venerdì 30 luglio 2021
Albania: la "terra dove finisce la terra" non si può dimenticare
di Andrea Montesano
L'esperienza di un gruppo di giovani che ci è andato con i Salesiani. Quel Paese è come il fango: non piace a nessuno ma non te lo scrolli più di dosso
8 ottobre 2012
Vinicio Capossela, dell'Albania direbbe: "..terra di dove finisce la terra.”, ed è un espressione utile a esprimere i soprusi che questa bellissima terra ha subito fino agli inizi degli anni novanta dalla dittatura comunista, per ben quarantacinque anni. Dove finiva la terra di confine infatti, finiva addirittura anche il solo pensiero, di un popolo obbligato a dimenticare un mondo occidentale e sviluppato, che non doveva influenzarlo in alcun modo. L’Albania divenne quindi uno dei paesi più estraniati e isolati dal resto dell’Europa e del mondo.
Oggi invece ha raggiunto incredibilmente, in circa un ventennio, le sembianze di un paese “alla pari”, con voglia di riscattarsi, di conoscere, di crescere, di cambiare, affermarsi e gridare al mondo con tanta forza di volontà, che il popolo shqiptar non ha più alcuna intenzione di rinunciare ai propri diritti.

L’AmVis dell’Ispettoria Meridionale Salesiana, quest’anno ci ha dato l’opportunità di partire nel mese di Agosto alla volta dell’Albania. Dall’Ispettoria siamo partiti in otto, e alloggiavamo all’Oratorio Salesiano di Scutari, all’interno del quale il pomeriggio eravamo di sostegno alle attività dell’Efekti Sere, una seconda Estate Ragazzi dopo la prima svoltasi nei mesi di Giugno-Luglio. La mattina invece, la nostra attenzione si concentrava per la città e dintorni, alle prese con campi rom, ragazzi disabili abbandonati, attività di manovalanza all’interno dell’oratorio stesso o presso villaggi limitrofi, come quello di Berdice.

Quest’esperienza ci ha dato l’opportunità di vivere forti realtà ,toccando con mano la cultura e l’essenzialità, la povertà della gente del posto e dei ragazzi incontrati nelle varie esperienze. Il bello era che tutto il servizio prestato veniva contraccambiato da sorrisi che ti si stampavano dentro. Abbiamo imparato a scoprire davvero la gratuità nel compiere gesti, azioni, nel sorridere, nell'aprirsi all’altro, pur senza comprendere ciò che egli voleva comunicarti a causa di una lingua del tutto sconosciuta, ma che diventava ricchezza con un semplice faleminderit ,che in albanese significa “grazie”. Siamo stati in grado di farci strumento d’amore nelle mani del Signore, per trasmettere, ai ragazzi disagiati dell’oratorio di Shkoder, che esiste un domani in cui credere, un domani in cui hanno creduto tutti coloro che venti anni fa sentirono dire che “il porto di Durazzo era aperto”.

Una sera don Dominik, salesiano dell’oratorio di Gjilan parlandoci dell’Albania disse: “l’Albania è come il fango, è un pò fastidiosa, a nessuno piace e si stenta ad andarci, ma una volta che ci entri ti si appiccica addosso e non si stacca facilmente”.



8 ottobre 2012
AREA-
Il viaggio di Beatrice: «Sono libera come l’oceano che mi ha ospitata 4 anni fa»
di Ludovica Salerni
Il 5 luglio 2017 Beatrice Berardi si trova all’aeroporto Fiumicino di Roma; sta partendo per un viaggio che durerà 6 mesi. Ad aspettarla: l’Australia, il posto che l’avrebbe cambiata per sempre
12 apr 2021
Dall’Italia all’India: comunicare con l’estero ai tempi della pandemia
di Matilde DI VEROLI
Da ormai un anno molti italiani lavorano in smart-working. Cosa significa, però, per chi lavora con l'estero comunicare tutti i giorni secondo queste modalità?
1 apr 2021
Studenti stranieri a Londra ridotti alla fame
di Paolo Rosi
Nell’East London, con la pandemia, la situazione è peggiorata da qualche mese: i banchi alimentari sono affollati da migliaia di persone che non hanno diritto ai sussidi governativi
25 mar 2021
La
di Sara Michielin
Dopo la parziale riapertura Venezia si risveglia, tra cautele prese per evitare i contagi, sparuti turisti pomeridiani e serate movimentate. Ecco il racconto di una giornata passata in laguna ai tempi del Covid-19.
3 giu 2020
Nella solitudine di Piazza San Pietro, ritroviamo l'importanza del prenderci cura degli altri
di Celine Rajendran Thimena
Con il Covid-19 il distanziamento sociale è diventato una norma sociale. Tutte queste precauzioni sono per curare la vita di tutti
2 giu 2020