sabato 8 agosto 2020
“Per il bene delle nostre madri, lavoriamo per la pace”.
di Evodio Joao
Shale-Work Zewde, 68 anni, è la prima donna ad occupare l'incarico di presidente in Etiopia, l'unica attualmente in tutto il continente africano.

Prima donna capo in Etiopia, seconda in Africa

Sahle-Work Zewde, la nuova presidente dell’Etiopia, è la prima donna ad occupare la carica di capo di stato in quel paese del corno dell'Africa e l'unica capo di stato attualmente in tutto il continente africano, dopo che Ellen Johnson Sirleaf, in Liberia, ha finito il suo secondo mandato a gennaio scorso.

“Sono il frutto delle persone che hanno combattuto per l'uguaglianza e la libertà politica in questo paese, e lavorerò duramente per servirle”, ha detto Sahle-Work nel suo discorso di accettazione dell'ufficio di capo al Parlamento etiope il 25 ottobre scorso.

In Africa ci sono state tante altre donne che, in modo provvisorio, hanno occupato l'incarico di capo di stato o di primo ministro. Ad esempio, nel 1984, Carmen Pereira per due giorni è stata alla presidenza di Guinea-Bissau; nel 2008 Ivy Matsepe per 14 ore in Sud Africa; per due anni Joyce Banda in Malawi, Catherine di Samba Panza nella Repubblica Centro-Africana e Aneenah Gurib in Mauritius.

La Pace tra le priorità

"Quando non c’è pace nel paese le madri saranno frustrate. Pertanto, dobbiamo lavorare sulla pace per il bene delle nostre madri”. E ha concluso il suo discorso al parlamento esortando tutti “a sostenere la nostra pace, in nome di una madre, che è la prima a soffrire dell’assenza di pace”.

Zewde (v. foto) ha preso la presidenza dopo che, il 9 luglio, il suo paese ha firmato l'accordo di pace che ha posto fine a vent’anni di ostilità per il possesso di Badme, una regione al confine tra i due paesi. Questo conflitto ha provocato circa ottantamila morti.

Chi è Sahle-Work Zewde

Sahle-Work Zewde nata ad Addis Abeba il 21 febbraio 1950 e cresciuta in Francia, nel passato è stata ambasciatrice per L’Etiopia in Senegal e Gibuti, ha lavorato come capo nella pacificazione della Repubblica Centroafricana per le Nazioni Unite. Da giugno era rappresentante speciale del segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, presso l’Unione africana a Addis Abeba.

Va detto che il ruolo di presidente nell’Etiopia è di rappresentanza, poiché il vero capo politico è il Premier. Tuttavia, secondo la costituzione etiope, tocca al presidente nominare gli ambasciatori, ricevere gli inviati stranieri e concedere l’indulto.

L'Etiopia è il più antico paese indipendente dell'Africa e, a parte l'occupazione di cinque anni dell'Italia al tempo di Mussolini, non è mai stata colonizzata. Con il PIL in crescita media intorno al 10% annuo, il paese si trova al 66º nella classifica mondiale per Prodotto Interno Lordo, secondo i dati della Banca Mondiale. Uno sviluppo, però, che ancora non si è fatto sentire in tutte le fasce sociali del paese.

 

10 dicembre 2018
AREA-
LA SOLIDARIETÀ VIAGGIA SU DUE RUOTE, E VA VELOCE
di Sara Michielin
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha voluto insignire dell'onorificenza di Cavaliere al merito della Repubblica anche Maria Sara Feliciangeli, fondatrice dell'associazione "Angeli in Moto".
27 giu 2020
Libertà è partecipazione. I giovani, la sfiducia nell'informazione e nelle istituzioni, il disimpegno
di Sara Michielin
I giovani oggi sono sempre più disinteressati alla vita pubblica ed esprimono una grande sfiducia nella comunicazione politica, pur essendo la parte della popolazione più istruita e interessata ai grandi temi
10 giu 2020
Non è ammissibile un cuore apatico di fronte al COVID-19. La Caritas in Messico
di Jesus PADILLA INIGUEZ
La fede cristiana ha una dimensione sociale che si manifesta nella carità anche durante il lockdown della pandemia. Nei poveri c'è il volto di Cristo
27 mag 2020
«La proposta politica vincente sarà quella che coinvolgerà i giovani migliori»
di Paolo Rosi
Intervista a Mauro Mazza, giornalista e scrittore, già direttore di Tg2, RaiUno, e RaiSport, sul disinteresse diffuso tra i giovani nei confronti della politica, indagando sulle cause e ipotizzando il futuro.
19 mag 2020
Olimpiadi rinviate, ma gli Azzurri non si fermano
di Giulia Arpino
A causa del COVID-19 i Giochi Olimpici di Tokyo 2020 sono stati rinviati all’estate del 2021. Gli atleti italiani non si abbattono: lanciano sfide a colpi di “Living Room Cup” e segni di speranza
20 apr 2020
i