martedì 25 giugno 2019
Ultimo, il cantante che ha accettato il dolore e lo ha trasformato in arte
di Chiara Monaldo
«Dalla parte degli ultimi, per sentirmi primo».È questa la frase con la quale si presenta al pubblico Niccolò Moriconi, in arte "Ultimo".

"Ultimo" è il nome che il giovane artista Niccolò Morriconi si è scelto, per il senso di emarginazione che prova dall'infanzia. 

Niccolò era un bambino complicato, che spesso scappava da scuola. Ed è per questo che la mamma, sotto consiglio delle maestre, decidese di iscriverlo ad un corso di pianoforte. Da qui è iniziato il percorso del ventiduenne romano.

 

Ultimo inizialmente vive il corso di pianoforte come un obbligo, ma a lungo andare si appassiona. A otto anni inizia gli studi al conservatorio musicale di Santa Cecilia, a Roma. A soli 14 anni inizia a scrivere i suoi primi testi, e in seguito partecipa a piccoli concerti nel suo liceo, organizzati durante le giornate di assemblea.

La svolta arriva nel 2016, quando Niccolò vince un contest organizzato dall'etichetta musicale Honiro Label, con la quale inizierà una collaborazione. Un suo caro amico, il cantante Fabrizio Moro, nel 2017 gli fa un grande regalo: Ultimo apre il suo concerto al Palalottomatica, e viene apprezzato sia dal pubblico che dalla critica. Il successo diventa sempre più concreto, nel 2018 infatti Ultimo arriva primo a Sanremo Giovani con il brano "Il ballo delle incertezze".

Oggi, a distanza di quasi un anno da quella vittoria, il giovane artista si esibisce davanti a un pubblico di migliaia di persone. Le tappe del suo primo tour, "Peter Pan", hanno raggiunto più volte il sold out. 

 

Nei testi di Niccolò trapelano le emozioni di un ragazzo qualunque, che è consapevole del suo successo, ma non se ne vanta, e continua a comunicare i suoi stati d'animo proprio come ha sempre fatto sin dalle prime canzoni.

I suoi brani parlano di amori iniziati, di storie finite, della paura del futuro, della rabbia di un ragazzo che cerca rifugio da una realtà che a volte può deludere. Ma cerca il suo rifugio in un modo sano: lo cerca nella musica.

 

Le parole di Ultimo rispecchiano i pensieri dei ragazzi di oggi, pieni di dubbi ed insicurezze, ma fanno anche riflettere e sperare. Ad esempio, nel testo Giusy il cantante racconta la storia di una ragazza e delle sue fragilità, che si conclude con questa frase: e ricorda è dal dolore che si può ricominciare.

Ed è proprio questo che Niccolò Moriconi, o meglio Ultimo, è riuscito a fare: ha accettato le sue paure, il suo dolore, e lo ha trasformato in arte. 

10 novembre 2018
AREA-
Don Edmond Dembélé: un costruttore di pace in Mali
di Brice Ulrich Afferi
È stato decorato Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica del Mali, per il ruolo che ha avuto nel creare dialogo in momenti di grande crisi. Studia all'Università Pontificia Salesiana
23 giu 2019
di Aldo Lopez Portillo
Ma forse il vero miracolo è quello che è successo dopo che è sopravvissuto all'aggressione: il dialogo con i giovani componenti della banda
3 giu 2019
Ho ottant'anni e da piccola ho imparato tre cose
di Augustine Lourdu Sami
La storia di Caterina Valente, che da bambina ha dovuto lasciare la sua casa per colpa della guerra e non ha mai dimenticato quell'esperienza.
1 giu 2019
Perché le ultime elezioni sono state vinte dai partiti di destra? Ce lo dicono gli elettori di Sabaudia
di Dario Jean
Reportage da una giornata di elezioni sotto la pioggia: si vota contro questa Europa che ha lasciato sola l'Italia sul problema dei migranti.
31 mag 2019
Agricoltura sociale, una nuova prospettiva educativa
di Maria Grazia Tripi
L'agricoltura sociale oggi è una possibilità concreta di sviluppo e di integrazione sociale.Vi raccontiamo una giornata vissuta insieme ad operatori ed utenti.
29 mag 2019
i