lunedì 19 agosto 2019
"Dobbiamo saper guardare alla donna con occhi diversi"
di Mariaelena Iacovone
Cosa significa parlare di integrazione della donna nella società e nella Chiesa? In questa videointervista ne abbiamo parlato con l'economista Suor Alessandra Smerilli

In occasione dell' 8 marzo, Giornata internazionale della donna, abbiamo intervistato Suor Alessandra Smerilli, docente di Economia Politica alla Facoltà Auxiulium di Roma. Oltre alla docenza, la professoressa ricopre diversi incarichi prestigiosi: è, infatti, membro del Consiglio Nazionale del Terzo Settore, del Comitato etico di Etica Sgr, oltre che del Comitato scientifico e organizzatore delle Settimane sociali dei Cattolici. Le abbiamo chiesto di definire un quadro dell'universo femminile nell'economia e nella Chiesa, dove la parità di genere è un tema ancora molto dibattuto.

Suor Alessandra ha spiegato,così, che il contributo delle donne nel settore economico non risponde semplicemente ad una questione di genere, ma a principi di efficienza economica. Successivamente, la professoressa Smerilli ha aggiunto che, come nella società, così anche nella Chiesa c'è la necessità di riconsiderare la donna come persona nella sua interezza, cercando di valorizzarne lo "sguardo".

 

 

Il video è stato realizzato da Maria Grazia Tripi

7 marzo 2019
AREA-
La musica trap: una trappola per i giovani?
di Luis Estevez Estevez
È di tendenza, anche perché ha un ritmo coinvolgente, ma ha un impatto negativo, per i modelli che presenta. Intervista con il professor Cosimo Alvati
6 giu 2019
Per passare dalle community alle comunità serve aiuto reciproco, obiettivi comuni, ascolto. Relazioni, insomma
di Maria Grazia Tripi
Domenica 2 giugno si celebra la 52° Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali. Abbiamo parlato con Tommaso Sardelli sul messaggio del Papa
30 mag 2019
Meno narcisisti e più solidali verso gli altri. Ecco come abitare i social network
di Ermanno Giuca
«Non basta moltiplicare le connessioni per aumentare le relazioni. La rete è una risorsa non uno strumento per dividere» (Papa Francesco).
21 mag 2019
i