giovedì 15 aprile 2021
Si è chiuso il sinodo dei giovani, ma il percorso è appena iniziato
di Rigobert Fumtchum
Il Sinodo dei giovani è stato un'esperienza molto ricca, dove vescovi e giovani, esperti e non esperti si sono ascoltati reciprocamente. Il documento finale apre a una nuova esperienza pastorale.
5 novembre 2018

Dopo 26 giorni dedicati al sinodo dei vescovi del mondo con la presenza di esperti, laici e sopratutto dei giovani, domenica 28 ottobre 2018, in piazza San Pietro a Roma si è conclusa la XV assemblea dei vescovi. «Lo stile sinodale è il primo frutto del sinodo», ha detto papa Francesco.

Questo sinodo è stato un'apertura della chiesa che supera la sua metodologia piramidale. I participanti a questo incontro hanno espresso la loro soddisfazione nel lavorare insieme clerici e laici, anziani e giovani, esperti e non-esperti, cristiani e non-cristiani. Le voci e le grida dei giovani durante gli applausi erano i segni della loro presenza. Il papa, nei suoi molteplici interventi, ha sottolineato che la cosa più importante dell'incontro sta non nel documento finale, ma nella metodologia di lavoro, che ha condotto a questo documento.
Un lavoro di sinodalità molto impegnativo. Un'esperienza di comunione fraterna, di ecclesialità e di unità. Questo impegno di sinodalità «non si trova da nessuna parte tranne nella chiesa cattolica», ha detto il cardinale Louis Raphael Sako nel discorso di chiusura, sottolineando l'unità nella differenza.

Secondo papa Francesco, il tempo del sinodo dei giovani è stato un tempo di consolazione e di speranza, perché ciò che lo ha caratterizzato è stato l'ascolto dei giovani e delle loro storie di vita, delle loro idee e proposte per la missione evangelica. In questo modo, il sinodo dei giovani è stato un vero laboratorio di discernimento sulla realità dei giovani oggi e sulle riposte che corrispondono alle loro realtà.

Il documento finale è adesso disponibile ed è iniziato il tempo dei frutti. Più che la fine di un percorso, la fine del sinodo è il punto di partenza per un nuovo dinamismo pastorale, per tradurre il contenuto del documento finale nelle pratiche concrete, aspettando l'esortazione apostolica post-sinodale che verrà pubblicata nei prossimi mesi.

5 novembre 2018
AREA-
di Andrea Santoni
È lo slogan della "Giornata nazionale per la donazione di organi e tessuti", che si celebra domenica 11 aprile. Promossa del ministero della Salute e dal Centro nazionale trapianti per sensibilizzare i cittadini a donare, nonostante la pandemia
10 apr 2021
Social network, bambini e identità sessuale: cos'è cambiato rispetto al passato?
di Benedetta MARINO
Oggi, rispetto al passato, i ragazzi sono più stimolati a porsi domande sulla propria identità sessuale. E sul web trovano informazioni confuse e disfunzionali
9 apr 2021
La DAD apre nuove prospettive, ma non permette di andare in profondità
di Agostinho Augusto
Intervista con il professor Luca Bianchi, vice-rettore della Pontificia Università Antonianum
31 mar 2021
Le conseguenze nascoste del Covid: aumenta il lavoro minorile
di Marc-Auguste Kambiré
In diversi Paesi del mondo, i minori sono stati considerati "risparmiati" dal COVID-19: anche per questo, vengono messi al lavoro al posto degli adulti.
29 mar 2021
Donne e lavoro: il Covid amplifica le disuguaglianze, ma  il vento sta cambiando…
di Andrea Santoni
Secondo un rapporto delle Nazioni Unite, le donne sono le più colpite a livello lavorativo ed economico dagli effetti della pandemia. Ma in alcuni ambiti si intravvedono risposte per il futuro
26 mar 2021