domenica 7 marzo 2021
MediaFest: la Facoltà di Scienze della Comunicazione della Salesiana si è messa in mostra
di Andrea Santoni
L'evento più atteso è stato realizzato il giorno 22 marzo, portando una ventata di aria fresca e innovazione

Venerdì 22 marzo è stato il giorno di "MediaFest. Idee, connessioni e talenti" un grande evento dell'Università Pontificia Salesiana, organizzato dalla Facoltà di Scienze della Comunicazione sociale. La serata è stata gestita da docenti e studenti della facoltà, che hanno contribuito alla messa in scena di un evento godibile e interessante. 

 

Che cos'è MediaFest? È l'evento annuale che permette di valorizzare e mostrare i lavori e i progetti più significativi realizzati dagli studenti della Facoltà di Scienze della Comunicazione sociale. Essa non rappresenta solamente una vetrina di esposizioni, ma anche un'opportunità di incontro con istitutizioni, agenzie, imprenditori e associazioni attive sul territorio. 

 

L'emozione e l'attesa del 22 marzo è stata palpabile per diverse settimane. Docenti e studenti erano consapevoli che MediaFest rappresentava un punto di svolta, non solo per lo sviluppo dell'intera facoltà, ma dell'intera università. MediaFest nasce dall'idea della Facoltà di Comunicazione di uscire dal proprio edificio e mostrare a tutti che cosa significhi per un comunicatore sociale affrontare la realtà e rappresentarla secondo gli strumenti e le competenze a sua disposizione. Il 2019 sarà ricordato per questo: non tanto per l'andatura dell'evento, che comunque è stato godibile e ben organizzato, ma per il coraggio e la voglia di uscire allo scoperto per la prima volta dopo anni e anni di lavoro.

La facoltà ha realizzato un salto, passare dal consueto e "domestico" Media Mania, un'occasione per mostrare i lavori all'interno della facoltà, ad un vero e proprio evento, capace di portare docenti e studenti a mettersi in gioco di fronte a nuovi volti e figure professionali più esperte. 

 

Le basi sono più che buone, esaltanti, ma non bisogna montarsi la testa, perché il lavoro è ancora lungo. In fin dei conti questa è solamente la prima edizione di MediaFest, occorre continuità e collaborazione da parte di ciascuno, dando soprattutto la possibilità a tutti, docenti e studenti, di mettersi in luce, valorizzandoli e sostenendoli allo stesso modo. La comunicazione conferisce spazio a chiunque, in qualsiasi forma essa sia: parola, scrittura, video, immagine ecc... Queste sono le prerogative per un futuro ancora più interessante, colmo, si spera, di tanti altri Media Fest e non solo. 

Lunga vita a MediaFest, lunga vita alla FSC, che da sempre lavora al fianco degli studenti.

 

27 marzo 2019
AREA-
Rientro in presenza o DaD? le richieste degli studenti per una scuola più sicura
di Riccardo Capobianco e Evariste Citeya
L'ultimo Dpcm ha dettato nuove regole per il rientro in presenza degli studenti in seguito al lockdown natalizio causato dal Covid-19. Queste misure hanno sollevato dubbi e contraddizioni tra gli studenti, che non hanno perso tempo nel mostrare il loro malcontento. Ma qual è l’opinione degli allievi italiani?
1 feb 2021
Comunicazione e comprensione: poli opposti
di Andrea Santoni
Edgar Morin affermava che "la nostra epoca di comunicazione non è ancora un'epoca della comprensione". Siamo sicuri che sia cambiato qualcosa a distanza di settant'anni?
22 gen 2021
El Diez: esaltazione e caduta di Diego Armando Maradona
di Simone Valdarchi
Dalla baraccopoli di Villa Fiorito alla tossicodipendenza, passando per il tetto del mondo: racconto breve e senza troppe pretese del più umano tra gli dei.
13 gen 2021
The social dilemma
di Maria Grazia Tripi
"The social dilemma" (sulla piattaforma Netflix) potrebbe essere il documentario desiderato da tutti i genitori per convincere i figli a staccarsi dal cellulare. Le questioni aperte, però, sono molto più vaste.
23 ott 2020
La
di Brice Ulrich Afferi
Si chiama FOMO la paura di essere tagliati fuori. È uno dei modi attraverso la dipendenza dai social network colpisce soprattutto i giovani
8 giu 2020
i