lunedì 19 novembre 2018
Venezia. The Ballad of Buster Scruggs, il western che profuma d'Italia
di Jacopo Balliana
Quello dei fratelli Cohen è un film a episodi, che ha per filo conduttore il tema della morte, ma non perde il tono ironico

Se ci fosse ancora qualcuno che ritiene che il western all’italiana non abbia avuto influenze a Hollywood, The Ballad of Buster Scruggs è la perfetta smentita. La pellicola presentata a Venezia dai fratelli Cohen è un western antologico a sei episodi: un fuorilegge canterino, un rapinatore sfortunato, un viandante con un attore mutilato, una ragazza dal futuro incerto, un solitario cercatore d’oro e una carrozza di destinazione ignota.

 

Come scritto, c’è molta Italia ed era proprio nell’intento dei due autori, ma non è solo questo lo scopo del film: esso si predispone a essere un omaggio al cinema di genere, tipico nello stile dei registi, proprio in questa linea l’ultimo episodio fa chiaro riferimento a Il Carretto Fantasma di Victor Sjöström.

Un film corale che dà ampio spazio a tutti gli attori, tra i quali degni di nota Tim Blake Nelson e Liam Neeson. La regia si adatta ai diversi episodi mantenendo l’ironia e la freddezza (a volte macabra) dei fratelli Cohen e il montaggio di Jaynes, allo stesso modo, è capace di dare il ritmo giusto a ogni sequenza, in questo senso l’ultimo episodio è il risultato di un buon lavoro in fase di post-produzione.

 

Se si dovesse racchiudere il film in una parola questa sarebbe sicuramente morte. È la morte il filo conduttore del film, mostrata (proprio come Sergio Leone fece per primo in Per un pugno di dollari) nella sua cruda realtà, fredda e immobile, con quel cinismo apatico tipico dei due registi. Ogni episodio sembra volerci ricordare l’inevitabile destino al quale siamo tutti condannati, se per colpa o per errore non importa, il risultato finale sarà sempre lo stesso.

È il tono ironico a rendere il film una “piacevole” passeggiata (o cavalcata se preferite) tra le terre del Far West, in mezzo ai saloon e alle lande, tra cowboy, cacciatori di taglie e indiani. In definitiva, non è la migliore opera dei Cohen, ma sicuramente un film che, mantenendosi sulla linea stilistica dei registi, merita di essere visto.

__________________________________

Regista: Joel Coen, Ethan Coen

Sceneggiatura: Joel Coen, Ethan Coen

Fotografia: Bruno Delbonnel

Montaggio: Roderick Jaynes

Suono: Skip Lievsay

Effetti visivi: Alex Lemke, Michael Huber

Interpreti: James Franco, Tim Blake Nelson, Liam Neeson, Tom Waits, Bill Heck, Zoe Kazan, Tyne Daly Brendan Gleeson

Paese: USA

3 settembre 2018
AREA-
Fake news:
di Andrea Santoni
Parliamo di fake news e di odio on line con Roberto Beretta, autore del libro "Fake Pope". L'attuale clima di intolleranza dipende da molti fattori...
17 nov 2018
Parole e opere di papa Francesco offuscate dalle fake news. Ma il bersaglio è il Concilio
di Mariaelena Iacovone
Roberto Beretta e Rocco D'Ambrosio intervengono alla Facoltà di Scienze della Comunicazione dell'Università Salesiana e spiegano perché tanta falsità circondi le parole e le opere del Papa
13 nov 2018
Religion Today 2018: il futuro del cinema è nei giovani
di Andrea Santoni
Giovani critici si sono confrontati a distanza con giovani registi, grazie al seminario all'Università Salesiana. Anche così nascono e crescono le passioni
12 nov 2018
Torna la spiritualità tra i giovani (ma non la fede)
di Mariaelena Iacovone
La ricerca di sensazioni predomina sulla ricerca di senso, ma un nuovo atteggiamento religioso si fa strada tra gli atteggiamenti atei. Un intervento di Domenico Bellantoni
6 nov 2018
Seminario Religion Today 2018: riflessioni su credenze e valori dei giovani
di Andrea Santoni
Lunedì 5 novembre 2018 si è tenuto presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione Sociale dell’Università Pontificia Salesiana, la nona edizione del seminario Religion Today.
6 nov 2018