martedì 16 luglio 2019
Venezia. "At Eternity's Gate", il film che ci sommerge con i colori di Van Gogh
di Mariaelena Iacovone
Girato da Julian Schnabel, ripercorre gli ultimi anni di vita del pittore olandese

«Otto anni dopo Miral, torna in corsa per la 75esima Mostra del cinema di Venezia Julian Schnabel con At Eternity's Gate, il film che ripercorre gli ultimi anni di vita di Vincent Van Gogh (un eccezionale Willem Dafoe) nel Sud della Francia.

Il pittore–regista non intende mettere in scena un racconto biografico, piuttosto tenta di cogliere gli aspetti più inediti e meno conosciuti del celebre artista olandese: il rapporto con l'amico Gauguin e il fratello Theo, la costante ricerca di un’approvazione da parte degli altri, i conflitti interiori, il ricovero in manicomio, il legame con la natura e con i protagonisti di alcuni suoi ritratti (il dottor Gachet e la locandiera Madame Ginoux).

 

Nel film, costruito sul flusso di coscienza del pittore, ogni ripresa sembra ispirata ad un suo dipinto e i colori sono fonte di energia e dinamismo.

Interessante, inoltre, il rapporto spaziale tra il dentro (stanza, ospedale, la locanda) e il fuori (i campi di grano e la città), utile a definire non solo due luoghi fisici, ma anche il dramma di una condizione esistenziale tormentata.

Van Gogh è, infatti, il genio incompreso, nato forse nell'epoca sbagliata, che tende con la sua arte verso l'assoluto e il trascendente (“Quando guardo un paesaggio piatto non vedo che l'eternità”).

La luce del sole, il vento e una straordinaria musica al piano accompagnano i momenti di ispirazione artistica, mentre i dialoghi, per lo più didascalici, sono ridotti all'osso.

La macchina da presa si posa sui volti, sui fiori, sui campi e si lascia andare a numerose (forse anche troppo) inquadrature soggettive sfocate nella parte bassa. Infatti, il frequente sguardo commosso dell'artista induce e condiziona lo spettatore a guardare il mondo attraverso i suoi occhi.

 

«Van Gogh, come si legge nelle sue lettere, era lucido, consapevole del suo valore e forse, come si vede in uno dei tanti dialoghi del film, si identificava davvero in Gesù», dichiara il regista in riferimento alla scena di Van Gogh che si confida con un prete (Mads Mikkelsen) non troppo convinto del suo valore artistico.

Un film denso di significati, che affronta il tema dell'eternità nell'arte e della “magica, profonda comunicazione con la natura”.

____________________________________

Sceneggiatura: Jean-Claude Carrière,Julian Schnabel,Louise Kugelberg

Fotografia: Benoit Delhomme

Montaggio: Louise Kugelberg,Julian Schnabel

Scenografia: Stéphane Cressend

Costumi: Karen Muller-Serreau

Musica: Tatiana Lisovskaya

Paese: USA, Francia

 

8 settembre 2018
AREA-
La musica trap: una trappola per i giovani?
di Luis Estevez Estevez
È di tendenza, anche perché ha un ritmo coinvolgente, ma ha un impatto negativo, per i modelli che presenta. Intervista con il professor Cosimo Alvati
6 giu 2019
Per passare dalle community alle comunità serve aiuto reciproco, obiettivi comuni, ascolto. Relazioni, insomma
di Maria Grazia Tripi
Domenica 2 giugno si celebra la 52° Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali. Abbiamo parlato con Tommaso Sardelli sul messaggio del Papa
30 mag 2019
Meno narcisisti e più solidali verso gli altri. Ecco come abitare i social network
di Ermanno Giuca
«Non basta moltiplicare le connessioni per aumentare le relazioni. La rete è una risorsa non uno strumento per dividere» (Papa Francesco).
21 mag 2019
di Celine Rajendran Thimena
Intervista con l'autore, Ernest Pathi SDB, che invita a difendere la causa di una delle comunità più discriminate
17 mag 2019
Il calcio del futuro: tra allenatori virtuali e arbitri controllati da telecamere
di Andrea Santoni
La tecnologia ha investito anche questo mondo, puntando ad un business finalizzato a ridurre il più possibile il margine d'errore
18 apr 2019
i