domenica 20 settembre 2020
Quando dire la verità può costare la vita
di Evodio Joao
Nel 2018 nel mondo sono stati 79 i giornalisti uccisi e 251 quelli incarcerati. Il rapporto dell'International press institute. Ma tanti di più, purtroppo, sono quelli minacciati

Fare il gioralista continua ad essere un mestiere molto pericoloso. Sono 79 uccisi e 251 incarcerati, infatti, i giornalisti nel mondo nel 2018. Secondo le stime pubblicate dal "International press institute", oltre alle uccisioni per rappresagglia, i giornalisti sono morti anche nei combattimenti o fuoco incrociato o per causa di altri incarichi pericolosi.

Il rapporto dell’International press institute include l’uccisione del giornalista del Washington Post Jamal Khashoggi, nativo dell’Arabia Saudita, morto il 2 ottobre all’interno del consolato saudita a Istambul e poi nominato "Persona dell'anno" dal settimanale Time assieme agli altri giornalisti in pericolo.

Il paese in cui ci sono più morti nel 2018 è stato l’Afghanistan, dove 13 giornalistii sono stati uccisi, alcuni in attacchi di attentatori suicidi e rivendicati dal gruppo militante dello Stato islâmico. I giornalisti del canale televisivo Afghano Tolo news, canale televisivo afgano, e il reporter Samim Faramarz e cameram Ramiz Ahmadi, sono stati uccisi il 5 settembre dell'anno scorso mentre coprivano un servizio riguardante un'esplosione. Al secondo posto, nella tragica classifica dei paesi più pericolosi per i lavoratori dell’informazione è la Siria con 11 morti, dopo viene il Messico con 9, l'India con 6 e alla fine con 4 morti vengono gli Stati uniti.

E le porte del carcere per chi lavora per informare

Ma i rischi per chi fa questa professione vengono anche prima della vita. Secondo il Committee to protect journalists, nel 2018 sono stati messi in carcere 251 giornalisti. Secondo i dati, tra i principali motivi di accusa, per il 70% ci sono questioni di natura politica, o legate alla difesa dei diritti umano. Cina, Egitto e Arabia Saudita sono i paesi in cui sono stati incarcerati più giornalisti rispetto all’anno precedente, mentre la Turchia resta la nazione con il maggior numero di arrestati.

28 gennaio 2019
AREA-
La
di Brice Ulrich Afferi
Si chiama FOMO la paura di essere tagliati fuori. È uno dei modi attraverso la dipendenza dai social network colpisce soprattutto i giovani
8 giu 2020
Chi sono io? Me lo dice instagram
di Anatolii MAKARA
L'utilizzo dei social network è parte fondamentale nella costruzione dell'identità dei giovani. Ecco i pro e i contro
7 giu 2020
Finsta: l'account falso ma reale. Che ci difende meno di quello che pensiamo
di Celine Rajendran Thimena
I giovani creano account falsi su Instagram per esprimersi liberamente, senza preoccupazioni. Ma ci sono comunque almeno due rischi
6 giu 2020
I social network possono diventare ragnatele digitali? Riflessione su giovani, comunicazione e Chiesa
di Jesus PADILLA INIGUEZ
La comunicazione digitale si può trasformare in una trappola. Ma ci sono molte esperienze, anche in ambito ecclesiale, che dimostrano che possono essere usati in modo positivo
4 giu 2020
La radio non si ferma e “sconfigge” il covid-19
di Emilia Rosaria Uccello
L'incremento radiofonico durante il Covid-19: i ragazzi hanno riscoperto questo mezzo di comunicazione.
4 giu 2020
i