giovedì 21 febbraio 2019
Roma, a Termini c'è la nuova Sala Blu
di Giorgio Marota
Nella stazione Termini di Roma è stata inaugurata la nuova sala per fornire assistenza ai viaggiatori con disabilità, ad anziani e a donne incinte. Cos'è e come funziona il servizio di Rete Ferroviaria Italiana
Alla stazione Termini di Roma è stata aperta una nuova Sala Blu, per fornire assistenza ai viaggiatori con disabilità, ad anziani e donne incinte. Il locale, di circa 100 metri quadrati di superficie, si trova nei pressi del binario 1 e all’interno vi lavorano tre operatori che raccolgono segnalazioni e richieste di aiuto. La sala, aperta tutti i giorni dalle 6.45 fino alle 21,30, ha il compito di programmare e coordinare i servizi di assistenza di 30 stazioni: 22 nel Lazio, 7 in Sardegna e 1 in Abruzzo. In Italia sale così a 14 il numero delle Sale Blu, aperte nelle principali stazioni (Ancona, Bari, Bologna, Firenze, Genova, Messina, Milano, Napoli, Reggio Calabria, Roma, Torino, Trieste, Venezia e Verona). Per raggiungere il binario 1, a Roma Termini, bisogna superare il varco controllato da agenti e capotreno che impediscono il passaggio a chi non ha un titolo di viaggio valido, ma per raggiungere la Sala Blu il biglietto di non è necessario. Nel nostro caso, infatti, è stato sufficiente comunicare a voce di aver bisogno di alcune di informazioni nella Sala.

Questi i servizi offerti che offre la Sala Blu:

 ● accoglienza in stazione presso il punto di incontro concordato o, per i viaggiatori in arrivo, al posto occupato sul treno;

● accompagnamento a bordo del treno in partenza o dal treno di arrivo all’uscita della stazione o, per chi prosegue il viaggio, a bordo di altro treno;
 
● messa a disposizione, su richiesta, della sedia a ruote per l’accompagnamento in stazione a/dal treno;

● salita e discesa a/da bordo treno tramite carrello elevatore per i viaggiatori su sedia a ruote;

● eventuale servizio, su richiesta, di portabagagli a mano (1 bagaglio).

I servizi di assistenza, curati da Rete Ferroviaria Italiana, sono rivolti a:

● persone con problemi agli arti, anche temporanei, o persone con difficoltà di deambulazione;

● persone che si muovono su sedia a ruote;

● persone non vedenti o con disabilità visive;

● persone non udenti o con disabilità uditive;

● persone anziane;

● donne in gravidanza.

Per richiedere il servizio di assistenza, il viaggiatore può rivolgersi all'impresa ferroviaria con cui ha scelto di viaggiare, inviare una e-mail all’indirizzo salablu.roma@rfi.it (o per le altre 14 stazioni sopra elencate, sostituendo a “Roma” il nome della città), recarsi personalmente nella Sala dalle ore 6:45 alle 21:30 tutti i giorni, festivi inclusi, oppure telefonare negli stessi orari al numero verde gratuito 800 90 60 60 o al numero unico nazionale 02.32.32.32, a tariffazione ordinariara. Per richiedere un servizio serve un preavviso di 24 ore, indicando (per telefono o per mail) la stazione di partenza e/o di arrivo, la data di andata e ritorno, il tipo di assistenza richiesta, un recapito telefonico, il luogo di appuntamento all’interno della stazione per l’effettuazione del servizio e il posto in carrozza se si è già in possesso del biglietto.
21 marzo 2017
AREA-
Come si cambia in 10 anni? Ecco cinque storie e cinque canzoni: cercate la vostra
di Chiara Monaldo
È bello ritrovarsi nelle parole di qualcun altro, immedesimarsi in una canzone, o in un racconto. È bello ascoltare le storie degli altri e magari scrivere la propria
7 feb 2019
Un messaggio da Torre Melissa: sentirsi comunità è ancora possibile
di Mariaelena Iacovone
A pochi giorni dal discorso di fine anno di Sergio Mattarella, in Calabria 51 migranti vengono salvati dai cittadini, che si sono mobilitati spontaneamente.
11 gen 2019
Francesco, i giovani e i quattro punti cardinali
di Rigobert Fumtchum
I giovani si ritroveranno a Panama dal 22 al 27 gennaio per la XXXIV Giornata Mondiale della Gioventù. Dal recente Sinodo e dal magistero, linee guida e indicazioni chiare
10 gen 2019
La partita di Max, che perde sempre. O forse no
di Andrea Santoni
Finire al tappeto non è solamente una sconfitta, ma un'attitudine, una consuetudine a cui abituarsi per rialzarsi sempre più forte
25 dic 2018
Le separazioni ricadono sui figli
di Marta Immarrata
Atteggiamenti corretti ed attenti da parte dei genitori possono ridurre la sofferenza, dando sicurezza
20 dic 2018
i