giovedì 21 febbraio 2019
Quando dire la verità può costare la vita
di Evodio Joao
Nel 2018 nel mondo sono stati 79 i giornalisti uccisi e 251 quelli incarcerati. Il rapporto dell'International press institute. Ma tanti di più, purtroppo, sono quelli minacciati

Fare il gioralista continua ad essere un mestiere molto pericoloso. Sono 79 uccisi e 251 incarcerati, infatti, i giornalisti nel mondo nel 2018. Secondo le stime pubblicate dal "International press institute", oltre alle uccisioni per rappresagglia, i giornalisti sono morti anche nei combattimenti o fuoco incrociato o per causa di altri incarichi pericolosi.

Il rapporto dell’International press institute include l’uccisione del giornalista del Washington Post Jamal Khashoggi, nativo dell’Arabia Saudita, morto il 2 ottobre all’interno del consolato saudita a Istambul e poi nominato "Persona dell'anno" dal settimanale Time assieme agli altri giornalisti in pericolo.

Il paese in cui ci sono più morti nel 2018 è stato l’Afghanistan, dove 13 giornalistii sono stati uccisi, alcuni in attacchi di attentatori suicidi e rivendicati dal gruppo militante dello Stato islâmico. I giornalisti del canale televisivo Afghano Tolo news, canale televisivo afgano, e il reporter Samim Faramarz e cameram Ramiz Ahmadi, sono stati uccisi il 5 settembre dell'anno scorso mentre coprivano un servizio riguardante un'esplosione. Al secondo posto, nella tragica classifica dei paesi più pericolosi per i lavoratori dell’informazione è la Siria con 11 morti, dopo viene il Messico con 9, l'India con 6 e alla fine con 4 morti vengono gli Stati uniti.

E le porte del carcere per chi lavora per informare

Ma i rischi per chi fa questa professione vengono anche prima della vita. Secondo il Committee to protect journalists, nel 2018 sono stati messi in carcere 251 giornalisti. Secondo i dati, tra i principali motivi di accusa, per il 70% ci sono questioni di natura politica, o legate alla difesa dei diritti umano. Cina, Egitto e Arabia Saudita sono i paesi in cui sono stati incarcerati più giornalisti rispetto all’anno precedente, mentre la Turchia resta la nazione con il maggior numero di arrestati.

28 gennaio 2019
AREA-
Instagram, la
di Chiara Monaldo
I social network propongono ogni anno nuovi "trend" da seguire, o stranezze da riproporre sul proprio profilo social. Il consenso degli utenti è quasi sempre assicurato!
18 gen 2019
W i Finley e il loro stile, a volte semplice, a volte complesso e magnetico
di Riccardo De Vito
Ma per apprezzarli davvero, bisogna sentirli dal vivo, perché possa scattare l'intesa...
27 dic 2018
X Factor 12: si scrive Anastasio, si legge vittoria
di Andrea Santoni
È Marco Anastasio il vincitore della dodicesima edizione di X Factor. Il restante podio recita Naomi seconda, Luna terza, Bowland al quarto posto.
14 dic 2018
X Factor 12: it's the final countdown
di Andrea Santoni
Giovedì 13 dicembre sarà tempo di verdetti finali. Anastasio, Bowland, Naomi e Luna Melis all'ultimo assalto per il titolo di vincitore
12 dic 2018
“Posto, taggo, dunque sono?”: il web come emanazione del proprio sé
di Andrea Santoni
E' stato presentato il libro "Posto, taggo, dunque sono?" del professore Angelo Romeo. Tanti gli spunti e le osservazioni sul complesso e intricato mondo dei social
10 dic 2018
i