venerdì 24 maggio 2019
"Noi Liberi Sognatori". La pagina Instagram per chi non molla
di Adriano Romani
Aperta da un gruppetto si amici, lancia un messaggio chiaro: crede nei vostri sogni! Sono il miglior antidoto a qualunquismo e scoraggiamento

Noi Liberi Sognatori è uno spazio si Instagram e non solo. Loro si definiscono un «movimento giovanile nato per essere punto di riferimento per tutti quei ragazzi che sognano e combattono a testa alta nonostante tutto». Abbiamo intervistato Francesco Angelone, uno degli amministratori della pagina.

 

Com’è nata l’dea di creare questa pagina e quando?

«La pagina instagram Noi Liberi Sognatori è stata creata il 27 dicembre 2017 da me, Francesco e un mio caro amico d’infanzia. L’idea è nata in una sera d’inverno a Roma, mentre mi trovavo in un pub con il mio amico. Tra una birra e una risata ci siamo chiesti - a seguito di alcuni discorsi fatti nell’arco della serata riguardanti i giovani, i sogni dei giovani e i valori più in generale - perché non creare una comunità virtuale nuova, dove poterci esprimere. Il nostro obiettivo era fin da subito quello di creare una comunità vera e propria. Volevamo realizzare uno spazio social dove ognuno poteva esprimersi liberamente, dove ognuno poteva essere se stesso. Si parla spesso dei giovani e del fatto che non hanno valori, noi volevamo dire chiaramente che non era vero. Non siamo tutti uguali. C’è chi sogna, ha ambizioni e grandi aspirazioni.

 

Cos’è quindi Noi Liberi Sognatori?

«Noi Liberi Sognatori è prima di tutto un’ideale. Si, fin'ora abbiamo parlato di social network di instagram, ma in realtà noi utilizziamo i social solo come una piattaforma d’incontro. Promuoviamo essenzialmente i vecchi valori e sproniamo i ragazzi. Quello che vogliamo dire a tutti è: “CREDETE NEI VOSTRI SOGNI”»

 

Come interagiscono con voi i vostri followers?

«I nostri followers interagiscono con noi tramite il tasto direct dell’applicazione instagram. Si tratta di una chat, spesso ci mandano foto o frasi o testi chiedendoci di condividerli in pagina. C’è anche un altro modo però! Mi riferisco alla nuova sezione di instagram dedicata alle storie. Le storie sono contenuti presenti per ventiquattro ore sul social. Grazie a questa funzione, i nostri seguaci semplicemente taggandoci, possono mettersi in contatto con noi mostrandoci i più svariati contenuti, contenuti che talvolta repostiamo».

 

Come mai proprio una pagina proprio sui sogni?

«Perché è importante che i giovani vengano spronati, vengano stimolati e incoraggiati. Vivo a Roma, in periferia, e qui hanno sempre provato a farmi vedere il mondo come un posto orrendo, dove nessuno può realizzare nulla. Da piccolo mi chiedevo perché trovavo spesso ragazzi più grandi pronti a scoraggiarmi. Oggi lo so! Perché volevano avvicinarmi alla delinquenza, alla droga. Io non ho mai dato retta a queste persone e oggi, credendo nei miei sogni ho capito che la vita è bella. Tanti ragazzi che ho conosciuto però negli anni si sono persi. Noi vogliamo dire a tutti, CREDETE NEI VOSTRI SOGNI».

 

Avete svolto attività al di fuori dei social network?

«Certo! Siamo stati invitati a fare una conferenza al liceo Classico Aristofane di Roma e siamo stati ospiti di due radio romane».

 

11 ottobre 2018
AREA-
Una storia di morte e di noia, che interpella la comunità
di Maria Grazia Tripi
Un mese fa un gruppo di giovani ha ucciso Antonio Stano. Una riflessione sul segno che questa orribile vicenda potrebbe dare a tutti coloro che hanno a cuore l'educazione dei giovani.
22 mag 2019
Un treno chiamato immaginazione: alzate la testa
di Andrea Santoni
Vivere oltre il sentito dire, spingersi verso altre infinite realtà della società. La missione di qualsiasi giovane che vuole tornare a tenere alta la testa su un mondo colmo di occasioni
8 apr 2019
Il Romulea Autistic Football Club: la squadra che vince anche quando non arriva prima
di Riccardo De Vito
Ci giocano persone con sindrome di Asperger. È un'esperienza che crea inclusione e fiducia in se stessi
8 apr 2019
L'insegnante più bravo del mondo è un frate francescano, in una zona povera del Kenya
di Brice Ulrich Afferi
Peter Tabichi ha vinto domenica scorsa il premio Global Teacher Prize della Varkey Foundation, che gli è stato consegnato a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti
26 mar 2019
di Gabriella Imperatore
A un mese dalla Giornata Mondiale della Gioventù, il ricordo resta vivo e ha ancora molto da insegnare
3 mar 2019
i