratelli Cohen è un western antologico a sei episodi: un fuorilegge canterino, un rapinatore sfortunato, un viandante con un attore mutilato, una ragazza dal futuro incerto, un solitario cercatore d’oro e una carrozza di destinazione ignota.

 

Come scritto, c’è molta Italia ed era proprio nell’intento dei due autori, ma non è solo questo lo scopo del film: esso si predispone a essere un omaggio al cinema di genere, tipico nello stile dei registi, proprio in questa linea l’ultimo episodio fa chiaro riferimento a Il Carretto Fantasma di Victor Sjöström.

Un film corale che dà ampio spazio a tutti gli attori, tra i quali degni di nota Tim Blake Nelson e Liam Neeson. La regia si adatta ai diversi episodi mantenendo l’ironia e la freddezza (a volte macabra) dei fratelli Cohen e il montaggio di Jaynes, allo stesso modo, è capace di dare il ritmo giusto a ogni sequenza, in questo senso l’ultimo episodio è il risultato di un buon lavoro in fase di post-produzione.

 

Se si dovesse racchiudere il film in una parola questa sarebbe sicuramente morte. È la morte il filo conduttore del film, mostrata (proprio come Sergio Leone fece per primo in Per un pugno di dollari) nella sua cruda realtà, fredda e immobile, con quel cinismo apatico tipico dei due registi. Ogni episodio sembra volerci ricordare l’inevitabile destino al quale siamo tutti condannati, se per colpa o per errore non importa, il risultato finale sarà sempre lo stesso.

È il tono ironico a rendere il film una “piacevole” passeggiata (o cavalcata se preferite) tra le terre del Far West, in mezzo ai saloon e alle lande, tra cowboy, cacciatori di taglie e indiani. In definitiva, non è la migliore opera dei Cohen, ma sicuramente un film che, mantenendosi sulla linea stilistica dei registi, merita di essere visto.

__________________________________

Regista: Joel Coen, Ethan Coen

Sceneggiatura: Joel Coen, Ethan Coen

Fotografia: Bruno Delbonnel

Montaggio: Roderick Jaynes

Suono: Skip Lievsay

Effetti visivi: Alex Lemke, Michael Huber

Interpreti: James Franco, Tim Blake Nelson, Liam Neeson, Tom Waits, Bill Heck, Zoe Kazan, Tyne Daly Brendan Gleeson

Paese: USA

3 settembre 2018
AREA-
La musica trap: una trappola per i giovani?
di Luis Estevez Estevez
È di tendenza, anche perché ha un ritmo coinvolgente, ma ha un impatto negativo, per i modelli che presenta. Intervista con il professor Cosimo Alvati
6 giu 2019
Per passare dalle community alle comunità serve aiuto reciproco, obiettivi comuni, ascolto. Relazioni, insomma
di Maria Grazia Tripi
Domenica 2 giugno si celebra la 52° Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali. Abbiamo parlato con Tommaso Sardelli sul messaggio del Papa
30 mag 2019
Meno narcisisti e più solidali verso gli altri. Ecco come abitare i social network
di Ermanno Giuca
«Non basta moltiplicare le connessioni per aumentare le relazioni. La rete è una risorsa non uno strumento per dividere» (Papa Francesco).
21 mag 2019
di Celine Rajendran Thimena
Intervista con l'autore, Ernest Pathi SDB, che invita a difendere la causa di una delle comunità più discriminate
17 mag 2019
Il calcio del futuro: tra allenatori virtuali e arbitri controllati da telecamere
di Andrea Santoni
La tecnologia ha investito anche questo mondo, puntando ad un business finalizzato a ridurre il più possibile il margine d'errore
18 apr 2019
i