venerdì 5 giugno 2020
Rapporto Onu sulla disabilità: bisogna fare di più
di Rigobert Fumtchum
«Realizzare gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile da parte di, per e con le persone con disabilità»: è il titolo del rapporto ONU 2018 su disabilità e sviluppo, pubblicato il giorno della celebrazione della Giornata mondiale

Proclamata nel 1992 con la risoluzione 47/3 dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, il 3 dicembre 2018, è stata celebrata la 26ma Giornata Internazionale delle persone con disabilità con il tema "Rafforzare le persone con disabilità garantire l'inclusione e l'uguaglianza".

Circa 1 miliardo di persone nel mondo vivono con un qualsiasi disabilità e si sottopongono all'isolamento e alla discriminazione. In Italia, sono 4.360.000 le persone con disabilità, ossia il 7,2 per cento della popolazione. La celebrazione di questa giornata è un'opportunità per prestare maggiore attenzione a tutte le persone che soffrono di una disabilità fisica, mentale, funzionale, relazionale ed emotiva, e per migliorare le condizioni del loro accompagnamento durante tutto l'anno. 

L'Osservatorio Nazionale sulla salute nelle regioni italiane nell'occasione di questa celebrazione ha pubblicato una relazione il 30 novembre 2018. E' opportuno sottolineare di questo documento tre aspetti:

1) La situazione sociale delle persone disabili: circa 42 per cento dei disabili vive da solo con una perdita di autonomia, 1/4 con problemi di mobilita e molti con problemi psicologici. Secondo il rapporto, «una persona ultra 50enne su dieci non è autonomo nell'uso del telefono, nel prendere le medicine o nel gestire le proprie risorse economiche. Oltre un quarto non è in grado di prepararsi i pasti, fare la spesa o svolgere le attività domestiche».

2) In Italia ci sono pochi servizi e risorse disponibile rispetto agli altri paesi della UE: per la protezione sociale, secondo la stessa relazione, «nel 2016, sono stati spesi circa 28 miliardi di euro, il 5,8% del totale della spesa per la protezione sociale. L'impegno economico per questa funzione nei principali Paesi è fissato, mediamente, al 7,3% della spesa  per la protezione sociale.»

3) La carenza di servizi e assistenza formale da parte del sistema sociale: questa situazione fa sì che le famiglie si carichino la maggior parte dei servizi di assistenza e di cura. Ma con la bassa natalità nel paese ci si può chiedere nel futuro se le famiglie ce lo faranno.

Bisogna rivalutare le politiche di governo, in maniera che siano preso in considerazione le persone che vivono con disabilita per mettere al loro servizio dispositivi materiale di sostegno e risorse umane. Bisogna impegnarsi di più per ridurre le disuguaglianze e promuovere l'inclusione sociale "per un nuove modo di vivere e vedere la disabilità". 

 

5 dicembre 2018
AREA-
La paura farà diminuire o crescere la fede?
di Celine Louisette RAHANTASOA
La riapertura delle chiese era molto attesa dai cattolici, ma non era scontato che la gente tornasse a messa. Ecco come è andata in una parrocchia di Roma
1 giu 2020
A Roma riaprono i mercati e i cittadini si fidano
di Thi Dung TRAN
Il mercato Menenio Agrippa riapre dopo l'emergenza. Abbiamo fatto un giro tra i banchi di frutta, verdura, carne e pesce e raccolto alcune voci...
28 mag 2020
La nuova normalità in una visita medica
di Giulia Arpino
Una passeggiata e una visita medica ci fanno scoprire la nuova normalità. A cui dovremo abituarci.
27 mag 2020
«È bello stare in casa con la famiglia, ma per fortuna ci sono i mezzi di comunicazione per il contatto con gli amici»
di Evariste CITEYA MUTOMBO
La chiusura dovuta all'emergenza ha reso più forti le relazioni famigliari. Ma la presenza di tanti strumenti di comunicazione le influenza. Nel bene e nel male
21 mag 2020
«La quarantena non ferma la missione della Chiesa». Parla Don Idelfonso García
di Jesus PADILLA INIGUEZ
Durante la pandemia, per la Chiesa messicana «La sfida principale è stata avvicinare la Chiesa ai fedeli perché nessuno si sentisse lasciato abbandonato». E dopo l'emergenza non si tornerà indietro
19 mag 2020
i