martedì 25 giugno 2019
Media e minori: tra social e gioco d'azzardo, dove si collocano i ragazzi?
di Veronica Petrocchi
È stato presentato il Libro Bianco "Media e Minori 2.0" dell'Autorità per le Comunicazioni

Martedì 16 gennaio a Roma, presso La Camera dei deputati, si è svolta la presentazione del Libro Bianco “Media e Minori 2.0”Il libro nasce da un lungo lavoro nell’ambito dell’attività che l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni svolge nel campo della tutela dei minori.

 

Facebook domina incontrastato (è infatti il social più usato per il 96% dei minori tra i 9 e i 16 anni), ma anche YouTube e WhatsApp sono diffusi in tutte le classi d’età. L’87% degli studenti si collega a internet con device mobili da qualsiasi luogo. A proposito dell’iscrizione precoce ai social network, una ricerca Telefono Azzurro-Doxakids ha raccolto i seguenti dati riferiti ai dodicenni: il 48% è iscritto a Facebook, il 32% a Instagram, il 78% a Whatsapp, il 19% usa Skype, il 19% ha un profilo Google+, il 9% utilizza Snapchat.

 

«Le ricadute sociali di tali fenomeni sono importanti nella prospettiva della tutela», ha sottolineato il professor Mario Morcellini, Commissario dell’Autorità. Con specifico riferimento all’adolescenza, va tenuto presente che «la nascita di piattaforme sociali come Facebook, Instagram, WhatsUpp, Telegram, Snapchat ha reso visibile la realtà della rete non solo come spazio di appartenenza e della comunicazione (community), ma anche», continua Morcellini, «come luogo nel quale i singoli possono inscrivere il proprio vissuto». 

 

Il libro bianco Media e Minori 2.0 contiene anche un interessante approfondimento in merito al gioco d’azzardo online: «La facilità», si legge, «con la quale è oggi possibile giocare online e scommettere somme di denaro nella speranza (o, meglio, nell’illusione) di ottenere vincite soggette al caso e non a specifiche abilità del giocatore rende tale pratica particolarmente appetibile a fasce di utenza vulnerabili».

Nonostante il divieto di gioco ai minori di 18 anni, imposto dalle norme, negli ultimi anni si sta assistendo ad un sostanziale incremento del gioco d’azzardo tra gli adolescenti. Va in questo senso tenuto presente, come lo sviluppo delle tecnologie telematiche abbia ampliato sensibilmente le possibilità di accedere ai servizi di gioco d’azzardo a distanza. 

 

Sotto il profilo normativo, il legislatore italiano è recentemente intervenuto in materia anche a fronte delle indicazioni, se pur ancora non sistematiche, provenienti dall’Unione europea. Nel contesto europeo la base normativa di riferimento delle disposizioni a tutela dei minori è costituita dalla Direttiva 2010/13/UE del Parlamento e del Consiglio europeo del 10 marzo 2010 (“Direttiva sui servizi di media audiovisivi”), attualmente in corso di revisione. La proposta di modifica prevede alcune misure, affinché le autorità di regolamentazione e di controllo siano realmente indipendenti dai governi e dall’industria, per garantire che i servizi di media audiovisivi operino nell’interesse degli utenti.

Permangono però, conclude Mario Morcellini, perplessità per ciò che riguarda «la responsabilità delle piattaforme di video-sharing e il meccanismo di remunerazione delle piattaforme, che attualmente compete direttamente con la pubblicità», in un quadro normativo ancora fortemente sbilanciato a vantaggio di influenti colossi mediali.

 

 

19 gennaio 2018
AREA-
UNISAL: un nuovo indirizzo di studio e tante iniziative. Aria di novità a Scienze della Comunicazione
di Guy Ntanda Mulaisa
Intervista con il decano Fabio Pasqualetti, che spiega il nuovo curriculum di Comunicazione Sociale, Media Digitali e Cultura e fa un bilancio degli ultimi mesi
4 giu 2019
Di che formazione hanno bisogno i sacerdoti oggi, per ricoprire il loro ruolo nelle comunità?
di Dario Jean
La Chiesa ha bisogno di sacerdoti sani, di persone normali, di uomini che sanno rapportarsi non solo con Dio ma anche con le altre persone. Per questo la formazione deve essere solida e permanente
28 mag 2019
E se la Chiesa si
di Roberto Carrasco Rojas
Non si tratta solo del problema dell'ambiente, si tratta del nostro futuro come pianeta, come esseri viventi. Il Sinodo Panamazzonico è solo l'inizio di un processo già iniziato nella Chiesa.
25 mag 2019
Luca Pozzolini: “Rattrista vedere molti giovani lontani dalla fede, ma...”
di Alexandro Rangga
Il dolore, la conversione, la serenità ritrovata. Storia di una fede riconquistata
23 mag 2019
Se non ti ami, non ami
di Chiara Monaldo
La mancanza di autostima e di amor proprio ha conseguenze rischiose. Per fortuna, siamo sempre in tempo per imparare ad amarci
13 mag 2019
i