giovedì 20 febbraio 2020
Quando dire la verità può costare la vita
di Evodio Joao
Nel 2018 nel mondo sono stati 79 i giornalisti uccisi e 251 quelli incarcerati. Il rapporto dell'International press institute. Ma tanti di più, purtroppo, sono quelli minacciati

Fare il gioralista continua ad essere un mestiere molto pericoloso. Sono 79 uccisi e 251 incarcerati, infatti, i giornalisti nel mondo nel 2018. Secondo le stime pubblicate dal "International press institute", oltre alle uccisioni per rappresagglia, i giornalisti sono morti anche nei combattimenti o fuoco incrociato o per causa di altri incarichi pericolosi.

Il rapporto dell’International press institute include l’uccisione del giornalista del Washington Post Jamal Khashoggi, nativo dell’Arabia Saudita, morto il 2 ottobre all’interno del consolato saudita a Istambul e poi nominato "Persona dell'anno" dal settimanale Time assieme agli altri giornalisti in pericolo.

Il paese in cui ci sono più morti nel 2018 è stato l’Afghanistan, dove 13 giornalistii sono stati uccisi, alcuni in attacchi di attentatori suicidi e rivendicati dal gruppo militante dello Stato islâmico. I giornalisti del canale televisivo Afghano Tolo news, canale televisivo afgano, e il reporter Samim Faramarz e cameram Ramiz Ahmadi, sono stati uccisi il 5 settembre dell'anno scorso mentre coprivano un servizio riguardante un'esplosione. Al secondo posto, nella tragica classifica dei paesi più pericolosi per i lavoratori dell’informazione è la Siria con 11 morti, dopo viene il Messico con 9, l'India con 6 e alla fine con 4 morti vengono gli Stati uniti.

E le porte del carcere per chi lavora per informare

Ma i rischi per chi fa questa professione vengono anche prima della vita. Secondo il Committee to protect journalists, nel 2018 sono stati messi in carcere 251 giornalisti. Secondo i dati, tra i principali motivi di accusa, per il 70% ci sono questioni di natura politica, o legate alla difesa dei diritti umano. Cina, Egitto e Arabia Saudita sono i paesi in cui sono stati incarcerati più giornalisti rispetto all’anno precedente, mentre la Turchia resta la nazione con il maggior numero di arrestati.

28 gennaio 2019
AREA-
Le “notizie senza approdo”, che ci fanno avere paura degli immigrati
di Paolo Rosi
Secondo il 7° Rapporto di Carta di Roma, l'informazione sui migranti resta ansiogena e non rappresenta la reale dimensione del fenomeno
19 dic 2019
Il cinema come esperienza religiosa: dialogo tra Ravasi e Tornatore
di Andrea Santoni
Nella terza e ultima giornata del Tertio Millennio Film Fest 2019, spazio all'incontro tra il regista Premio Oscar, Giuseppe Tornatore e il cardinal, Gianfranco Ravasi. Dialogo moderato dal vice direttore de Il Foglio, Maurizio Crippa
14 dic 2019
La musica trap: una trappola per i giovani?
di Luis Estevez Estevez
È di tendenza, anche perché ha un ritmo coinvolgente, ma ha un impatto negativo, per i modelli che presenta. Intervista con il professor Cosimo Alvati
6 giu 2019
Per passare dalle community alle comunità serve aiuto reciproco, obiettivi comuni, ascolto. Relazioni, insomma
di Maria Grazia Tripi
Domenica 2 giugno si celebra la 52° Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali. Abbiamo parlato con Tommaso Sardelli sul messaggio del Papa
30 mag 2019
Meno narcisisti e più solidali verso gli altri. Ecco come abitare i social network
di Ermanno Giuca
«Non basta moltiplicare le connessioni per aumentare le relazioni. La rete è una risorsa non uno strumento per dividere» (Papa Francesco).
21 mag 2019
i