venerdì 4 dicembre 2020
Finsta: l'account falso ma reale. Che ci difende meno di quello che pensiamo
di Celine Rajendran Thimena
I giovani creano account falsi su Instagram per esprimersi liberamente, senza preoccupazioni. Ma ci sono comunque almeno due rischi

La generazione dei millennials ha familiarità con la parola Finsta. È un termine abbreviato, che sta per Fake Instagram e indica un account Instagram secondario, utilizzato da adolescenti e giovani adulti per pubblicare post più reali e sinceri da condividere solo con amici intimi, senza preoccuparsi di ciò che pubblicano.

Negli ultimi anni, Instagram è diventata un'applicazione ampiamente utilizzata dagli adolescenti ed è diventata importante per lo status sociale dei giovani di oggi. Non si tratta solo di scattare una foto e pubblicarla. C'è un processo di preparazione, con la scelta di una buona posizione, una posa e un abito diversi. E poi si tratta di abbellire e stilizzare con i filtri, prima di caricarlo su Instagram. Tutto questo per ricevere “Mi piace” e condivisioni numerose.

 

Instagram ora ha 1 miliardo di utenti attivi mensili. I primi tre paesi che usano Instagram. Stati Uniti (116m), India (73m) e Brasile (72m). È la seconda rete più diffusa dopo Facebook, con oltre il 60% degli utenti che accedono ogni giorno. Il 75% degli utenti ha 18-24 anni. Un fatto interessante da notare è che il 68% degli utenti su Instagram sono donne. Cristiano Ronaldo è l'utente Instagram più seguito con 149 milioni di follower. Supera Selena Gomez, che attualmente conta 144 milioni di follower

 

Alcuni usano i Finsta per tenersi alla larga dagli occhi dei genitori e degli adulti. Usano persino nomi segreti per evitare la loro identità. Questo modo di procedere permette loro di dare sfogo alle proprie emozioni, chattare personalmente con i loro amici più cari, sulla vita, sulle questioni personali e sulla sessualità. Anche se falso, è ricco della ricerca della loro originalità, protezione per rivelare il loro io interiore e far uscire le loro turbolenze emotive. Finsta aiuta i giovani a esplorare la loro identità e la gestione delle impressioni nel contesto e nel pubblico creati.

Una ragazza di 17 anni, Katrina Vogel di Fort Lauderdale, in Florida,  ha un lavoro part-time ed è immersa nel processo di ammissione al college. Ha un Finsta, così come i suoi amici intimi, che segue e le permette di seguirla. La sua regola empirica per cosa pubblicare su Finsta: "Pubblico davvero solo ciò che so non tornerà e non mi morderà."

 

In uno studio condotto dall'American Journal of Preventative Medicine, i partecipanti che utilizzano regolarmente Facebook hanno riportato tre volte l'autocontrollo percepito (PSI) rispetto dai non utenti. La dipendenza emotiva dai social media pubblici è già problematica: la segretezza, l'immagine non filtrata ed emotiva dei Finstas incoraggia l'uso costante, stimola una dipendenza malsana dalla sovra-condivisione online. Invece di uno sbocco, i Finsta diventano una stampella e poi una prigione.

Il nome utente e la password di qualsiasi account di social media, indipendentemente dal fatto che abbia impostazioni di privacy o esclusività forti, non possono garantire la riservatezza dei post o l'affidabilità di coloro che li visualizzano. I giovani dovrebbero essere consapevoli che non ci sono muri che non possono essere abbattuti nel mondo dei social media.

 

6 giugno 2020
AREA-
The social dilemma
di Maria Grazia Tripi
"The social dilemma" (sulla piattaforma Netflix) potrebbe essere il documentario desiderato da tutti i genitori per convincere i figli a staccarsi dal cellulare. Le questioni aperte, però, sono molto più vaste.
23 ott 2020
La
di Brice Ulrich Afferi
Si chiama FOMO la paura di essere tagliati fuori. È uno dei modi attraverso la dipendenza dai social network colpisce soprattutto i giovani
8 giu 2020
Chi sono io? Me lo dice instagram
di Anatolii MAKARA
L'utilizzo dei social network è parte fondamentale nella costruzione dell'identità dei giovani. Ecco i pro e i contro
7 giu 2020
I social network possono diventare ragnatele digitali? Riflessione su giovani, comunicazione e Chiesa
di Jesus PADILLA INIGUEZ
La comunicazione digitale si può trasformare in una trappola. Ma ci sono molte esperienze, anche in ambito ecclesiale, che dimostrano che possono essere usati in modo positivo
4 giu 2020
La radio non si ferma e “sconfigge” il covid-19
di Emilia Rosaria Uccello
L'incremento radiofonico durante il Covid-19: i ragazzi hanno riscoperto questo mezzo di comunicazione.
4 giu 2020
i