mercoledì 6 luglio 2022
La sfiducia nel vaccino anticovid-19: le responsabilità della comunicazione
di Cesar Augusto CORRALES MARTINEZ
Ci sono molte possibili cause che spingono la popolazione a rifiutare il vaccino contro il coronavirus. Quelle psicologiche e economiche non sono le sole. Intervista con Teresa Doni
5 aprile 2021

Attualmente l'Italia sta cercando di spingere sulle vaccinazioni, nonostante i ritardi e le difficoltà che ha avuto nell'acquisizione e nella distribuzione dei vaccini. Per molti è fonte di grande gioia, un raggio di luce e di speranza, ma per altri è fonte di preoccupazione e incertezza.

Dallo scorso anno, molti si sono espressi contro il vaccino perché dubitano della sua efficacia, anzi temono che sia pericoloso, dopo che ci sono stati casi di persone morte dopo essere state vaccinate. A questo si aggiunge la comparsa di nuove varianti del covid-19, come quella brasiliana, quella sudafricana e quella inglese.

La professoressa Teresa Doni, docente di Teorie sociali della comunicazione che lavora da molti anni presso la Facoltà di Scienze della comunicazione dell'Università Pontificia Salesiana, conosce i processi e gli aspetti sociali e psicologici che fanno parte della comunicazione umana. Ha accettato di parlare del rifiuto che una parte della popolazione italiana ha nei confronti del vaccino anti covid-19.

Nei giornali appaiono notizie su come si sono diffuse nella popolazione italiana,così come in altre parti dell'Europa, reazioni negative sul vaccino anti covid-19. Qual è la sua opinione?

«Il movimento no-vax non è certo un fenomeno legato esclusivamente alla pandemia da coronavirus. Già da anni si è andata formando una mentalità di rifiuto nei confronti dei vaccini in generale, tanto che molti genitori si rifiutano di far vaccinare i propri bambini, con l'aumento del rischio di malattie per loro e per i loro coetanei, compagni della scuola materna o delle prime classe elementari. Questo rifiuto è dettato soprattutto dal timore che i vaccini possano provocare l'autismo nei bambini, oppure dall'opinione che siano troppi quelli che vengono somministrati, alcuni dei quali ritenuti inutili e a esclusivo vantaggio delle industrie farmaceutiche. Rispetto al vaccino del Covid-19, la diffidenza è da attribuirsi soprattutto all'eccessiva velocità in cui questo vaccino è stato prodotto, e quindi alla scarsa affidabilità delle sperimentazioni. Ovviamente il ruolo della stampa e delle notizie diffuse è preponderante per la diffusione di questa mentalità, con l'eccessiva enfasi messa su alcuni casi di reazione avversa (tra l'altro inevitabili nei confronti di ciascun farmaco). Anche la disinformazione che circola, soprattutto nei social, contribuisce alla crescita della paura e del sospetto che la pandemia e la successiva necessità del vaccino, sia tutta una montatura per sottomettere la popolazione mondiale al controllo dei governi e delle multinazionali del farmaco».

Questa situazione può essere il risultato di una manipolazione del pubblico o il risultato di una mancata formazione all’uso dei media?

«Probabilmente dipende da entrambe le cose: alcuni agenti della comunicazione, collegati a forze di potere politico o altro, hanno interesse a far passare informazioni sbagliate o false e l'incapacità di una certa parte del pubblico di distinguere le notizie vere da quelle false, o di andare a cercare le fonti legittime, concorrono alla diffusione del malcontento e della sfiducia nei confronti delle istituzioni».

Secondo lei chi e perché è più coinvolto in questa situazione di rifiuto?

«Come già detto, l'incapacità di distinguere tra le notizie e quindi una certa forma di ignoranza nel campo della comunicazione, così come la maggiore influenzabilità da discorsi di stampo populistico e qualunquistico, caratterizzano le persone che, più di altre, rimangono affascinate da teorie complottiste o dimostrano atteggiamenti di rifiuto verso tutto quello che può sembrare costrizione e controllo da parte di chi detiene il potere».

Secondo lei, nel futuro immediato quale sarà il panorama delle vaccinazioni, ancora di rifiuto?

«Questo è difficile da prevedere. Certamente le disavventure del vaccino AstraZeneca possono continuare a influire sulla diffidenza di larga parte della popolazione. Probabilmente però, la costatazione di un miglioramento generale della situazione per la diminuzione del contagio, grazie proprio alle vaccinazioni, può anche portare a una maggiore fiducia e quindi a una loro più ampia accoglienza».

Anche l’informazione professionale ha fatto degli errori social, ma i network sono lìambiente di maggior diffusione delle fake news. Lei che ne pensa?

«Io sinceramente non credo alle teorie complottiste. La diffusione di fake news è legato ai social network, perché la pubblicazione di notizie e informazioni non passa attraverso un controllo, che ne può garantire l'autenticità e quindi tutti possono dire tutto quello che vogliono. È importante che tutti imparino ad andare a verificare le notizie che leggono e soprattutto non diffondano e condividano informazioni chiaramente false e fuorvianti.

5 aprile 2021
AREA-
Il progetto Agenda 2030 per Young4Young
di Paolo Rosi
Una sintesi interattiva su come è andata la fase iniziale di informazione sull'Agenda 2030, ad opera di alcuni studenti della Facoltà di Scienze della Comunicazione Sociale
20 giu 2022
Vivere la povertà degli altri ti cambia la vita
di Margherita Chiara Sestili
Nel 2015 Giorgia fa un viaggio che le cambierà per sempre la vita. Sei mesi in Kenya per aiutare i più bisognosi.
29 mag 2022
Il ritorno dell'Eurovision in Italia: un successo
di Alessandra Verna
Le prime due serate del song contest europeo si sono svolte a Torino grazie alla vittoria nel 2021 dei Maneskin. Presentano Mika, Pausini e Cattelan. In gara canzoni per tutti i gusti.
13 mag 2022
In sostanza, cosa sappiamo? Come è difficile vivere con le fake news...
di Harsha Kumara Chaminde Bandara THENNAKOON MUDIYANSELAG
Un'analisi sulla credibilità delle notizie e sulla reazione di chi viene quotidianamente esposto a questo mare di informazioni
9 mag 2022
Perché è difficile difendersi dalle fake news
di Francesca Piovan
Lo studio condotto da Ipsos nel febbraio del 2022 ha indagato le attitudini degli italiani nei confronti dell’informazione e della disinformazione.
28 apr 2022