martedì 25 giugno 2019
Instagram, la "10 years challenge" e qualche domanda che ci facciamo
di Chiara Monaldo
I social network propongono ogni anno nuovi "trend" da seguire, o stranezze da riproporre sul proprio profilo social. Il consenso degli utenti è quasi sempre assicurato!

Nel corso degli anni, sui social sono apparse tante proposte di tendenze da seguire, o di challenge da accogliere. 

Alcune sfide proposte, si sono rivelate anche pericolose da accogliere e attuare nella vita reale. Una delle ultime challenge propone agli utenti una sfida pericolosa: camminare per strada, o addirittura guidare, bendati, rifacendosi al film Bird Box, che vede come protagonista l'attrice Sandra Bullock. La Bullock interpeta una madre che riesce a sopravvivere, insieme a suo figlio e alla figlia di una sua amica, ad una strana "epidemia": alcune presenze misteriose hanno spinto le altre persone a togliersi la vita. Per evitare la stessa fine, i tre scappano ed affrontano dei pericoli, rigorosamente bendati. 

 

Altre challenge, al contrario, risultano interessanti. Ad esempio in questi giorni, su Facebook ed Instagram, ha preso piede la 10 years challenge. La "sfida" consiste nel postare sul proprio profilo social, una o più foto di dieci anni fa, paragonandola ad una foto recente. 

Molte celebrità hanno accolto la proposta, tra i quali l'attore Dwayne Johnson, ed alcuni utenti hanno scherzato su quanto alcune cose restano (purtroppo) uguali nel tempo, ad esempio una pagina presente su Instagram, Insanity Page, ha pubblicato una foto di un portafoglio vuoto del 2009 che è rimasto vuoto anche dieci anni dopo, nel 2019.

 

La 10 years challenge si può ritenere utile o meno, ma può farci riflettere, e metterci davanti ad un punto interrogativo: cosa è cambiato in noi rispetto a dieci anni fa?

Personalmente, non ho ancora accolto la challenge, ma ho provato a rispondere a questa domanda. In dieci anni, non è solo l'aspetto a cambiare. Ancora ho ventun'anni, ma sicuramente ho vissuto diverse esperienze, durante questo tempo, che mi hanno cambiata in meglio o in peggio, e che mi hanno fatta maturare. 

La "me" di dieci anni fa, era un'undicenne paffutella, sempre gentile con tutti, e indecisa su tante cose... Ad esempio non ho mai saputo rispondere alla fatidica domanda "Che vuoi fare da grande?" 

 

Alcune cose sono rimaste uguali rispetto agli anni passati, tante altre sono cambiate. La bambina che non provava vergogna nell'avere delle guance paffutelle, ha lasciato il posto ad una ragazza sempre attenta al suo aspetto, perché al giorno d'oggi, è inutile negarlo, è il nostro biglietto da visita. Il nostro aspetto è la "copertina" del libro che tutti vedono, e al quale molti si fermano. A volte costa fatica sfogliare le pagine, e al tempo stesso costa altrettanta fatica "lasciarsi sfogliare". L'undicenne "sempre gentile con tutti", è stata sotituita da una ventunenne un po' scorbutica, e testarda, ma che conosce i suoi limiti e tenta di migliorare... Per sé stessa, e per le persone che le vogliono bene! L'indecisione, invece, è rimasta una di quelle cose che, rispetto a dieci anni fa, è rimasta una costante nella mia vita! La "bambina paffutella" che è in me, infatti, non ha ancora trovato una risposta definitiva alla temuta domanda "Che vuoi fare da grande?". Domanda che, dieci anni dopo, viene accompagnata da altre simpatiche e conosciute questioni, tra le quali: "E quindi...quando ti laurei?", oppure: "Ma insomma, ce l'hai il fidanzatino?". 

 

La 10 years challenge, può essere trasformata in qualcosa di più di una semplice tendenza social. Può diventare uno spunto di riflessione per comprendere quanto, e come, siamo cambiati durante questi anni, e per soffermarci a pensare in quale direzione sta andando la nostra vita. Vi sfido: oltre a postare delle foto di dieci anni fa, riflettete, e se vi va raccontatevi! 

18 gennaio 2019
AREA-
La musica trap: una trappola per i giovani?
di Luis Estevez Estevez
È di tendenza, anche perché ha un ritmo coinvolgente, ma ha un impatto negativo, per i modelli che presenta. Intervista con il professor Cosimo Alvati
6 giu 2019
Per passare dalle community alle comunità serve aiuto reciproco, obiettivi comuni, ascolto. Relazioni, insomma
di Maria Grazia Tripi
Domenica 2 giugno si celebra la 52° Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali. Abbiamo parlato con Tommaso Sardelli sul messaggio del Papa
30 mag 2019
Meno narcisisti e più solidali verso gli altri. Ecco come abitare i social network
di Ermanno Giuca
«Non basta moltiplicare le connessioni per aumentare le relazioni. La rete è una risorsa non uno strumento per dividere» (Papa Francesco).
21 mag 2019
di Celine Rajendran Thimena
Intervista con l'autore, Ernest Pathi SDB, che invita a difendere la causa di una delle comunità più discriminate
17 mag 2019
Il calcio del futuro: tra allenatori virtuali e arbitri controllati da telecamere
di Andrea Santoni
La tecnologia ha investito anche questo mondo, puntando ad un business finalizzato a ridurre il più possibile il margine d'errore
18 apr 2019
i