venerdì 24 maggio 2019
Millie Bobby Brown: ambasciatrice Unicef a 14 anni
di Koffi Xolali Dadale
La star Tv di "Stranger Things" è stata nominata Ambasciatrice di buona volontà dell'UNICEF in occasione della Giornata mondiale del 20 novembre. Una speranza per i bambini.

"Il mio sogno è che ogni bambino, indipendentemente da dove viva o dalle circostanze in cui sia nato, abbia la possibilità di essere ascoltato. Noi abbiamo la passione, il fuoco e le idee per fare il cambiamento": lo ha dichiariato la giovane ambasciatrice, ricordando che tutti devono essere impegnati per offire la possibilità che ogni bambino abbia una vita degna di essere vissuta.

La nomina è avvenuta in occasione della Giornata Mondiale dell’Infanzia, presso la sede delle Nazioni Unite. In qualità di ambasciatrice dell'UNICEF, la star britannica della serie televisiva Stranger Things utilizzerà la sua visibilità globale per sensibilizzare il mondo ai diritti dei minori e ai problemi dei giovani; come la mancanza di diritti, l'accesso all'istruzione, a luoghi sicuri dove giocare e imparare, agli effetti della violenza, delle molestie e della povertà.

Come si legge sul sito dell'UNICEF gli ambasciatori "sono persone scelte per la loro notorietà e per il loro riconosciuto talento nel mondo delle arti, della scienza, dell'intrattenimento, della cultura e dello sport. Sono donne e uomini con un profondo desiderio di aiutare l'UNICEF che donano parte del loro prezioso tempo e coinvolgono il proprio pubblico sui temi dei diritti dell'infanzia, aiutando la mobilitazione di risorse e facilitando la creazione di partnership a beneficio dei bambini nel mondo".

Per la celebrazione di questo anno la giovanissima ha cambianto il suo nome Brown (Marrone) in Blue, Millie Bobby "Blue" per lanciare l'iniziativa #GoBlue: ossia vestirsi e truccarsi di blu. Così ha fatto la promozione di questa campagna, insieme agli altri ambasciatori, con un video carino.

 

 

Ci si potrebbe chiedere: come mai l'immagine di questa giovane viene usata cosi, non potrebbe anche essere considerata una situazione di sfruttamento minorile? Ma bisogna ricordare che questa giornata è un momento particolarmente importante per fare racolta di fondi per auitare i bambini più in difficoltà, ad esempio quelli che non vanno a scuola, e provare a dare una vita dignitosa a tutti; è, cioè,  un azione che si fa per i bambini con i bambini, un cosidedetto empowering children (responsabilizzare i bambini).

"So che Millie utilizzerà la sua passione e la sua dedizione per difendere i diritti dei bambini e dei giovani vulnerabile ovunque", ha dichiarato Henrietta Fore, la direttrice dell'UNICEF. La giovane ambasciatrice ha citato una delle sue eroine Hepbrun Audrey che diceva: "crescendo si scopre che hai due mani, una per auitare gli altri e l'altra per auitare te stesso" Ed è quello che intende fare la star giovanissima dell'UNICEF. Una speranza che si apre.

 

8 dicembre 2018
AREA-
Una storia di morte e di noia, che interpella la comunità
di Maria Grazia Tripi
Un mese fa un gruppo di giovani ha ucciso Antonio Stano. Una riflessione sul segno che questa orribile vicenda potrebbe dare a tutti coloro che hanno a cuore l'educazione dei giovani.
22 mag 2019
Un treno chiamato immaginazione: alzate la testa
di Andrea Santoni
Vivere oltre il sentito dire, spingersi verso altre infinite realtà della società. La missione di qualsiasi giovane che vuole tornare a tenere alta la testa su un mondo colmo di occasioni
8 apr 2019
Il Romulea Autistic Football Club: la squadra che vince anche quando non arriva prima
di Riccardo De Vito
Ci giocano persone con sindrome di Asperger. È un'esperienza che crea inclusione e fiducia in se stessi
8 apr 2019
L'insegnante più bravo del mondo è un frate francescano, in una zona povera del Kenya
di Brice Ulrich Afferi
Peter Tabichi ha vinto domenica scorsa il premio Global Teacher Prize della Varkey Foundation, che gli è stato consegnato a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti
26 mar 2019
di Gabriella Imperatore
A un mese dalla Giornata Mondiale della Gioventù, il ricordo resta vivo e ha ancora molto da insegnare
3 mar 2019
i