mercoledì 6 luglio 2022
L'insegnante più bravo del mondo è un frate francescano, in una zona povera del Kenya
di Brice Ulrich Afferi
Peter Tabichi ha vinto domenica scorsa il premio Global Teacher Prize della Varkey Foundation, che gli è stato consegnato a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti
26 marzo 2019

Il 24 marzo si è svolta a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la quinta edizione del Premio Globale per Insegnanti della fondazione Varkey. È un evento indicato come il premio Nobel per l'insegnamento. Mette in risalto e celebra la professione, dando maggior riconoscimento al lavoro degli insegnanti di tutto il mondo.

Quest'anno, il premio è stato attribuito a Peter Tabichi, un frate francescano del Kenya. Tabichi insegna al “Keriko Mixed Day Secondary School” nel villaggio di Pwani, situato in una remota e semi-arida parte della Rift Valley del Kenya. È una regione in cui la siccità e la carestia sono frequenti. La maggior parte degli studenti proviene da famiglie povere. Droghe, gravidanze tra adolescenti, abbandono precoce della scuola, giovani matrimoni e suicidi sono comuni. La maggior parte degli studenti percorre 7 km lungo strade che diventano impraticabili nella stagione delle piogge. È in mezzo a questa atmosfera e davanti a una scuola mal equipaggiata che Tabichi è riuscito a trasformare le vite.

 

Ha iniziato un club per la promozione dei talenti e ampliato il Club di Scienze della scuola, aiutando gli studenti a condurre progetti di ricerca di cui il 60% è ora qualificato per le competizioni nazionali. Tabichi ha fatto da mentore ai suoi studenti alla competizione di scienza e ingegneria 2018 del Kenya - dove gli studenti hanno mostrato un dispositivo che avevano inventato, per permettere a persone cieche e sorde di misurare gli oggetti. Tabichi ha visto la sua scuola del villaggio diventare prima a livello nazionale nella categoria delle scuole pubbliche. La squadra delle scienze matematiche si è inoltre qualificata per partecipare alla competizione internazionale di scienza e ingegneria 2019 in Arizona, USA. I suoi studenti hanno anche vinto un premio dalla “Royal Society of Chemistry” dopo aver usato pianta locale per generare elettricità.

 

Per gli studenti che ne hanno bisogno, impartisce lezioni individuali in matematica e scienze al di fuori delle lezioni e nei fine settimane. Visita le loro case e incontra le loro famiglie, per identificare le sfide che devono affrontare. Nonostante l'ambiente non attrezzato della scuola, Tabichi utilizza tecnologie dell'informazione e della comunicazione nell'80% delle sue lezioni, per coinvolgere gli studenti, visitando gli internet caffè e registrando i contenuti online per essere usati “offline” in classe. Prendendosene e facendo sì che i propri studenti credano in sé stessi, Peter ha migliorato notevolmente la realizzazione e l'autostima dei suoi studenti. Le iscrizioni sono raddoppiate nel corso degli anni e i casi di indisciplina sono diminuiti. Anche l'ammissione al college e alle università è aumentata. Si è notato in particolare un aumento nel rendimento delle ragazze nell'ultimo anno.

 

Oltre alla scuola,Tabichi aiuta anche la comunità locale. Questo frate francescano dà l'80% del suo salario di insegnamento ai progetti della comunità locale, compresi quelli che riguardano la formazione scolastica. Coinvolge le persone nell'agricoltura sostenibile e lavora alla pacificazione dei diversi gruppi etnici e religioni. Ha anche contribuito ad affrontare l'insicurezza alimentare tra la più ampia comunità nella Rift Valley, a rischio di carestia.

È per tutti questi risultati che è stato premiato. Per lui, il premio dimostra che “gli insegnanti contano” e che “l'insegnamento è una professione nobile”. Ha ricevuto molti tributi da tutto il mondo tra cui quello del presidente kenyano Uhuru Kenyatta, che in un video messaggio ha detto che la storia di Tabichi è un “esempio luminoso di ciò che lo spirito umano può raggiungere, non solo per il Kenya, non solo per l'Africa ma per il mondo.”

26 marzo 2019
AREA-
Missione Goba: l'esperienza di Don Diego in Mozambico
di Alessandra Verna
Accompagnato dalla sua e da altre parrocchie, scopriamo un popolo attento alla dimensione umana, meritevole di aiuto per la costruzione di un futuro più dignitoso. Soprattutto per i giovani.
9 giu 2022
Il dono di Matteo, che ci fa riscoprire la bellezza della vita
di Harsha Kumara Chaminde Bandara THENNAKOON MUDIYANSELAG
Matteo è un ragazzino di 12 anni, con bisogni speciali, ma anche con una capacità speciale: infondere speranza
1 giu 2022
Alla politica di oggi farebbe bene rileggere Tolkien
di Angelo Mereghetti
Il 20 e 21 Maggio all’Università Salesiana di Roma un convegno sulla filosofia politica che emerge dai testi dell’autore del Signore degli Anelli. L’organizzatore Simone Budini: rifletteremo su quanto sia difficile abbandonare il potere per chi ce l’ha
19 mag 2022
Sacerdoti. La via della tenerezza nell'epoca del consumismo e dell'individualismo
di Harsha Kumara Chaminde Bandara THENNAKOON MUDIYANSELAG
Di che formazione hanno bisogno i consacrati, nell'era del post-Covid? Ce ne parla Don Zanotti della Pontificia Università Salesiana
13 mag 2022
“Noi siamo l'ago e possiamo ricucire”: la giustizia che guarisce gli strappi del reato
di Cesar Corrales e Ludovica Salerni
“Ago e filo” è un percorso di giustizia riparativa, 10 incontri con un gruppo di adolescenti autori di reati verso la persona. Nasce dalla collaborazione tra l'Istituto per la mediazione sistemica (IsMeS), il Centro Giustizia Minorile di Roma e l'Accademia Popolare dell'Antimafia e dei Diritti (AP)
14 mar 2022