lunedì 19 novembre 2018
Si è chiuso il sinodo dei giovani, ma il percorso è appena iniziato
di Rigobert Fumtchum
Il Sinodo dei giovani è stato un'esperienza molto ricca, dove vescovi e giovani, esperti e non esperti si sono ascoltati reciprocamente. Il documento finale apre a una nuova esperienza pastorale.

Dopo 26 giorni dedicati al sinodo dei vescovi del mondo con la presenza di esperti, laici e sopratutto dei giovani, domenica 28 ottobre 2018, in piazza San Pietro a Roma si è conclusa la XV assemblea dei vescovi. «Lo stile sinodale è il primo frutto del sinodo», ha detto papa Francesco.

Questo sinodo è stato un'apertura della chiesa che supera la sua metodologia piramidale. I participanti a questo incontro hanno espresso la loro soddisfazione nel lavorare insieme clerici e laici, anziani e giovani, esperti e non-esperti, cristiani e non-cristiani. Le voci e le grida dei giovani durante gli applausi erano i segni della loro presenza. Il papa, nei suoi molteplici interventi, ha sottolineato che la cosa più importante dell'incontro sta non nel documento finale, ma nella metodologia di lavoro, che ha condotto a questo documento.
Un lavoro di sinodalità molto impegnativo. Un'esperienza di comunione fraterna, di ecclesialità e di unità. Questo impegno di sinodalità «non si trova da nessuna parte tranne nella chiesa cattolica», ha detto il cardinale Louis Raphael Sako nel discorso di chiusura, sottolineando l'unità nella differenza.

Secondo papa Francesco, il tempo del sinodo dei giovani è stato un tempo di consolazione e di speranza, perché ciò che lo ha caratterizzato è stato l'ascolto dei giovani e delle loro storie di vita, delle loro idee e proposte per la missione evangelica. In questo modo, il sinodo dei giovani è stato un vero laboratorio di discernimento sulla realità dei giovani oggi e sulle riposte che corrispondono alle loro realtà.

Il documento finale è adesso disponibile ed è iniziato il tempo dei frutti. Più che la fine di un percorso, la fine del sinodo è il punto di partenza per un nuovo dinamismo pastorale, per tradurre il contenuto del documento finale nelle pratiche concrete, aspettando l'esortazione apostolica post-sinodale che verrà pubblicata nei prossimi mesi.

5 novembre 2018
AREA-
I giovani e la Chiesa: chi si allontana da chi?
di Roberto Carrasco Rojas
Riflessioni dopo il Sinodo: «Il problema non è tanto che i giovani lasciano la Chiesa, ma che in qualche modo la Chiesa aveva lasciato perdere loro». Intervista con il professore José Luis Moral.
17 nov 2018
Costa d'Avorio: le violenze dopo le elezioni e le speranze riposte nella Chiesa
di Brice Ulrich Afferi
Dopo dieci anni di pace sono scoppiate le violenze e si teme per le prossime elezioni politiche. La popolazione si aspetta un coinvolgimento della Chiesa nella vita del Paese
11 nov 2018
L'Eglise au Cameroun face au combat securitaire
di Dieudonne Baleba Baleba
Le prophétisme ecclésial ne s'aurait se confondre à un engagement politique partisan, l'Eglise doit rechercher et dire la vérité pour les plus faibles
8 nov 2018
Brasile, vince l'estrema destra. Ma la Chiesa è decisa a difendere uomini, donne e risorse
di Roberto Carrasco Rojas
Con Bolsonaro si interrompe il percorso di costruzione della democrazia. C'è preoccupazione per le minoranze e per l'Amazzonia. Ne abbiamo parlato con il decano della Facoltà di Teologia dell’UPS, Don Medeiros
31 ott 2018
Sinodo sull’Amazzonia, una sfida anche per i giornalisti
di Roberto Carrasco Rojas
Il Sinodo fa riflettere su come l'intero mondo dell’informazione, nonché l’opinione pubblica, sta trattando poco e male questo tema.
30 ott 2018