giovedì 9 luglio 2020
Seminario Religion Today 2018: riflessioni su credenze e valori dei giovani
di Andrea Santoni
Lunedì 5 novembre 2018 si è tenuto presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione Sociale dell’Università Pontificia Salesiana, la nona edizione del seminario Religion Today.

La Facoltà di Scienze della Comunicazione della Pontificia Università Salesiana e il Religion Today Film Festival si incontrano per il nono anno consecutivo in un seminario dedicato a docenti e studenti. L’incontro ha ribadito ancora una volta il rapporto di continuità tra la facoltà dell’Università Pontificia Salesiana e la manifestazione cinematografica. L’evento si è suddiviso in una serie di interventi che hanno stimolato i presenti a una serie di riflessioni e considerazioni sui valori e le credenze della società attuale e come queste influenzino i giovani di oggi.

 

Gli interventi sono stati aperti dal magnifico rettore dell’università, don Mauro Mantovani, che ha parlato dell’esperienza del congresso internazionale sui giovani e scelte di vita, tenutosi presso l’università dal 20 al 23 settembre. Il rettore ha posto come punto focale del suo intervento l’ascolto, decisivo nel dialogo con i giovani. Il secondo intervento è stato realizzato dal direttore artistico del Religion Today Film Festival, Andrea Morghen, concentratosi sul tema del coraggio, decisivo per stimolare giovani e adulti a credere in obiettivi e persone.

 

Nella fase centrale dell’evento è stato dato spazio a Domenico Bellantoni, psicologo, psicoterapeuta e docente universitario, il decano di facoltà, Fabio Pasqualetti e il professor José Luis Moral. Bellantoni ha trattato nel profondo il tema della ricerca di senso da parte dell’uomo; Pasqualetti ha navigato sulle acque complesse e diramate della nostra società, divisa tra mondo sociale e mondo social, capace di condizionare fortemente la comunicazione e le scelte di adulti e giovani. Josè Luis Moral ha trattato il rapporto tra giovani e Dio, intitolando il suo intervento “I giovani e l’umanizzazione di Dio”. Non è il giovane che non crede più in Dio, ma è la società che spesso allontana l’individuo dal credere in qualcosa che non sia materiale.

 

Nel finale hanno chiuso la mattinata il professore don Renato Butera e tre studenti della facoltà di scienze della comunicazione sociale, Jacopo Balliana, Mariaelena Iacovone e Beatrice Pizzichetti. Butera ha impostato il suo intervento sul valore che il cinema ha nei confronti delle scelte di vita e come esso possa colpire direttamente il mondo giovanile. Sempre il professore insieme alla studentessa, Maria Chiara Lorenzelli, ha riportato l’esperienza lavorativa e di vita di alcuni studenti della facoltà, recatisi a Venezia per seguire dal 28 agosto all’8 settembre il Festival del Cinema 2018.

 

In conclusione Balliana, Iacovone e Pizzichetti hanno riportato l’esperienza di alcuni studenti di facoltà, che si sono impegnati a operare da giuria per le edizioni 2017-2018 e 2018-2019 del Religion Today, specificando quali fossero i criteri di valutazione che hanno portato a decretare il film vincente di quest’ultima edizione del festival.

 

 

 

 

 

6 novembre 2018
AREA-
La
di Brice Ulrich Afferi
Si chiama FOMO la paura di essere tagliati fuori. È uno dei modi attraverso la dipendenza dai social network colpisce soprattutto i giovani
8 giu 2020
Chi sono io? Me lo dice instagram
di Anatolii MAKARA
L'utilizzo dei social network è parte fondamentale nella costruzione dell'identità dei giovani. Ecco i pro e i contro
7 giu 2020
Finsta: l'account falso ma reale. Che ci difende meno di quello che pensiamo
di Celine Rajendran Thimena
I giovani creano account falsi su Instagram per esprimersi liberamente, senza preoccupazioni. Ma ci sono comunque almeno due rischi
6 giu 2020
I social network possono diventare ragnatele digitali? Riflessione su giovani, comunicazione e Chiesa
di Jesus PADILLA INIGUEZ
La comunicazione digitale si può trasformare in una trappola. Ma ci sono molte esperienze, anche in ambito ecclesiale, che dimostrano che possono essere usati in modo positivo
4 giu 2020
La radio non si ferma e “sconfigge” il covid-19
di Emilia Rosaria Uccello
L'incremento radiofonico durante il Covid-19: i ragazzi hanno riscoperto questo mezzo di comunicazione.
4 giu 2020
i