giovedì 7 luglio 2022
“Per il bene delle nostre madri, lavoriamo per la pace”.
di Evodio Joao
Shale-Work Zewde, 68 anni, è la prima donna ad occupare l'incarico di presidente in Etiopia, l'unica attualmente in tutto il continente africano.
10 dicembre 2018

Prima donna capo in Etiopia, seconda in Africa

Sahle-Work Zewde, la nuova presidente dell’Etiopia, è la prima donna ad occupare la carica di capo di stato in quel paese del corno dell'Africa e l'unica capo di stato attualmente in tutto il continente africano, dopo che Ellen Johnson Sirleaf, in Liberia, ha finito il suo secondo mandato a gennaio scorso.

“Sono il frutto delle persone che hanno combattuto per l'uguaglianza e la libertà politica in questo paese, e lavorerò duramente per servirle”, ha detto Sahle-Work nel suo discorso di accettazione dell'ufficio di capo al Parlamento etiope il 25 ottobre scorso.

In Africa ci sono state tante altre donne che, in modo provvisorio, hanno occupato l'incarico di capo di stato o di primo ministro. Ad esempio, nel 1984, Carmen Pereira per due giorni è stata alla presidenza di Guinea-Bissau; nel 2008 Ivy Matsepe per 14 ore in Sud Africa; per due anni Joyce Banda in Malawi, Catherine di Samba Panza nella Repubblica Centro-Africana e Aneenah Gurib in Mauritius.

La Pace tra le priorità

"Quando non c’è pace nel paese le madri saranno frustrate. Pertanto, dobbiamo lavorare sulla pace per il bene delle nostre madri”. E ha concluso il suo discorso al parlamento esortando tutti “a sostenere la nostra pace, in nome di una madre, che è la prima a soffrire dell’assenza di pace”.

Zewde (v. foto) ha preso la presidenza dopo che, il 9 luglio, il suo paese ha firmato l'accordo di pace che ha posto fine a vent’anni di ostilità per il possesso di Badme, una regione al confine tra i due paesi. Questo conflitto ha provocato circa ottantamila morti.

Chi è Sahle-Work Zewde

Sahle-Work Zewde nata ad Addis Abeba il 21 febbraio 1950 e cresciuta in Francia, nel passato è stata ambasciatrice per L’Etiopia in Senegal e Gibuti, ha lavorato come capo nella pacificazione della Repubblica Centroafricana per le Nazioni Unite. Da giugno era rappresentante speciale del segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, presso l’Unione africana a Addis Abeba.

Va detto che il ruolo di presidente nell’Etiopia è di rappresentanza, poiché il vero capo politico è il Premier. Tuttavia, secondo la costituzione etiope, tocca al presidente nominare gli ambasciatori, ricevere gli inviati stranieri e concedere l’indulto.

L'Etiopia è il più antico paese indipendente dell'Africa e, a parte l'occupazione di cinque anni dell'Italia al tempo di Mussolini, non è mai stata colonizzata. Con il PIL in crescita media intorno al 10% annuo, il paese si trova al 66º nella classifica mondiale per Prodotto Interno Lordo, secondo i dati della Banca Mondiale. Uno sviluppo, però, che ancora non si è fatto sentire in tutte le fasce sociali del paese.

 

10 dicembre 2018
AREA-
Missione Goba: l'esperienza di Don Diego in Mozambico
di Alessandra Verna
Accompagnato dalla sua e da altre parrocchie, scopriamo un popolo attento alla dimensione umana, meritevole di aiuto per la costruzione di un futuro più dignitoso. Soprattutto per i giovani.
9 giu 2022
Il dono di Matteo, che ci fa riscoprire la bellezza della vita
di Harsha Kumara Chaminde Bandara THENNAKOON MUDIYANSELAG
Matteo è un ragazzino di 12 anni, con bisogni speciali, ma anche con una capacità speciale: infondere speranza
1 giu 2022
Alla politica di oggi farebbe bene rileggere Tolkien
di Angelo Mereghetti
Il 20 e 21 Maggio all’Università Salesiana di Roma un convegno sulla filosofia politica che emerge dai testi dell’autore del Signore degli Anelli. L’organizzatore Simone Budini: rifletteremo su quanto sia difficile abbandonare il potere per chi ce l’ha
19 mag 2022
Sacerdoti. La via della tenerezza nell'epoca del consumismo e dell'individualismo
di Harsha Kumara Chaminde Bandara THENNAKOON MUDIYANSELAG
Di che formazione hanno bisogno i consacrati, nell'era del post-Covid? Ce ne parla Don Zanotti della Pontificia Università Salesiana
13 mag 2022
“Noi siamo l'ago e possiamo ricucire”: la giustizia che guarisce gli strappi del reato
di Cesar Corrales e Ludovica Salerni
“Ago e filo” è un percorso di giustizia riparativa, 10 incontri con un gruppo di adolescenti autori di reati verso la persona. Nasce dalla collaborazione tra l'Istituto per la mediazione sistemica (IsMeS), il Centro Giustizia Minorile di Roma e l'Accademia Popolare dell'Antimafia e dei Diritti (AP)
14 mar 2022