lunedì 25 ottobre 2021
Immigrazione: a Lampedusa nasce un museo a tema
di Gabriele Beltrami
L'Amministrazione comunale ha ufficializzato la costituzione di uno spazio che vuole raccogliere oggetti, ricordi personali di chi ha intrapreso "il viaggio" della vita, non sempre con gli esiti sperati.
22 dicembre 2012
«Lampedusa è per ragioni geografiche un punto di passaggio. L'entità e la natura dei movimenti migratori registrati sull'isola involve tanto animali, quanto esseri umani», si legge sulla pagina web ufficiale. Il sito, quindi, e il relativo museo "in divenire" costituiscono la testimonianza del ruolo che riveste l'isola, così spesso sulle prime pagine dei quotidiani, assieme a Linosa quali ''isole ponte'', approdo di migrazioni naturali e umane.

È questo il Museo delle migrazioni, voluto dall'associazione Askavusa insieme a una rete di associazioni (Archivio memorie migranti, Legambiente, Rete dei Comuni solidali, Associazione studi giuridici sull'immigrazione, Arci e Limen) che ora ha anche il riconoscimento e l'adesione dell'amministrazione comunale che con delibera di giunta ne ha ufficializzato la costituzione.

Il museo è nato quasi spontaneamente, «alimentato dalla curiosità verso ciò che generalmente viene etichettato come “diverso”. Il progetto si sviluppa attraverso un processo di perlustrazione delle barche con cui i migranti sono approdati sull'isola, raccolta e catalogazione degli oggetti rinvenuti. Il risultato è rappresentato dall'esposizione permanente di oggetti, vestiti, libri, scarpe, foto, lettere, e utensili appartenenti ai migranti. La collezione include allo stesso tempo i legni delle barche - recuperati sulle spiagge lampedusane - e appartenenti alle imbarcazioni che sono arrivate, ma anche a quelle che non sono mai giunte al loro approdo» come si legge nel sito ufficiale.

Il museo aspira anche a svilupparsi nel senso di un progetto didattico, coinvolgendo artisti locali, nazionali e internazionali - come non ricordare Claudio Baglioni che l'ha scelta da tempo come sede del progetto O’SCIA' - nella creazione di opere d'arte.

Il progetto del Museo delle Migrazioni è uno spazio che accoglie allestimenti periodici e i suoi curatori arricchiscono l'archivio con oggetti che vengono donati da coloro che si sono avvicinati al progetto. Attualmente, avendo ottenuto il permesso dal ministero di poter prelevare tre imbarcazioni per il museo, si sta cercando uno spazio più grande nel quale ospitare l'intera collezione, che includa anche le tre barche dei migranti.
22 dicembre 2012
AREA-
Il viaggio di Beatrice: «Sono libera come l’oceano che mi ha ospitata 4 anni fa»
di Ludovica Salerni
Il 5 luglio 2017 Beatrice Berardi si trova all’aeroporto Fiumicino di Roma; sta partendo per un viaggio che durerà 6 mesi. Ad aspettarla: l’Australia, il posto che l’avrebbe cambiata per sempre
12 apr 2021
Dall’Italia all’India: comunicare con l’estero ai tempi della pandemia
di Matilde DI VEROLI
Da ormai un anno molti italiani lavorano in smart-working. Cosa significa, però, per chi lavora con l'estero comunicare tutti i giorni secondo queste modalità?
1 apr 2021
Studenti stranieri a Londra ridotti alla fame
di Paolo Rosi
Nell’East London, con la pandemia, la situazione è peggiorata da qualche mese: i banchi alimentari sono affollati da migliaia di persone che non hanno diritto ai sussidi governativi
25 mar 2021
La
di Sara Michielin
Dopo la parziale riapertura Venezia si risveglia, tra cautele prese per evitare i contagi, sparuti turisti pomeridiani e serate movimentate. Ecco il racconto di una giornata passata in laguna ai tempi del Covid-19.
3 giu 2020
Nella solitudine di Piazza San Pietro, ritroviamo l'importanza del prenderci cura degli altri
di Celine Rajendran Thimena
Con il Covid-19 il distanziamento sociale è diventato una norma sociale. Tutte queste precauzioni sono per curare la vita di tutti
2 giu 2020