venerdì 24 maggio 2019
Cardinale Lorenzo Baldisseri: “Dobbiamo lavorare con i giovani e correre al loro fianco”
di Mariaelena Iacovone
Intervenuto al convegno su "Giovani e Scelte di vita", ha ricordato che le nuove generazioni sono molto esigenti nei confronti della Chiesa e che il Sinodo dei Giovani nasce come occasione di ripensamento

Tra i relatori maggiormente attesi al Congresso “Giovani e Scelte di vita. Prospettive educative", c’era il Cardinale Lorenzo Baldisseri, Segretario Generale del Sinodo dei Vescovi.

Dopo aver dedicato una parte introduttiva ai principali materiali e documenti raccolti dalla Chiesa in vista del Sinodo, il Cardinale ha rivolto la sua attenzione al mondo giovanile, concentrandosi sul tema delle scelte di vita e delle prospettive educative.

Sin da subito ha tenuto sottolineare l’importanza dello scegliere, inteso non solo come atto personale, ma anche come azione volta a portare frutti, “fuoco” dentro l’anima del giovane. Da qui la necessità di «riconoscere il primato dell’essere amati e scelti, passando dal cartesiano cogito ergo sum (penso dunque sono) al cristiano cogitor ergo sum (esisto perché sono desiderato, voluto e creato). E questa rimane la verità fondamentale dell’esistenza da cui anche i giovani devono partire».

 

Dal punto di vista delle prospettive educative, invece, accanto al tema del discernimento - ha spiegato il Cardinale-   c’è quello dell’accompagnamento: gli adulti hanno il difficile compito di affiancare i giovani nella formazione della loro identità e nel passaggio alla vita adulta. «Abbiamo una necessità epocale di adulti di qualità, che sembra essere una merce rara in questi tempi. I giovani oggi sono molto esigenti nei confronti della Chiesa […] e il Sinodo dei Giovani nasce, per questo, come occasione di ripensamento», ha dichiarato Sua Eminenza.

I tempi sono decisamente cambiati e le realtà che ci circondano sono molteplici e complesse. La Chiesa deve, quindi, rinnovarsi, se intende avvicinare e parlare con i giovani. «La pastorale attuale non è sufficiente e i giovani desiderano una Chiesa più vicina e presente. Noi dobbiamo lavorare con i giovani e correre al loro fianco».

Al termine del suo intervento, il Cardinale Baldisseri si è esibito al pianoforte con due brani, condividendo, così, con i partecipanti al Congresso una delle sue passioni più grandi: la musica.

26 settembre 2018
AREA-
Luca Pozzolini: “Rattrista vedere molti giovani lontani dalla fede, ma...”
di Alexandro Rangga
Il dolore, la conversione, la serenità ritrovata. Storia di una fede riconquistata
23 mag 2019
Se non ti ami, non ami
di Chiara Monaldo
La mancanza di autostima e di amor proprio ha conseguenze rischiose. Per fortuna, siamo sempre in tempo per imparare ad amarci
13 mag 2019
La famiglia non può essere usata per escludere. Riflessioni dopo il Congresso di Verona
di Maria Grazia Tripi
Quello che poteva essere un dibattito interessante è diventata una battaglia tra due contendenti contrapposti. Ma i credenti sono portatori di una "buona" notizia...
1 apr 2019
Diventeremo tutti cyborg?
di Maria Grazia Tripi
Uno scienziato giapponese, Hiroshi Ishiguro, sostiene che il processo di evoluzione umana consiste nel passaggio dall'organicità all'inorganicità. Ne abbiamo parlato con Cristiana Freni.
12 mar 2019
Il grido della Chiesa Amazzonica va ascoltato
di Roberto Carrasco Rojas
Intervista al Cardinal Hummes, in occasione del seminario “Nuovi cammini per una Chiesa dal volto amazzonico", organizzato dalla Salesiana. Ecco il video.
7 mar 2019
i