venerdì 24 maggio 2019
Si è chiuso il sinodo dei giovani, ma il percorso è appena iniziato
di Rigobert Fumtchum
Il Sinodo dei giovani è stato un'esperienza molto ricca, dove vescovi e giovani, esperti e non esperti si sono ascoltati reciprocamente. Il documento finale apre a una nuova esperienza pastorale.

Dopo 26 giorni dedicati al sinodo dei vescovi del mondo con la presenza di esperti, laici e sopratutto dei giovani, domenica 28 ottobre 2018, in piazza San Pietro a Roma si è conclusa la XV assemblea dei vescovi. «Lo stile sinodale è il primo frutto del sinodo», ha detto papa Francesco.

Questo sinodo è stato un'apertura della chiesa che supera la sua metodologia piramidale. I participanti a questo incontro hanno espresso la loro soddisfazione nel lavorare insieme clerici e laici, anziani e giovani, esperti e non-esperti, cristiani e non-cristiani. Le voci e le grida dei giovani durante gli applausi erano i segni della loro presenza. Il papa, nei suoi molteplici interventi, ha sottolineato che la cosa più importante dell'incontro sta non nel documento finale, ma nella metodologia di lavoro, che ha condotto a questo documento.
Un lavoro di sinodalità molto impegnativo. Un'esperienza di comunione fraterna, di ecclesialità e di unità. Questo impegno di sinodalità «non si trova da nessuna parte tranne nella chiesa cattolica», ha detto il cardinale Louis Raphael Sako nel discorso di chiusura, sottolineando l'unità nella differenza.

Secondo papa Francesco, il tempo del sinodo dei giovani è stato un tempo di consolazione e di speranza, perché ciò che lo ha caratterizzato è stato l'ascolto dei giovani e delle loro storie di vita, delle loro idee e proposte per la missione evangelica. In questo modo, il sinodo dei giovani è stato un vero laboratorio di discernimento sulla realità dei giovani oggi e sulle riposte che corrispondono alle loro realtà.

Il documento finale è adesso disponibile ed è iniziato il tempo dei frutti. Più che la fine di un percorso, la fine del sinodo è il punto di partenza per un nuovo dinamismo pastorale, per tradurre il contenuto del documento finale nelle pratiche concrete, aspettando l'esortazione apostolica post-sinodale che verrà pubblicata nei prossimi mesi.

5 novembre 2018
AREA-
Luca Pozzolini: “Rattrista vedere molti giovani lontani dalla fede, ma...”
di Alexandro Rangga
Il dolore, la conversione, la serenità ritrovata. Storia di una fede riconquistata
23 mag 2019
Se non ti ami, non ami
di Chiara Monaldo
La mancanza di autostima e di amor proprio ha conseguenze rischiose. Per fortuna, siamo sempre in tempo per imparare ad amarci
13 mag 2019
La famiglia non può essere usata per escludere. Riflessioni dopo il Congresso di Verona
di Maria Grazia Tripi
Quello che poteva essere un dibattito interessante è diventata una battaglia tra due contendenti contrapposti. Ma i credenti sono portatori di una "buona" notizia...
1 apr 2019
Diventeremo tutti cyborg?
di Maria Grazia Tripi
Uno scienziato giapponese, Hiroshi Ishiguro, sostiene che il processo di evoluzione umana consiste nel passaggio dall'organicità all'inorganicità. Ne abbiamo parlato con Cristiana Freni.
12 mar 2019
Il grido della Chiesa Amazzonica va ascoltato
di Roberto Carrasco Rojas
Intervista al Cardinal Hummes, in occasione del seminario “Nuovi cammini per una Chiesa dal volto amazzonico", organizzato dalla Salesiana. Ecco il video.
7 mar 2019
i