domenica 3 marzo 2024
Curiosare nelle vite degli altri: i giovani, Facebook e Instagram
di Daniele PAOLONI
Sono sempre in aumento il numero di iscrizioni ai social network da parte dei giovani. Ma come li utilizzano principalmente?
19 marzo 2021

Smartphone, computer, tablet, orologi intelligenti, smart tv e domotica, oggi un qualsiasi oggetto dotato di chip è in grado di connettersi a internet e di conseguenza a un social network. Piattaforme sempre più innovative e connessioni sempre più potenti hanno creato dei veri e propri mondi virtuali, nei quali è possibile comunicare, informarsi e svolgere qualsiasi tipo di operazione in pochi clic. Ma come si comportano i giovani nei confronti dei social network?

Secondo un recente studio dell’ Autorità per le garanzie nella comunicazione (AGCOM), su un campione di 12 mila giovani di età compresa dai 14 a 35 anni, il 90,5% dei giovani adulti di età dai 25 ai 34 anni è iscritto ad almeno un social network, seguito del 88,9% dei minori e dal 79,3% dei giovani in formazione dai 18 ai 24 anni. Numeri esorbitanti rispetto alla popolazione over 35, che raggiunge solamente il 58,4%.

Il social network in vetta con più iscritti è Facebook, seguito dal giovane figlio Instagram. Dal suo lancio nel 2004, Facebook nel 2017 ha raggiunto 2,23 miliardi di utenti attivi mensilmente, grazie a nuove innovazioni che hanno permesso alla piattaforma di raggiunge un grande varietà di funzioni (gruppi, vendita, dating ecc).

Twitter, Linkedin e Pinterest riscontrano invece una scarsa adesione da parte dei giovani, in quanto sono piattaforme utilizzate sopratutto da professionisti del mondo del lavoro, aziende e persone d’interesse come capi di Stato e attori. 

I social network vengono utilizzati dai giovani soprattutto per cercare curiosità, chattare, interagire con gli amici e condividere e commentare post. La fascia dei minori utilizza Facebook e Instagram soprattutto per curiosare sui profili degli amici e chattare, mentre il resto dei giovani (18 - 34 anni) per cercare curiosità e commentare contenuti sui profili degli amici. Giocare e ascoltare/commentare programmi tv e radio è una delle attività meno svolte dai giovani nei social network, sopratutto dai minori.

Il web è il mezzo di comunicazione dove i giovani superano gli over 35 per informarsi: con il 60,4% dei minori (rispetto il 38% della televisione), il 53,3% dei giovani in formazioni (18 - 24 anni) e il 66,8% dei giovani adulti (25 - 35 anni). Le azioni più svolte nel campo dell’informazione su social network dai giovani, sono tuttavia quelle più rapide e semplici come “cliccare sul link” e mettere “mi piace”. Al contrario azioni più impegnative, come commentare e partecipare a una discussione su una notizia, rispecchiano una percentuale più bassa. È da tenere in considerazione come solo il 46% dei giovani (14-19 anni) verifica le fonti dell’informazione, secondo una ricerca dell’ associazione di difesa dei consumatori AltroConsumo. 

Infine bisogna calcolare come l’evoluzione e l'utilizzo dei social network sia sempre in constante trasformazione, con effetti sia negativi che positivi nella vita quotidiana dei giovani.

Foto di Magnus Mueller da Pexels

19 marzo 2021
AREA-
Scienza e AI: come l'Intelligenza Artificiale sta bruciando le tappe nella ricerca
di Camilla Argentin e Susanna Zaffiro
L'evoluzione dell'Intelligenza Artificiale (AI) sta trasformando radicalmente i processi di scoperta e avanzamento scientifico, dimostrandosi anche un alleato potente per i ricercatori. Ma è davvero così affidabile?
11 gen 2024
Sui social, per mantenere i contatti e confrontarsi sulle idee
di Andrea Del Bianco
Come si gestiscono i media della Facoltà di Scienze della Comunicazione? Lo abbiamo chiesto al professor Tommaso Sardelli, dell’Università Pontificia Salesiana
22 mag 2023
Social Media Manager: il lavoro di Martina che unisce editoria e social
di Susanna Zaffiro
Anche un settore tradizionale come l'editoria ha bisogno di innovazione. Intervista a Martina Zaffiro, Social Media Specialist della casa editrice FrancoAngeli
11 mag 2023
Il seminario di Kyiv al tempo della guerra. “Toccare il fondo a volte è necessario per ricominciare”
di Emanuele Tramacere e Harsha Bandara
La sera del 25 febbraio di un anno fa circa, primo giorno del conflitto tra Russia e Ucraina, il Seminario Maggiore di Kyiv è stato evacuato a causa dell'escalation che ha causato gravi danni anche nelle vicinanze. Quale situazione stanno vivendo i seminaristi è il focus di questo contributo
16 gen 2023
Il progetto Agenda 2030 per Young4Young
di Paolo Rosi
Una sintesi interattiva su come è andata la fase iniziale di informazione sull'Agenda 2030, ad opera di alcuni studenti della Facoltà di Scienze della Comunicazione Sociale
20 giu 2022