sabato 25 maggio 2024
Le donne si laureano più degli uomini, ma non nelle materie scientifiche
di Flaminia Marchese
Le donne sono più istruite degli uomini? I numeri parlano chiaro: il 57% dei laureati sono donne. Ma l'educazione ricevuta influenza le scelte
20 maggio 2023

È rimasta costatante negli anni la percentuale delle laureate donne rispetto al numero totale dei laureati, e la maggioranza rimane sempre quella femminile. Ci domandiamo se in Italia queste percentuali valgono per tutte le facoltà o se troviamo dati differenti nelle specifiche discipline. 

Come possiamo leggere dai dati riportati dal Miur (Ministero dell'Istruzione e del Merito) le laureate donne nel 2021 erano 57% del totale.

L’eccezione risiede nelle discipline STEM (acronimo per Science, Technology, Engineering and Mathematics), dove la percentuale delle ricercatrici donne in italia è del 41% rispetto al totale degli scienziati.

Negli anni passati, però, il divario generazionale in queste discipline era ancora più grande: nel 2016 le donne rappresentavano il 39% del totale, mentre nel 2017 complessivamente il 40,2%. Da questi dati possiamo notare che le laure femminili in queste discipline sono in aumento e che quindi sempre più le donne si stanno avvicinando a queste materie.

Il perchè della presenza di una maggioranza di laureati di sesso maschile nelle materie STEM  è sempre stato argomento di discussione. Alcuni docenti dell’università degli studi di Modena, hanno scritto un articolo provando a dare una risposta alla questione: secondo loro la motivazione di questo gender gap risiede nella prima istruzione e nell’educazione data dalle famiglie; queste sono portate a pensare che i figli maschi abbiano una maggiore possibilità di affermazione nelle materie scientifiche rispetto alle bambine e questo, secondo i docenti,  porta ad una demotivazione delle ragazze che tendono quindi a non volersi approcciare a queste materie. 

Invece una netta maggioranza femminile nelle diverse facoltà la possiamo trovare in quelle artistiche (AFAM) dove le donne rappresentano il ben 73% del totale dei diplomati.

 

In conclusione possiamo dire che le donne non in tutte le facoltà rappresentano la maggioranza, e che quindi la situazione è differente nelle diverse discipline; è vero però che nel totale la prevalenza è quella femminile. Ci domandiamo come si muoveranno queste percentuali nel tempo e se la prevalenza delle donne nelle università rimarrà o cambierà con l’avanzare degli anni.

20 maggio 2023
AREA-
Un'Italia sempre più vecchia pesa sui giovani: serve un cambiamento culturale
di Jasmin Del Carmen Noguera Araque
Secondo i dati Istat, ormai il numero di ultraottantenni ha superato quello dei bambini sotto i 10 anni
26 apr 2024
Il prezzo della cultura: quanto guadagna un professore universitario in Italia?
di Sabrina Battisti
I vantaggi e gli svantaggi della carriera accademica: i dati sugli stipendi in Italia, il confronto con gli altri Paesi dell'Unione Europea e qualche numero sui dottorati di ricerca italiani
27 mag 2023
Cantava per strada, ora è tornata all'università. La rinascita delle Filippine passa dall'aiuto ai giovani
di Augustin RAHERIARISOA
Ecco come un missionario olandese ha aiutato una studentessa di Manila a riprendere gli studi. Il futuro è nella solidarietà
15 mag 2023
«È nelle relazioni che si cresce». L'impegno del nuovo decano di Filosofia all'Università Pontificia Salesiana
di Augustin RAHERIARISOA
Don Luis Rosón Galache è il nuovo Decano della Facoltà di Filosofia all'Unisal. Le sue principali sfide e progetti per il triennio
8 mag 2023
Università: il costo degli alloggi scoraggia le iscrizioni
di Susanna Zaffiro
Diminuiscono gli studenti negli atenei italiani, anche per motivi finanziari. A Milano una stanza costa più di quello che si guadagna con uno stage
2 mag 2023