venerdì 24 maggio 2019
IL PERSONAGGIO DEL PRESEPIO/4 Meraviglia, la donna che accende gioia nei cuori
di Mariaelena Iacovone
Con enorme stupore scopre Qualcuno davvero importante. E noi siamo ancora capaci di meraviglia?

È il 19 dicembre e mancano pochi giorni a Natale. Salì, una giovane donna di 23 anni, dà alla luce il suo piccolo su una spiaggia libica, lo avvolge in una coperta e insieme salgono su un gommone. Lo stringe forte a sé per quasi due giorni, poi arriva l’ennesima missione di salvataggio della nave Open Arms. Così, la Ong spagnola, dopo aver preso a bordo 307 persone, lancia un appello sui social chiedendo di far sbarcare con urgenza il piccolo Sam e sua madre. È piena notte quando finalmente arriva una buona notizia: il governo di Malta ha deciso di accogliere (non senza difficoltà) Sam e Salì, mentre gli altri sopravvissuti possono anche rimanere lì. In fondo, vere urgenze non ci sono.

 

«Il presepe vivente dei naufraghi», scrive Nello Scavo, giornalista di "Avvenire", in seguito al salvataggio di Open Arms. Sam è nato da due giorni, è sporco ed è congelato. Si trova in braccio a sua madre a bordo di un gommone e intorno a loro ci sono donne e uomini sconosciuti (e anche molto poveri).

Una metafora toccante e tragicamente attuale che mi ha spinto a riflettere sul rito del presepe. In particolare, cosa significa “vivere” il presepe oggi, alla luce di questi tristi fatti? In che modo i suoi personaggi “si rivolgono a noi”?

 

Quando ero bambina una delle figure che mi affascinava di più era Meraviglia, personaggio femminile della tradizione bolognese che, a bocca aperta e con le braccia alzate, guarda stupita la Stella. Ammetto, però, che la mia Meraviglia era particolarmente bella e curata nei dettagli (forse è per questo che da piccola era la mia preferita). Tuttavia, nonostante sia passato del tempo, questo personaggio continua a piacermi. È dinamico ed estremamente intuitivo: capisce quanto è importante quel momento e lo vive profondamente dentro di sé come una novità.

E se anche noi riuscissimo a provare quella meraviglia che accende gioia (e non paura) nei nostri cuori davanti alla nascita di un bambino?

 

Vorrei concludere questa mia riflessione con la poesia Una volta sognai della scrittrice Alda Merini dedicata a Lampedusa, quella che era l’isola di speranza per molti migranti.

Una volta sognai

di essere una tartaruga gigante

con scheletro d’avorio che trascinava bimbi e piccini e alghe e rifiuti e fiori

e tutti si aggrappavano a me sulla mia scorza dura.

Ero una tartaruga che barcollava sotto il peso dell’amore

molto lenta a capire e svelta a benedire.

Così figli miei una volta vi hanno buttato nell’acqua

e voi vi siete aggrappati al mio guscio

e io vi ho portati in salvo

perché questa testuggine marina

è la terra che vi salva dalla morte dell’acqua.

27 dicembre 2018
AREA-
Una storia di morte e di noia, che interpella la comunità
di Maria Grazia Tripi
Un mese fa un gruppo di giovani ha ucciso Antonio Stano. Una riflessione sul segno che questa orribile vicenda potrebbe dare a tutti coloro che hanno a cuore l'educazione dei giovani.
22 mag 2019
Un treno chiamato immaginazione: alzate la testa
di Andrea Santoni
Vivere oltre il sentito dire, spingersi verso altre infinite realtà della società. La missione di qualsiasi giovane che vuole tornare a tenere alta la testa su un mondo colmo di occasioni
8 apr 2019
Il Romulea Autistic Football Club: la squadra che vince anche quando non arriva prima
di Riccardo De Vito
Ci giocano persone con sindrome di Asperger. È un'esperienza che crea inclusione e fiducia in se stessi
8 apr 2019
L'insegnante più bravo del mondo è un frate francescano, in una zona povera del Kenya
di Brice Ulrich Afferi
Peter Tabichi ha vinto domenica scorsa il premio Global Teacher Prize della Varkey Foundation, che gli è stato consegnato a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti
26 mar 2019
di Gabriella Imperatore
A un mese dalla Giornata Mondiale della Gioventù, il ricordo resta vivo e ha ancora molto da insegnare
3 mar 2019
i