venerdì 5 giugno 2020
Cardinale Lorenzo Baldisseri: “Dobbiamo lavorare con i giovani e correre al loro fianco”
di Mariaelena Iacovone
Intervenuto al convegno su "Giovani e Scelte di vita", ha ricordato che le nuove generazioni sono molto esigenti nei confronti della Chiesa e che il Sinodo dei Giovani nasce come occasione di ripensamento

Tra i relatori maggiormente attesi al Congresso “Giovani e Scelte di vita. Prospettive educative", c’era il Cardinale Lorenzo Baldisseri, Segretario Generale del Sinodo dei Vescovi.

Dopo aver dedicato una parte introduttiva ai principali materiali e documenti raccolti dalla Chiesa in vista del Sinodo, il Cardinale ha rivolto la sua attenzione al mondo giovanile, concentrandosi sul tema delle scelte di vita e delle prospettive educative.

Sin da subito ha tenuto sottolineare l’importanza dello scegliere, inteso non solo come atto personale, ma anche come azione volta a portare frutti, “fuoco” dentro l’anima del giovane. Da qui la necessità di «riconoscere il primato dell’essere amati e scelti, passando dal cartesiano cogito ergo sum (penso dunque sono) al cristiano cogitor ergo sum (esisto perché sono desiderato, voluto e creato). E questa rimane la verità fondamentale dell’esistenza da cui anche i giovani devono partire».

 

Dal punto di vista delle prospettive educative, invece, accanto al tema del discernimento - ha spiegato il Cardinale-   c’è quello dell’accompagnamento: gli adulti hanno il difficile compito di affiancare i giovani nella formazione della loro identità e nel passaggio alla vita adulta. «Abbiamo una necessità epocale di adulti di qualità, che sembra essere una merce rara in questi tempi. I giovani oggi sono molto esigenti nei confronti della Chiesa […] e il Sinodo dei Giovani nasce, per questo, come occasione di ripensamento», ha dichiarato Sua Eminenza.

I tempi sono decisamente cambiati e le realtà che ci circondano sono molteplici e complesse. La Chiesa deve, quindi, rinnovarsi, se intende avvicinare e parlare con i giovani. «La pastorale attuale non è sufficiente e i giovani desiderano una Chiesa più vicina e presente. Noi dobbiamo lavorare con i giovani e correre al loro fianco».

Al termine del suo intervento, il Cardinale Baldisseri si è esibito al pianoforte con due brani, condividendo, così, con i partecipanti al Congresso una delle sue passioni più grandi: la musica.

26 settembre 2018
AREA-
La paura farà diminuire o crescere la fede?
di Celine Louisette RAHANTASOA
La riapertura delle chiese era molto attesa dai cattolici, ma non era scontato che la gente tornasse a messa. Ecco come è andata in una parrocchia di Roma
1 giu 2020
A Roma riaprono i mercati e i cittadini si fidano
di Thi Dung TRAN
Il mercato Menenio Agrippa riapre dopo l'emergenza. Abbiamo fatto un giro tra i banchi di frutta, verdura, carne e pesce e raccolto alcune voci...
28 mag 2020
La nuova normalità in una visita medica
di Giulia Arpino
Una passeggiata e una visita medica ci fanno scoprire la nuova normalità. A cui dovremo abituarci.
27 mag 2020
«È bello stare in casa con la famiglia, ma per fortuna ci sono i mezzi di comunicazione per il contatto con gli amici»
di Evariste CITEYA MUTOMBO
La chiusura dovuta all'emergenza ha reso più forti le relazioni famigliari. Ma la presenza di tanti strumenti di comunicazione le influenza. Nel bene e nel male
21 mag 2020
«La quarantena non ferma la missione della Chiesa». Parla Don Idelfonso García
di Jesus PADILLA INIGUEZ
Durante la pandemia, per la Chiesa messicana «La sfida principale è stata avvicinare la Chiesa ai fedeli perché nessuno si sentisse lasciato abbandonato». E dopo l'emergenza non si tornerà indietro
19 mag 2020
i