sabato 8 agosto 2020
Umberto Eco, l'uomo dell'immortalità "all'indietro"
di Veronica Petrocchi
Il mondo della cultura in lutto per la morte di Umberto Eco. Dal successo del romanzo "Il nome della rosa" a quello della nuova casa editrice "La nave di Teseo".

«La nave di Teseo saluta il suo capitano. Grazie Umberto». Con questo tweet il mondo della cultura, non solo italiana ma anche internazionale, saluta l’ultimo viaggio di Umberto Eco. Nato ad Alessandria nel 1932, primo semiotico italiano, esperto di filosofia, scrittore. Autore de “Il nome della rosa” del 1980, vincitore di 4 David di Donatello.


Nonostante l’indiscussa grandezza intellettuale e la sua fama mondiale, non si può parlare di Umberto Eco senza sottolineare la forte personalità e l’instancabile interesse per la vita politica e sociale del Paese. Non passò inosservata quella che è stata già definita “l’ultima grande follia di Eco”. Durante un’ intervista, concessa a Repubblica lo scorso 24 novembre, lo scrittore presentò la nuova casa Editrice "La nave di Teseo", su invito di Elisabetta Sgarbi. Eco aveva deciso, insieme a Sandro Veronesi, Hanif Kureishi, Tahar Ben Jelloun ed altri, di non pubblicare più per il nuovo colosso Mondadori-Rcs controllato da Segrate, pur essendo tra i migliori della scuderia Bompiani, ma di seguire Elisabetta Sgarbi in una nuova avventura. Quando Francesco Merlo, giornalista di Repubblica, definisce la scelta «velleitaria», Umberto Eco, con la sua inconfondibile simpatia e genuinità risponde «Velleitari? Peggio, siamo pazzi. Il progetto è l'unica alternativa alla Settimana Enigmistica, il vero rimedio contro l'Alzheimer», e continua: «l’ editoria è il modo più elegante per dissipare i propri risparmi, magari in modo lento, ma sicuro».


Inoltre lo scrittore spiegava: «Teseo è solo un pretesto, un nome come un altro. L'importante è la nave, non Teseo». A quel punto Eco dà un’importante lezione di semiotica, affermando che «la nave di Teseo è quella che perde, ma è in grado di sostituire i pezzi, continua a navigare con o senza il suo capitano, con o senza Teseo, per condurre i suoi passeggeri in acque sicure». Oggi queste parole risuonano premonitrici della sua scomparsa, ma il più importante insegnamento che Umberto Eco lascia al mondo intero riguarda l’immortalità: « Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita, ma chi legge avrà vissuto 5000 anni. La lettura è un'immortalità all'indietro».


20 febbraio 2016
AREA-
La
di Sara Michielin
Dopo la parziale riapertura Venezia si risveglia, tra cautele prese per evitare i contagi, sparuti turisti pomeridiani e serate movimentate. Ecco il racconto di una giornata passata in laguna ai tempi del Covid-19.
3 giu 2020
Nella solitudine di Piazza San Pietro, ritroviamo l'importanza del prenderci cura degli altri
di Celine Rajendran Thimena
Con il Covid-19 il distanziamento sociale è diventato una norma sociale. Tutte queste precauzioni sono per curare la vita di tutti
2 giu 2020
Aria di tranquillità, ma con un po' di accortezze
di Riccardo Capobianco
Un viaggio nella nuova normalità. Uno sguardo su come si stanno comportando i cittadini di fronte alle nuove norme e esigenze.
31 mag 2020
I rider, fantasmi catarifrangenti in giro per la Roma segnata dal coronavirus
di Paolo Rosi
Una serata in giro con un “rider”, uno dei ragazzi che consegnano il cibo a domicilio con un grande zaino sulle spalle, una pedalata dopo l’altra...
30 mag 2020
di Evariste CITEYA MUTOMBO
Lontani dalla famiglia, spesso hanno perso la loro fonte di reddito. E vorrebbero tornare a casa
23 apr 2020
i