venerdì 24 maggio 2019
IL PERSONAGGIO DEL PRESEPIO/1 Vorrei essere uno dei personaggi minori, che sanno di casa...
di Vittorio Sammarco
Se non ci fossimo noi a ricordare la Sua nascita nell'ordinarietà, forse quei re, pastori, comete e angeli sarebbero “troppo straordinari”.

Io sono sempre stato affascinato dai personaggi minori del presepe. Non che quelli importanti mi piacciano di meno, sia chiaro, ma mi hanno sempre fatto tenerezza il maniscalco, il venditore di salumi, di pesci, di formaggi, insomma quei piccoli bottegai o artigiani che davanti l’uscio di casa o del negozio rendono più vivaci i presepi più belli.

E vorrei essere proprio uno di loro… Per due ragioni.

Perché mi sanno di casa, di città, di relazioni umane, di vita che s’intreccia e si articola con le faccende domestiche, i pasti, il lavoro, le amicizie, gli animali da curare eccetera. E poi li vedo quasi sempre in posizioni da urlo, da richiamo ad alta voce: “venite, accorrete!”, sembrano gridare.

Perché sì, qui vicino è nato Qualcuno di importante, di veramente importante. Ma non dimentichiamoci della vita normale, quella di ogni giorno che ha bisogno di chi si affanna. Anzi, diranno proprio così, li sento gli omini con il loro affaticarsi e le loro grida: a dirla tutta, Lui è proprio venuto per arricchire le nostre vite di ogni giorno. E se non ci fossimo noi a ricordarlo nell’ordinarietà, forse quei re, pastori, comete e angeli sarebbero “troppo straordinari”.

20 dicembre 2018
AREA-
Una storia di morte e di noia, che interpella la comunità
di Maria Grazia Tripi
Un mese fa un gruppo di giovani ha ucciso Antonio Stano. Una riflessione sul segno che questa orribile vicenda potrebbe dare a tutti coloro che hanno a cuore l'educazione dei giovani.
22 mag 2019
Un treno chiamato immaginazione: alzate la testa
di Andrea Santoni
Vivere oltre il sentito dire, spingersi verso altre infinite realtà della società. La missione di qualsiasi giovane che vuole tornare a tenere alta la testa su un mondo colmo di occasioni
8 apr 2019
Il Romulea Autistic Football Club: la squadra che vince anche quando non arriva prima
di Riccardo De Vito
Ci giocano persone con sindrome di Asperger. È un'esperienza che crea inclusione e fiducia in se stessi
8 apr 2019
L'insegnante più bravo del mondo è un frate francescano, in una zona povera del Kenya
di Brice Ulrich Afferi
Peter Tabichi ha vinto domenica scorsa il premio Global Teacher Prize della Varkey Foundation, che gli è stato consegnato a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti
26 mar 2019
di Gabriella Imperatore
A un mese dalla Giornata Mondiale della Gioventù, il ricordo resta vivo e ha ancora molto da insegnare
3 mar 2019
i