giovedì 9 luglio 2020
Trasformare una giornata piovosa in una piovosa giornata di sole. Abbiamo bisogno del cambiamento
di Andrea Santoni
L'approccio al cambiamento è una tematica spinosa, capace di offrire ampi spunti di riflessione. Sentiamo che cosa ne pensa Enrico Letta, preside della Paris School of International Affairs di Parigi

Affrontare una giornata piovosa con malinconia significa porsi in conflitto con la realtà, con il corso degli eventi. Ogni giornata, ogni stagione ha un ciclo, segue un ordine specifico. Tutto ha un ordine, anche ciò che appare ai nostri occhi come meno rilevante.

Come si agisce per trasformare una giornata piovosa d’autunno, in una giornata di sole? Paradossalmente, si può fare ben poco, una giornata piovosa rimane un comune giorno di pioggia, ma quello che realmente si può fare è trasformare il tutto in una piovosa giornata di sole.

Il cambiamento non può essere sventato, siamo una società in continua evoluzione; quello che è stato detto ieri, oggi sarà probabilmente messo in discussione. Abbiamo fame di novità, di nuovi aggiornamenti, di costanti innovazioni. Passiamo giornate intere ad aggiornare le nostre pagine social, soltanto per controllare chi ci ama e chi no. Allo stesso tempo evitiamo i cambiamenti. Abbiamo paura, ma non riusciamo ad ammetterlo e senza accorgercene costruiamo mura invalicabili, nelle quali chiudiamo le nostre coscienze.

Bisogna esser consci che cercare di ostacolare un processo così inarrestabile, non sarebbe altro che un disperato tentativo di fermare il vento. "Non puoi fermare il vento, solo fargli perder tempo". Recitava un immortale cantautore genovese.

Perché perdere tempo? Per costruire muri e barricate contro nuovi percorsi e avventure. È chiaro che cambiare potrebbe avere i suoi rischi, ma quale novità o strada sconosciuta non tiene ostacoli e insidie?.

Nella piccola sala di comunicazione della facoltà di educazione dell’Auxilium di Roma, Enrico Letta – presidente del consiglio dei ministri dal 28 aprile 2013 al 22 febbraio 2014 e ora preside della Paris School of International Affairs di Parigi - apre al futuro e con gli occhi di chi i giovani cerca di ascoltarli, recita un vecchio proverbio cinese, che potrebbe trasformare comuni giornate piovose, in piovose giornate di sole. Nel video potete vedere l'intervista a Enrico Letta di Maria Elena iacovone, che ha fatto anche quella pubblicata nel sito dell'Agenzia Sir: "Sfide per l’Italia. Enrico Letta: "Serve formazione, buona comunicazione e impegno".

5 novembre 2019
AREA-
Aiuto, dov'è lo smartphone?!?
di Paolo Rosi
Si chiama "nomofobia" la paura di rimanere senza cellulare. Uno dei tanti modi in cui si esprime il complesso rapporto tra adolescenti e nuove tecnologie
11 giu 2020
Musica, social network, moda. Per i giovani tanti modi di comunicare, una richiesta: ascoltateci
di Celine Louisette RAHANTASOA
I giovani di oggi non sono migliori di quelli di ieri, ma comunicano diversamente. E chiedono di essere riconosciuti
9 giu 2020
La vocazione religiosa in un'epoca in cui tutte le vocazioni sono in crisi
di Thi Dung TRAN
A colloquio con una suora Oblata di Maria Vergine di Fatima, sulla crisi delle vocazioni religiose e su come affrontarla
6 giu 2020
i