lunedì 19 agosto 2019
Forum sulla pace: speranza o ipocrisia?
di Koffi Xolali Dadale
Oltre 80 capi di stato e di governo l'11 novembre a Parigi, dopo aver commemorato i 100 anni dell'armistizio della Guerra, hanno partecipato al primo Forum sulla pace. Obiettivo: difendere il multilateralismo.

La prima edizione del Forum sulla pace, inaugurata domenica 11 novembre a Parigi, è durata tre giorni e ha mirato a far avanzare la pace attraverso una migliore governance globale, promuovendo tutto ciò che contribuisce a ridurre le tensioni internazionali: cooperazione tra Stati, affrontare le sfide transfrontaliere, la gestione collettiva dei beni pubblici globali, una migliore regolamentazione degli interressi e scambi costruttivi. Il forum è stato "un'opportunità per riflettere sull'organizzazione del mondo a margine della commemorazione della fine della Grande Guerra per evidenziare la nostra responsabilità collettiva nei confronti di noi che dovremmo conoscere, meglio di tutti i nostri predecessori, ciò che ha guidato l'umanità alla sfortuna nel passato e ciò che potrebbe causare la sua perdita in futuro ", ha dichiarato il presidente francese, Emmanuel Macron, il 4 gennaio 2018.

Il primo giorno, il presidente francese e la Cancelliera tedesca, Angela Merkel, hanno fatto un forte appello al multilateralismo, mentre il Segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha messo in guardia contro un "ingranaggio" simile agli anni '30.
Cosa possiamo ricordare di questo giorno? Lasciamoci interrogare dalle diverse domande a cui si rivolgono Emmanuel Macron, Angela Merkel e Antonio Guterres.
"La storia conserverà indubbiamente un'immagine, quella di 84 capi di stato e di governo insieme, mentre ieri rappresentavano nazioni belligeranti, riunite sotto l'Arco di Trionfo in pace, ma ciò che rimane incerto per il il futuro è il modo in cui l'immagine sarà interpretata, sarà il simbolo di una pace duratura tra le nazioni, o la fotografia di un ultimo momento di unità ?", si chiede il presidente Macron e aggiunge che  "dipende solo da noi".


"Le sfide, le minacce per noi oggi, in genere non possiamo soddisfarle e risolverle a livello nazionale, quindi dobbiamo pronunciarci per questa azione congiunta, La prima guerra mondiale ci ha mostrato le conseguenze fatali del isolamento. Se, 100 anni fa, l'isolamento non era una soluzione, come ti aspetti che l'isolamento sia una soluzione oggi in un mondo totalmente interconnesso?", si domanda la cancelliera tedesca.
Intervenendo a sua volta il Segretario generale dell'ONU dice che "Molti elementi oggi sembrano venire dall'inizio del 20mo secolo, e fino agli anni '30, lasciando i timori di un ingranaggio invisibile."

 

Questo forum non è unanime: se il presidente americano ha rifiutato di partecipare a questo forum, molte altre voci denunciano l'ipocrisia di queste organizzazioni.
Dal lato africano, le voci che criticano il forum aumentano. Diverse associazioni e organizzazioni della società civile del continente hanno firmato un appello per manifestare: come dice RFI (Radio France internationale).
Queste organizzazioni denunciano l'ipocrisia di questo forum e parlano di mascherata in quanto, secondo loro, molti capi di stato africani invitati mantengono il potere con la forza e violano regolarmente i diritti umani. 

Rimane solo da ausipare che non siano solo belle parole, ma un impegno di tutti,  visto che ci sono tante persone che hanno sete di pace.

27 novembre 2018
AREA-
di Chiara Monaldo
Giugno per gli studenti è un momento di grandi cambiamenti. L'importante è sapere che la fine non è un fallimento e che il vero coraggio sta nel sapere quando lasciar andare qualcosa...
27 giu 2019
UNISAL: un nuovo indirizzo di studio e tante iniziative. Aria di novità a Scienze della Comunicazione
di Guy Ntanda Mulaisa
Intervista con il decano Fabio Pasqualetti, che spiega il nuovo curricolo di Comunicazione Sociale, Media Digitali e Cultura e fa un bilancio degli ultimi mesi
4 giu 2019
Di che formazione hanno bisogno i sacerdoti oggi, per ricoprire il loro ruolo nelle comunità?
di Dario Jean
La Chiesa ha bisogno di sacerdoti sani, di persone normali, di uomini che sanno rapportarsi non solo con Dio ma anche con le altre persone. Per questo la formazione deve essere solida e permanente
28 mag 2019
E se la Chiesa si
di Roberto Carrasco Rojas
Non si tratta solo del problema dell'ambiente, si tratta del nostro futuro come pianeta, come esseri viventi. Il Sinodo Panamazzonico è solo l'inizio di un processo già iniziato nella Chiesa.
25 mag 2019
Luca Pozzolini: “Rattrista vedere molti giovani lontani dalla fede, ma...”
di Alexandro Rangga
Il dolore, la conversione, la serenità ritrovata. Storia di una fede riconquistata
23 mag 2019
i