giovedì 15 aprile 2021
IL PERSONAGGIO DEL PRESEPIO/4 Meraviglia, la donna che accende gioia nei cuori
di Mariaelena Iacovone
Con enorme stupore scopre Qualcuno davvero importante. E noi siamo ancora capaci di meraviglia?
27 dicembre 2018

È il 19 dicembre e mancano pochi giorni a Natale. Salì, una giovane donna di 23 anni, dà alla luce il suo piccolo su una spiaggia libica, lo avvolge in una coperta e insieme salgono su un gommone. Lo stringe forte a sé per quasi due giorni, poi arriva l’ennesima missione di salvataggio della nave Open Arms. Così, la Ong spagnola, dopo aver preso a bordo 307 persone, lancia un appello sui social chiedendo di far sbarcare con urgenza il piccolo Sam e sua madre. È piena notte quando finalmente arriva una buona notizia: il governo di Malta ha deciso di accogliere (non senza difficoltà) Sam e Salì, mentre gli altri sopravvissuti possono anche rimanere lì. In fondo, vere urgenze non ci sono.

 

«Il presepe vivente dei naufraghi», scrive Nello Scavo, giornalista di "Avvenire", in seguito al salvataggio di Open Arms. Sam è nato da due giorni, è sporco ed è congelato. Si trova in braccio a sua madre a bordo di un gommone e intorno a loro ci sono donne e uomini sconosciuti (e anche molto poveri).

Una metafora toccante e tragicamente attuale che mi ha spinto a riflettere sul rito del presepe. In particolare, cosa significa “vivere” il presepe oggi, alla luce di questi tristi fatti? In che modo i suoi personaggi “si rivolgono a noi”?

 

Quando ero bambina una delle figure che mi affascinava di più era Meraviglia, personaggio femminile della tradizione bolognese che, a bocca aperta e con le braccia alzate, guarda stupita la Stella. Ammetto, però, che la mia Meraviglia era particolarmente bella e curata nei dettagli (forse è per questo che da piccola era la mia preferita). Tuttavia, nonostante sia passato del tempo, questo personaggio continua a piacermi. È dinamico ed estremamente intuitivo: capisce quanto è importante quel momento e lo vive profondamente dentro di sé come una novità.

E se anche noi riuscissimo a provare quella meraviglia che accende gioia (e non paura) nei nostri cuori davanti alla nascita di un bambino?

 

Vorrei concludere questa mia riflessione con la poesia Una volta sognai della scrittrice Alda Merini dedicata a Lampedusa, quella che era l’isola di speranza per molti migranti.

Una volta sognai

di essere una tartaruga gigante

con scheletro d’avorio che trascinava bimbi e piccini e alghe e rifiuti e fiori

e tutti si aggrappavano a me sulla mia scorza dura.

Ero una tartaruga che barcollava sotto il peso dell’amore

molto lenta a capire e svelta a benedire.

Così figli miei una volta vi hanno buttato nell’acqua

e voi vi siete aggrappati al mio guscio

e io vi ho portati in salvo

perché questa testuggine marina

è la terra che vi salva dalla morte dell’acqua.

27 dicembre 2018
AREA-
di Andrea Santoni
Il segretario generale della Fondazione De Agostini, Marcella Drago, racconta a Young4Young il progetto "Compiti@casa": realizzato in collaborazione con l’Università di Torino e rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado con difficoltà di apprendimento
14 apr 2021
Emergenza fame: per Fao e Wfp è urgente un'azione umanitaria
di Jesus Padilla Iniguez
Il rapporto “Hunger Hotspots” segnala l’allarme congiunto della Fao e del Programma alimentare mondiale (Nobel per la pace 2020). Occorre intensificare gli aiuti ai congolesi residenti in zone di crisi
14 apr 2021
Il ruolo delle religiose nella Chiesa sta cambiando. Ma c'è ancora molta strada da fare
di Akouvi Ahoefa Agassa
Devono contare di più, ad esempio nella formazione dei sacerdoti. Ma i cambiamenti chiedono tempi lunghi. Intervista a Suor Sandra Del Bel Belluz,
8 apr 2021
Cambiamenti climatici: la lezione viene dal Sahel
di Gianluigi Marsibilio
Le trasformazioni del clima possono essere analizzate anche partendo da zone specifiche del pianeta: la professoressa Alessandra Giannini (Ecole Normale Supérieure e Columbia University) ci spiega che studiarle aiuta a capire il Sahel e, soprattutto, l'idea e la pratica della sostenibilità.
7 apr 2021
Riccardo, che una sera si è girato, mi ha guardato e ha detto: papà mio!
di Akouvi Ahoefa Agassa
Nell’impossibilità di avere un figlio, Annalisa e Jgor ricorrono all’adozione. Da un dono nasce la felicità
7 apr 2021