martedì 25 giugno 2019
MediaFest: la Facoltà di Scienze della Comunicazione della Salesiana si è messa in mostra
di Andrea Santoni
L'evento più atteso è stato realizzato il giorno 22 marzo, portando una ventata di aria fresca e innovazione

Venerdì 22 marzo è stato il giorno di "MediaFest. Idee, connessioni e talenti" un grande evento dell'Università Pontificia Salesiana, organizzato dalla Facoltà di Scienze della Comunicazione sociale. La serata è stata gestita da docenti e studenti della facoltà, che hanno contribuito alla messa in scena di un evento godibile e interessante. 

 

Che cos'è MediaFest? È l'evento annuale che permette di valorizzare e mostrare i lavori e i progetti più significativi realizzati dagli studenti della Facoltà di Scienze della Comunicazione sociale. Essa non rappresenta solamente una vetrina di esposizioni, ma anche un'opportunità di incontro con istitutizioni, agenzie, imprenditori e associazioni attive sul territorio. 

 

L'emozione e l'attesa del 22 marzo è stata palpabile per diverse settimane. Docenti e studenti erano consapevoli che MediaFest rappresentava un punto di svolta, non solo per lo sviluppo dell'intera facoltà, ma dell'intera università. MediaFest nasce dall'idea della Facoltà di Comunicazione di uscire dal proprio edificio e mostrare a tutti che cosa significhi per un comunicatore sociale affrontare la realtà e rappresentarla secondo gli strumenti e le competenze a sua disposizione. Il 2019 sarà ricordato per questo: non tanto per l'andatura dell'evento, che comunque è stato godibile e ben organizzato, ma per il coraggio e la voglia di uscire allo scoperto per la prima volta dopo anni e anni di lavoro.

La facoltà ha realizzato un salto, passare dal consueto e "domestico" Media Mania, un'occasione per mostrare i lavori all'interno della facoltà, ad un vero e proprio evento, capace di portare docenti e studenti a mettersi in gioco di fronte a nuovi volti e figure professionali più esperte. 

 

Le basi sono più che buone, esaltanti, ma non bisogna montarsi la testa, perché il lavoro è ancora lungo. In fin dei conti questa è solamente la prima edizione di MediaFest, occorre continuità e collaborazione da parte di ciascuno, dando soprattutto la possibilità a tutti, docenti e studenti, di mettersi in luce, valorizzandoli e sostenendoli allo stesso modo. La comunicazione conferisce spazio a chiunque, in qualsiasi forma essa sia: parola, scrittura, video, immagine ecc... Queste sono le prerogative per un futuro ancora più interessante, colmo, si spera, di tanti altri Media Fest e non solo. 

Lunga vita a MediaFest, lunga vita alla FSC, che da sempre lavora al fianco degli studenti.

 

27 marzo 2019
AREA-
La musica trap: una trappola per i giovani?
di Luis Estevez Estevez
È di tendenza, anche perché ha un ritmo coinvolgente, ma ha un impatto negativo, per i modelli che presenta. Intervista con il professor Cosimo Alvati
6 giu 2019
Per passare dalle community alle comunità serve aiuto reciproco, obiettivi comuni, ascolto. Relazioni, insomma
di Maria Grazia Tripi
Domenica 2 giugno si celebra la 52° Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali. Abbiamo parlato con Tommaso Sardelli sul messaggio del Papa
30 mag 2019
Meno narcisisti e più solidali verso gli altri. Ecco come abitare i social network
di Ermanno Giuca
«Non basta moltiplicare le connessioni per aumentare le relazioni. La rete è una risorsa non uno strumento per dividere» (Papa Francesco).
21 mag 2019
di Celine Rajendran Thimena
Intervista con l'autore, Ernest Pathi SDB, che invita a difendere la causa di una delle comunità più discriminate
17 mag 2019
Il calcio del futuro: tra allenatori virtuali e arbitri controllati da telecamere
di Andrea Santoni
La tecnologia ha investito anche questo mondo, puntando ad un business finalizzato a ridurre il più possibile il margine d'errore
18 apr 2019
i