giovedì 15 aprile 2021
Don Edmond Dembélé: un costruttore di pace in Mali
di Brice Ulrich Afferi
È stato decorato Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica del Mali, per il ruolo che ha avuto nel creare dialogo in momenti di grande crisi. Studia all'Università Pontificia Salesiana
23 giugno 2019

Il 10 giugno scorso, il presidente della Repubblica del Mali, Ibrahim Boubacar Keïta, ha decorato Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica del Mali Padre Edmond Dembélé, attualmente studente di dottorato in Scienze dell'educazione presso l'UPS, per le sue azioni a favore della pace e della coesione sociale in Mali. Questo titolo onorifico, il secondo ricevuto in meno di un anno, è un riconoscimento per le buone opere di Don Dembélé.

In effetti, in momenti di forte crisi per il Mali, Don Dembélé, allora Segretario Generale della Conferenza Episcopale del Mali, attraverso numerosi interventi è riuscito a dare un contributo positivo alla soluzione dei conflitti, in particolare in occasione della la crisi politica del 2012 e di quella connessa alla revisione costituzionale del 2017.

 

Ricordiamo che nel 2012, il paese ha vissuto una delle peggiori crisi della sua storia, con il rovesciamento del presidente eletto, Amadou Toumani Touré, da parte di una giunta militare. Con questo colpo di stato, il copro dei paracadutisti, più conosciuti come Berretti Rossi, che assicurava la custodia del presidente e godeva di molti vantaggi, si è trovato nel mirino della giunta al potere (Comitato Nazionale per il Risanamento della Democrazia e il Ripristino dello Stato).

I Berretti Rossi, peraltro, dopo diversi mesi hanno provato a riconquistare il potere. Ne è seguito uno scontro che ha causato diversi morti.

Per evitare una situazione ancora più caotica e soprattutto per reindirizzare l'attenzione verso la sofferenza delle popolazioni del Nord, che stavano affrontando la crescente minaccia dello jihadismo, Don Dembélé è intervenuto con altri leader religiosi per una soluzione pacifica del dissenso fra questi due corpi militari. Con il risultato chem nel gennaio 2013, viene firmato un accordo tra i due corpi militari.

Nel 2017 il presidente laliano di allora, Ibrahim Boubacar Keïta, ha sospeso il suo progetto di tenere un referendum sulla revisione della costituzione; si è così allentata la tenzione che rischiava di esplodere, dopo settimane di tensione tra sostenitori e oppositori del progetto.

 

È la prima volta che un sacerdote riceve questa onorificanza, in un Paese prevalentemente musulmano. E in qualche modo essa è un riconoscimento dell’azione e dell’impatto positivo che ancora esercita la Chiesa attraverso tanti uomini e donne come Don Dembélé.

 

23 giugno 2019
AREA-
di Andrea Santoni
Il segretario generale della Fondazione De Agostini, Marcella Drago, racconta a Young4Young il progetto "Compiti@casa": realizzato in collaborazione con l’Università di Torino e rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado con difficoltà di apprendimento
14 apr 2021
Emergenza fame: per Fao e Wfp è urgente un'azione umanitaria
di Jesus Padilla Iniguez
Il rapporto “Hunger Hotspots” segnala l’allarme congiunto della Fao e del Programma alimentare mondiale (Nobel per la pace 2020). Occorre intensificare gli aiuti ai congolesi residenti in zone di crisi
14 apr 2021
Il ruolo delle religiose nella Chiesa sta cambiando. Ma c'è ancora molta strada da fare
di Akouvi Ahoefa Agassa
Devono contare di più, ad esempio nella formazione dei sacerdoti. Ma i cambiamenti chiedono tempi lunghi. Intervista a Suor Sandra Del Bel Belluz,
8 apr 2021
Cambiamenti climatici: la lezione viene dal Sahel
di Gianluigi Marsibilio
Le trasformazioni del clima possono essere analizzate anche partendo da zone specifiche del pianeta: la professoressa Alessandra Giannini (Ecole Normale Supérieure e Columbia University) ci spiega che studiarle aiuta a capire il Sahel e, soprattutto, l'idea e la pratica della sostenibilità.
7 apr 2021
Riccardo, che una sera si è girato, mi ha guardato e ha detto: papà mio!
di Akouvi Ahoefa Agassa
Nell’impossibilità di avere un figlio, Annalisa e Jgor ricorrono all’adozione. Da un dono nasce la felicità
7 apr 2021