venerdì 5 giugno 2020
Roma. Ecco come due Radio creano solidarietà e partecipazione
di Mariaelena Iacovone
Radio Impegno va onda di notte nel nome della legalità; Radio On The Move è un laboratorio che sensibilizza il territorio

Tra le sessioni dedicate alle buone pratiche, durante il Congresso “Giovani e scelte di vita”, due incontri sono stati dedicati a interessanti iniziative radiofoniche: Radio Impegno e On The Move.

 

Radio Impegno nasce il 30 maggio 2016 a Corviale, periferia a sud ovest di Roma, ed è legata a Calcio Sociale, un’associazione che da più di dieci anni porta avanti programmi educativi per i ragazzi del problematico quartiere romano.

L’iniziativa arriva in seguito all’attentato incendiario avvenuto il 13 novembre 2015 al Campo dei Miracoli, una vecchia struttura pubblica ristrutturata e riaperta nel 2014 da Calcio Sociale. Uno shock non solo per i volontari, ma anche per la comunità, che aveva trovato in quel centro un luogo di rinascita e riscatto.

Da qui la voglia di reagire per dare vita ad una radio in diretta (sulle frequenze FM 97.7 di Radio Città Futura e in streaming) 365 notti all’anno da mezzanotte alle 8.30 del mattino.

 “Come rispondere ad un simile attacco di violenza? Con una risposta aperta, accogliente e intelligente: la radio”, commenta la volontaria Graziana Dizonno.

Radio Impegno nasce, così, per “presidiare” il Campo dei Miracoli e dare voce a tutti coloro che vogliono raccontare la Roma migliore, promuovendo i valori della legalità, dell’accoglienza e della solidarietà.

Un canale informativo libero e senza fini di lucro a cui prendono parte dal 2016 artisti, attori, giornalisti, associazioni, uomini, donne e giovani che raccontano le loro esperienze e i loro talenti, promuovono iniziative e stimolano la partecipazione sociale e politica alla vita della città.

Tutti possono partecipare, senza alcuna distinzione di età, provenienza o estrazione sociale. Ciò che conta è credere e unirsi intorno a questo ambizioso progetto per dimostrare a tutti che in quelle realtà un barlume di speranza ancora c’è.

 

La web Radio On The Move, invece, è un progetto di formazione professionale per giovani migranti, rifugiati ed autoctoni nato circa tre anni fa nella Casa Scalabrini 634, realtà di terza accoglienza per rifugiati a Roma (quindi una casa e non un centro di accoglienza). Questa iniziativa è stata ispirata da una delle attività promosse dalla ASCS Onlus nel progetto Fronteras Solidarias. Tra la Bolivia e l’Argentina, infatti, delle giovani donne vittima di tratta raccontavano ad una piccola radio le loro drammatiche storie.

On The Move vuole essere, quindi, un laboratorio e un servizio di formazione, intrattenimento e sensibilizzazione sul fenomeno migratorio.

Come ci spiega padre Gabriele Beltrami, addetto stampa dei Missionari di san Carlo-Scalabriniani, questa Web Radio può potenziare la comunicazione, la condivisione, la collaborazione e la cooperazione.

Diversamente da Radio Impegno, non è in diretta (anche se ci spiega Beltrami che questo è uno dei suoi prossimi obiettivi).

Un progetto senz’altro coraggioso che punta all’integrazione e in cui è possibile sperimentare concretamente l’incontro con l’altro.

 

24 settembre 2018
AREA-
I social network possono diventare ragnatele digitali? Riflessione su giovani, comunicazione e Chiesa
di Jesus PADILLA INIGUEZ
La comunicazione digitale si può trasformare in una trappola. Ma ci sono molte esperienze, anche in ambito ecclesiale, che dimostrano che possono essere usati in modo positivo
4 giu 2020
La radio non si ferma e “sconfigge” il covid-19
di Emilia Rosaria Uccello
L'incremento radiofonico durante il Covid-19: i ragazzi hanno riscoperto questo mezzo di comunicazione.
4 giu 2020
Vanno bene le tecnologie, ma dobbiamo imparare ad affrontare il mondo di persona
di Lorenzo Cianflone Mottola
I giovani d'oggi si rapportano tra loro e con i più grandi in maniera diversa rispetto al passato. Ma ciò che vediamo sui social è vero? Intervista con la scrittrice Chiara Maggi
26 mag 2020
La musica, per vivere meglio
di Celine Louisette RAHANTASOA
Per conoscerci meglio, per comunicare, per trovare dei punti di riferimento e dei valori… la musica è uno strumento potente per crescere e per comunicare. Intervista con Riccardo Capobianco
20 mag 2020
Dalla scuola di Atene alla scuola a distanza
di Riccardo Capobianco
Dall'inizio dell'emergenza la didattica non avviene più in aula, ma direttamente nelle nostre case. Cosa cambia a livello relazionale e didattico? Intervista a una giovane professoressa.
19 mag 2020
i