giovedì 15 aprile 2021
Millie Bobby Brown: ambasciatrice Unicef a 14 anni
di Koffi Xolali Dadale
La star Tv di "Stranger Things" è stata nominata Ambasciatrice di buona volontà dell'UNICEF in occasione della Giornata mondiale del 20 novembre. Una speranza per i bambini.
8 dicembre 2018

"Il mio sogno è che ogni bambino, indipendentemente da dove viva o dalle circostanze in cui sia nato, abbia la possibilità di essere ascoltato. Noi abbiamo la passione, il fuoco e le idee per fare il cambiamento": lo ha dichiariato la giovane ambasciatrice, ricordando che tutti devono essere impegnati per offire la possibilità che ogni bambino abbia una vita degna di essere vissuta.

La nomina è avvenuta in occasione della Giornata Mondiale dell’Infanzia, presso la sede delle Nazioni Unite. In qualità di ambasciatrice dell'UNICEF, la star britannica della serie televisiva Stranger Things utilizzerà la sua visibilità globale per sensibilizzare il mondo ai diritti dei minori e ai problemi dei giovani; come la mancanza di diritti, l'accesso all'istruzione, a luoghi sicuri dove giocare e imparare, agli effetti della violenza, delle molestie e della povertà.

Come si legge sul sito dell'UNICEF gli ambasciatori "sono persone scelte per la loro notorietà e per il loro riconosciuto talento nel mondo delle arti, della scienza, dell'intrattenimento, della cultura e dello sport. Sono donne e uomini con un profondo desiderio di aiutare l'UNICEF che donano parte del loro prezioso tempo e coinvolgono il proprio pubblico sui temi dei diritti dell'infanzia, aiutando la mobilitazione di risorse e facilitando la creazione di partnership a beneficio dei bambini nel mondo".

Per la celebrazione di questo anno la giovanissima ha cambianto il suo nome Brown (Marrone) in Blue, Millie Bobby "Blue" per lanciare l'iniziativa #GoBlue: ossia vestirsi e truccarsi di blu. Così ha fatto la promozione di questa campagna, insieme agli altri ambasciatori, con un video carino.

 

 

Ci si potrebbe chiedere: come mai l'immagine di questa giovane viene usata cosi, non potrebbe anche essere considerata una situazione di sfruttamento minorile? Ma bisogna ricordare che questa giornata è un momento particolarmente importante per fare racolta di fondi per auitare i bambini più in difficoltà, ad esempio quelli che non vanno a scuola, e provare a dare una vita dignitosa a tutti; è, cioè,  un azione che si fa per i bambini con i bambini, un cosidedetto empowering children (responsabilizzare i bambini).

"So che Millie utilizzerà la sua passione e la sua dedizione per difendere i diritti dei bambini e dei giovani vulnerabile ovunque", ha dichiarato Henrietta Fore, la direttrice dell'UNICEF. La giovane ambasciatrice ha citato una delle sue eroine Hepbrun Audrey che diceva: "crescendo si scopre che hai due mani, una per auitare gli altri e l'altra per auitare te stesso" Ed è quello che intende fare la star giovanissima dell'UNICEF. Una speranza che si apre.

 

8 dicembre 2018
AREA-
di Andrea Santoni
Il segretario generale della Fondazione De Agostini, Marcella Drago, racconta a Young4Young il progetto "Compiti@casa": realizzato in collaborazione con l’Università di Torino e rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado con difficoltà di apprendimento
14 apr 2021
Emergenza fame: per Fao e Wfp è urgente un'azione umanitaria
di Jesus Padilla Iniguez
Il rapporto “Hunger Hotspots” segnala l’allarme congiunto della Fao e del Programma alimentare mondiale (Nobel per la pace 2020). Occorre intensificare gli aiuti ai congolesi residenti in zone di crisi
14 apr 2021
Il ruolo delle religiose nella Chiesa sta cambiando. Ma c'è ancora molta strada da fare
di Akouvi Ahoefa Agassa
Devono contare di più, ad esempio nella formazione dei sacerdoti. Ma i cambiamenti chiedono tempi lunghi. Intervista a Suor Sandra Del Bel Belluz,
8 apr 2021
Cambiamenti climatici: la lezione viene dal Sahel
di Gianluigi Marsibilio
Le trasformazioni del clima possono essere analizzate anche partendo da zone specifiche del pianeta: la professoressa Alessandra Giannini (Ecole Normale Supérieure e Columbia University) ci spiega che studiarle aiuta a capire il Sahel e, soprattutto, l'idea e la pratica della sostenibilità.
7 apr 2021
Riccardo, che una sera si è girato, mi ha guardato e ha detto: papà mio!
di Akouvi Ahoefa Agassa
Nell’impossibilità di avere un figlio, Annalisa e Jgor ricorrono all’adozione. Da un dono nasce la felicità
7 apr 2021