mercoledì 17 aprile 2024
Immigrazione: una questione ideologica
di Lucia Aversano
Cos’è che spinge a temere l’immigrazione via mare? Per gli addetti ai lavori è solo una questione ideologica
30 gennaio 2012
«Il 70% degli ingressi avviene per via non marittima. La lotta a quelli che vengono dal mare , a parer mio, è stata molto ideologicae sono rimasta molto colpita da come, a Lampedusa nei momenti dell’emergenza, ci fosse la volontà politica di creare un caso.» È così che Maria Quinto della Comunità di Sant’Egidio commenta, durante la tavola rotonda “Primavera mediterranea dei diritti umani”, l’esperienza vissuta in prima persona a Lampedusa durante i giorni dell’emergenza. «Da marzo 2011 in poi Lampedusa è stata l’esempio di una gestione ideologica dell’immigrazione. Da un lato in quel periodo le parole del ministro descrivevano una realtà che nei fatti era molto diversa».
 
L’ideologia dell’immigrazione è un tema che emerge più volte durante l’incontro tenutosi all’interno della due giorni promossa da FOCUS- Casa dei diritti sociali il 27 e il 28 gennaio 2011 presso la John Cabot University. Oltre a Maria Quinto, hanno preso parte all’incontro, tra gli altri,Jurge Humburgdel Unhcr e Stefano Greco dell’ufficio giuridico FOCUS-Casa dei diritti sociali. Tra le questioni emerse si è cercato di rispondere alla domanda “come accogliere i migranti che raggiungono l’Italia via mare?”. Per Jurgen Humburg, fondamentale è fare la distinzione tra rifugiato e migrante, e altrettanto fondamentale è tenere a mente che«se il diritto d’asilo è stato una conquista nell’ambito dei diritti umani, è altrettanto ragionevole il diritto delle nazioni a controllare le proprie frontiere attraverso le proprie leggi».
 
In altre parole, sì a una politica di controllo ma stop alla ideologizzazione dell’immigrazione da parte di una certa politica e di riflesso da parte di una certa società.In effetti l’aspetto culturale dell’immigrazione rappresenta il vero ostacolo ad una giusta accoglienza. Non è il numero di migranti che rischiano la vitaper giungere sulle coste italiane a dover spaventare ma come questo fenomeno venga vissuto dai più al pari di un invasione. Invece «sarebbe importante riuscire a capire chi è richiedente asilo e accoglierlo in modo adeguato così come scritto nella Convenzione di Ginevra che, seppure con i suoi limiti, è il documento fondamentale per la tutela dei diritti umani».
30 gennaio 2012
AREA-
Egitto 1962: cattolici in fuga dal nazionalismo
di Matteo Caselli
La storia di una famiglia che per colpa della politica oppressiva nazionalistica araba è stata costretta ad una diaspora che l'ha obbligata a iniziare da zero in nuovi Paesi
25 mag 2023
Studiare medicina in Amazzonia: l''Erasmus di Giulia
di Stefano Sica
La storia di una esperienza professionale in uno dei posti più affascinanti e controversi del mondo. Dove però si può imparare molto
17 mag 2023
Lisbona, GMG 2023: «Penso che un giovane debba portare con sé la voglia di essere cambiato!»
di Giuditta Garufi
Il senso della Giornata Mondiale della Gioventù 2023, che si terrà a Lisbona, secondo Álvaro Morgado, giovane salesiano portoghese
13 mag 2023
A Milano, Bologna e Roma le tre migliori università in Italia
di Augustin RAHERIARISOA
Tra le 200 migliori università del mondo, tre si trovano in Italia. E due sono frequentate soprattutto da donne.
28 apr 2023
Studio, ma non nella mia città. Se posso...
di Giuditta Garufi
Universitari fuorisede: il cambiamento dei flussi di spostamento, le caratteristiche delle università del Mezzogiorno e le risorse delle famiglie del Sud
25 apr 2023