giovedì 15 aprile 2021
Pallone d'oro: è finita l'era del "duopolio"?
di Dieudonne Baleba Baleba
Modric e Mbappe hanno le caratteristiche per essere premiati Il prossimo 3 dicembre a Parigi. Ma è davvero finito il dominio di Messi e Ronaldo? Si accettano pronostici...
22 novembre 2018

Oltre ai Francesi Kylian Mbappe e compagnia, c'è  anche Eden Hasard il belga, Harry Kane l'inglese, Mohamed Salah l'egiziano e Luca Modric il croato per la successione a Ronaldo come pallone d'Oro FiFa france football 2018. La cerimonia si terrà il 3 decembre a Parigi. Per alcuni non ci sarà sorpresa: uno dei due "tenori", Messi o Ronaldo lo riprenderà. Ma per noi, quest'anno, ci sarà una sorpresa.

La storia della nomina del migliore calciatore mondiale di calcio dalla Francefootball è stata segnata, in questi 10 ultimi anni, dal duo Ronaldo-Messi. I due ex rivali nel campionato spagnolo la liga, sono ciascuno titolare di 5 trofei Fifa France football. Messi(2009, 2010, 2011, 2012, 2015) e Ronaldo (2008, 2013, 2014, 2016, 2017) e sono ancora in corsa per il prossimo che sarà conosciuto il 3 dicembre prossimo.

Tuttavia, ci sono molti che pensano invece che il regno senza precedenti dei due migliori giocatori di calcio in attività, sia ormai alla fine. Stelle nascenti come Kylian Mbappe e Neymar dimostrano che il calcio conosce nuovi talenti; le aspettativesu di loro sono molte. I due grandi ci sorprenderanno ancora, quest'anno, vincendo il sesto titolo individuale? Il pallone d'Oro viene assegnato secondo tre criteri principali. In ordine: le prestazioni individuali e collettive (le vittorie) durante l'anno; la classe del giocatore (talento e fair play; la carriera del giocatore.

Per quanto ci riguarda, scommettiamo su Luca Modric. In vista di una stagione eccezionale quest'anno, conclusa con la vittoria nella champions league, una finale della Coppa del Mondo splendida, Luca conta già il titolo di miglior giocatore della UEFA 2018 e il miglior giocatore nella Coppa del mondo in Russia. Una scommessa forse un po' azzardata, visto che al momento non sta vivendo un periodo felice. Ma proviamo...

Però anche il francese Mbappe dichiara aver messo tutto dalla sua parte per vincere il trofeo:«J'ai mis tous les ingrédients de mon côté pour remporter le Ballon d'Or» Il giovane ha vinto la Coppa del mondo in Russia con la nazionale francese dopo una stagione piuttosto apprezzabile con il Monaco, il suo primo club. Tuttavia la Copa del mondo non è l'unico criterio di selezione per definire il vincitore in quel caso Antoine Griezmann, Paul Pogba e Raphael Varane lo meriterebbero lo stesso. D'altra parte c'è Eden Hazard che ha realizzato una bella stagione con Chelsea e una Copa del mondo splendida, ma non è l'unico: Salah, Mané, Luis Suarez, Neymar, Ngolo Kante, e possono anche loro pretendere al titolo.

 

 Luca Modric durante il mondiale in Russia 2018

 

Mai come quest'anno la lotta è aperta e il risultato incerto. Luca Modric, però, per noi rimane il favorito: è il giocatore che ha dimostrato il maggior talento quest'anno, sapendo che il successo del Real Madrid, negli ultimi tre anni, ha visto la sua grande partecipazione a fianco di Ronaldo e Sergio Ramos. 

La stella di Ronaldo oggi brilla in Italia alla Juventus di Torino; la stella croata potrebbe finalmente brillare con tutta la sua luminosità. 

Per quanto riguarda Messi, quest'anno si è accontentato del campionato spagnolo, con una stagione normale, una coppa del mondo piuttosto catastrofica con l'eliminazione contro la Francia. Messi rimane la mega stella del FC Barcellona ma non il Messi del 2011-2013.

In tutti i casi le "scommesse" sono aperte... in attesa del 3 dicembre, a Parigi.

22 novembre 2018
AREA-
di Andrea Santoni
Il segretario generale della Fondazione De Agostini, Marcella Drago, racconta a Young4Young il progetto "Compiti@casa": realizzato in collaborazione con l’Università di Torino e rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado con difficoltà di apprendimento
14 apr 2021
Emergenza fame: per Fao e Wfp è urgente un'azione umanitaria
di Jesus Padilla Iniguez
Il rapporto “Hunger Hotspots” segnala l’allarme congiunto della Fao e del Programma alimentare mondiale (Nobel per la pace 2020). Occorre intensificare gli aiuti ai congolesi residenti in zone di crisi
14 apr 2021
Il ruolo delle religiose nella Chiesa sta cambiando. Ma c'è ancora molta strada da fare
di Akouvi Ahoefa Agassa
Devono contare di più, ad esempio nella formazione dei sacerdoti. Ma i cambiamenti chiedono tempi lunghi. Intervista a Suor Sandra Del Bel Belluz,
8 apr 2021
Cambiamenti climatici: la lezione viene dal Sahel
di Gianluigi Marsibilio
Le trasformazioni del clima possono essere analizzate anche partendo da zone specifiche del pianeta: la professoressa Alessandra Giannini (Ecole Normale Supérieure e Columbia University) ci spiega che studiarle aiuta a capire il Sahel e, soprattutto, l'idea e la pratica della sostenibilità.
7 apr 2021
Riccardo, che una sera si è girato, mi ha guardato e ha detto: papà mio!
di Akouvi Ahoefa Agassa
Nell’impossibilità di avere un figlio, Annalisa e Jgor ricorrono all’adozione. Da un dono nasce la felicità
7 apr 2021