venerdì 24 maggio 2019
"Dite sì al sogno che Dio ha seminato in voi". Cosa resta della GMG a Panama
di Gabriella Imperatore
A un mese dalla Giornata Mondiale della Gioventù, il ricordo resta vivo e ha ancora molto da insegnare

I giovani sono sempre una risorsa per la vita. Come ha ricordato Giovanni Paolo II, “se stai con i giovani diventi anche tu giovane”.

Siamo giunti, il 18 gennaio 2019, a Panama, al cuore del pellegrinaggio oltre oceano. A Panama l’aria è incominciata a scaldarsi subito e non solo per il clima tipicamente estivo con un caldo afoso oltre i trenta gradi. Il termometro panamense si è alzato per il calore, la passione e la voglia di vivere di decine di migliaia di giovani che hanno raggiunto il Paese dell’Istmo per ritrovarsi intorno a Papa Francesco e celebrare insieme la 34ª Giornata Mondiale della Gioventù 2019.

L’accoglienza panamense è stata calorosa, il popolo panamense sempre in prima linea nell’accoglienza, nella generosità, nella cura, rivestendosi anche dei colori dei suoi ospiti.

I giovani sono quelli che hanno affascinato di più chi li incontrava per strada. Sorridenti, gioiosi, allegri e coinvolgenti. La solidarietà e la complicità sono nate spontanee oltrepassando qualsiasi barriera linguistica.

 

Essere presente alla GMG è stato un regalo, perché questa esperienza mi ha donato la possibilità di mettermi in cammino come tutti gli altri, di mettermi in ascolto della Parola di Dio e del Papa assieme ai giovani. A partire da questo ascolto comune ho condiviso un’esperienza con i giovani, e questa è stata la vera ricchezza. Camminare al fianco dei giovani e trovarsi a rispondere a domande impegnative riguardo la fede e la vita, l’umanità.

 

Cosa ti aspetti dal Papa?”, ho chiesto a Juan della Delegazione messicana, che mi ha risposto: "Che ci dia speranza e motivazione, come ha fatto nelle ultime GMG. Lui è il Papa della gioia, ci ha chiesto di alzarci dai nostri divani, lo abbiamo fatto per arrivare sin qui, perché abbiamo bisogno di messaggi di fiducia per il futuro. È un Papa molto moderno, spero trovi le parole che riescano a toccarci, che ci guidino e ci consiglino".  

 

Il primo grande abbraccio dei giovani a Papa Francesco è stato al Campo Santa María la Antigua sulla Cinta Costera. Un urlo di gioia, una carica di entusiasmo. Il richiamo a Don Bosco mi ha particolarmente toccata: sono cresciuta alla scuola di Don Bosco ed è proprio così che il Santo guardava i giovani, con gli occhi di Dio, cercando di andare oltre le apparenze e la superficialità per vedere il progetto che Dio ha nella loro vita, perché l’amore salva.

Le catechesi hanno avuto l’impronta del Sinodo dei Vescovi sui giovani. Al mattino ci si interrogava sul cammino di fede e sulle realtà della Chiesa e del Mondo, il pomeriggio ci si radunava per la partecipazione agli eventi della GMG: la celebrazione del Perdono, gli itinerari vocazionali alla Fiera vocazionale e il percorso della Laudato si’ al Campo della Gioventù, i concerti serali nelle piazze.

 

Un momento unico per i salesiani e le Figlie di Maria Ausiliatrice è stata la partecipazione al Forum e alla Festa Mondiale del Movimento Giovanile Salesiano (MGS). Don Ángel Fernández Artime, Rettor Maggiore, e la Madre Generale, Madre Yvonne Reungoat, hanno condiviso con i giovani momenti di riflessione, di festa e di preghiera. «Non abbiate paura di Dio, inseguite il sogno che Dio ha per voi, e condividete la gioia di essere amati da Dio, la via è camminare insieme, laici e consacrati, e la testimonianza sarà più ricca, più credibile, più attraente. Il Vangelo sarà più visibile», è il loro messaggio ai giovani del MGS.

 

Da sabato mattina siamo entrati nel momento centrale della GMG. Ci si è messi in cammino di buon ora verso il Parco Giovanni Paolo II dove c’è stata la Veglia. In questa occasione, come nella Messa conclusiva, il Papa ha invitato a seguire l’esempio di Maria ovvero a essere “influencer di Dio”, una volta terminata la GMG, dicendo: «ritornate nelle vostre comunità per essere quelle piccole gocce che cercano di testimoniare e cambiare la grande Famiglia che è la Chiesa».

 «Cari giovani, non siete il futuro, ma l’adesso di Dio», ripeto anch’io con Papa Francesco. «Continuate a camminare, continuate a vivere la fede e a condividerla. E con la forza e la gioia che avete, ditesì” al sogno che Dio ha seminato in voi”.

3 marzo 2019
AREA-
Una storia di morte e di noia, che interpella la comunità
di Maria Grazia Tripi
Un mese fa un gruppo di giovani ha ucciso Antonio Stano. Una riflessione sul segno che questa orribile vicenda potrebbe dare a tutti coloro che hanno a cuore l'educazione dei giovani.
22 mag 2019
Un treno chiamato immaginazione: alzate la testa
di Andrea Santoni
Vivere oltre il sentito dire, spingersi verso altre infinite realtà della società. La missione di qualsiasi giovane che vuole tornare a tenere alta la testa su un mondo colmo di occasioni
8 apr 2019
Il Romulea Autistic Football Club: la squadra che vince anche quando non arriva prima
di Riccardo De Vito
Ci giocano persone con sindrome di Asperger. È un'esperienza che crea inclusione e fiducia in se stessi
8 apr 2019
L'insegnante più bravo del mondo è un frate francescano, in una zona povera del Kenya
di Brice Ulrich Afferi
Peter Tabichi ha vinto domenica scorsa il premio Global Teacher Prize della Varkey Foundation, che gli è stato consegnato a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti
26 mar 2019
Young people are not only the future, they are the people of the present
di Céline Louisette Rahantasoa
Interview with Sr. Lolia Annie on the World Youth Day event in Panama City in January 18-27th
25 feb 2019
i